confindustria

B20, Bonomi: segnali incoraggianti ma non ancora fuori da tunnel

Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi ha aperto i lavori del B20 Italy 2021, il Business summit riservato alle imprese e alle loro associazioni di rappresentanza

B20 Italy 2021, l’inception meeting

3' di lettura

«Il G20 è chiamato a portare risultati. Solidi, tempestivi ed efficaci. Il tempo è ora. Alcuni segnali incoraggianti cominciano ad essere visibili. Non ancora abbastanza per vedere la luce fuori dal tunnel. Ma sono segnali davvero positivi per la prima volta dal febbraio dello scorso anno». Così il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, aprendo i lavori del “B20 Inception Meeting”, l'evento che segna ufficialmente l'avvio dei lavori del Business summit nell'ambito del G20 sotto la presidenza italiana. Riservato alle imprese e alle loro associazioni di rappresentanza, quest'anno il B20 si svolge con la regia di Confindustria. Oltre 1.000 delegati dei Paesi del G20, tra cui dirigenti delle principali multinazionali, il B20 riunisce complessivamente 3.000 partecipanti in rappresentanza di una comunità di oltre 6,5 milioni di imprese. Sarà la Chair Emma Marcegaglia, nominata dal Presidente di Confindustria Carlo Bonomi alla guida del B20, a coordinare i lavori e ad elaborare le proposte del mondo economico ai leader politici.

Gualtieri: continuare sforzi per ripresa sostenibile

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri aprendo i lavori del B20 ha sottolineato che la presidenza italiana del G20 «incoraggerà» a «continuare gli sforzi per superare la pandemia e promuovere una ripresa sostenibile, equilibrata e inclusiva». La battaglia contro il Covid «è tutt'altro che finita», la ripresa globale «è ancora debole e irregolare» e gli effetti peseranno «negli anni a venire». Per questo «le politiche devono» continuare a sostenere l'economia finché non ci sarà una «salda» ripresa. Invertire la rotta ora sarebbe «un errore costoso». Tra gli impegni presi dal ministro, il tentativo di «raggiungere un accordo generale sulla tassazione dell'economia digitale e sulla definizione di un minimo globale di imposizione effettiva, a partire dal lavoro dell'Ocse».

Loading...

Bonomi: pandemia spartiacque, serve cambio sistemico

Il leader degli industriali ha definito la pandemia uno «spartiacque», perché ha rivelato che la governance globale è «pericolosamente frammentata e intrinsecamente fragile». Mentre il «coordinamento, l'inclusione e la condivisione del processo decisionale sono le uniche vie da seguire». Ecco perché «rispetto alla crisi dello scorso decennio, quella attuale richiede al G20 di attuare un cambiamento sistemico». Di qui la richiesta al G20 «di tornare ad essere un 'consiglio' in cui i leader concordino azioni urgenti, approvino linee guida di coordinamento di alto livello, le facciano applicare, ne controllino la conformità e i compiti pertinenti e stimolino le istituzioni e le organizzazioni internazionali ad adottare regole vincolanti ove necessario».

«Fondi pubblici siano investiti in modo proficuo»

Bonomi ha ricordato anche che «nella maggior parte delle economie mondiali vengono utilizzati enormi pacchetti di stimolo» nella crisi pandemica. E che «indipendentemente dalla crisi pandemica, il panorama geopolitico non è mai stato così complesso per le imprese come negli ultimi anni». Poi ha spiegato che «l'unica strada percorribile e alla quale lavoriamo è che le forze di mercato siano i motori dell'allocazione delle risorse e che i fondi pubblici siano investiti in modo proficuo».

Marcegaglia: «Il 2021 sarà l’anno del Rinascimento»

«Il 2021 deve essere e sarà l'anno del Rinascimento, va ricordato come l'anno in cui il virus è stato sconfitto e in cui è stato possibile il ritorno alla crescita». Proprio per questo, ha sottolineato la chair del B20, Emma Marcegaglia, il G20 e B20 italiani saranno di grande importanza. «L'Italia sarà all'altezza, dimostrerà la sua leadership, suggeriremo azioni concrete che devono essere adottate tempestivamente in modo efficace». La Marcegaglia è stata nominata al vertice del B20 dal presidente di Confindustria, Carlo Bonomi. Dal B20 arriveranno le raccomandazioni di policy ai capi di Stato e di governo. La chair ha tracciato alcuni pilastri: un sano multilateralismo, inclusione sociale, lotta ai cambiamenti climatici, innovazione. Ed ha sottolineato il cambio di presidenza negli Usa, con Joe Biden: potremo ricostruire forti relazioni Europa e Usa, a vantaggio di tutti».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti