ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùImpasse sui crediti

Bonus casa, come cambia il calendario. Verso limite di 3 cessioni dei crediti

Sta per chiudersi la finestra per i trasferimenti multipli, ma si pensa già a correggere le procedure sui crediti e sui termini per il 110%

di Dario Aquaro e Cristiano Dell'Oste

Articolo aggiornato il 14 febbraio alle 18.45

Superbonus, Draghi: è bloccato per colpa delle frodi

5' di lettura

È in arrivo la quarta modifica in meno di quattro mesi alle regole per la cessione dei bonus casa. Dopo la stretta del decreto Antifrodi (12 novembre), la legge di Bilancio (1° gennaio) e lo stop alle cessioni multiple con il decreto Sostegni-ter (17 febbraio), si prospetta ora un altro intervento per scongiurare il blocco del mercato e dei cantieri.

Allo studio c’è un sistema di tracciamento dei crediti d’imposta, da abbinare allo sblocco selettivo delle cessioni successive alla prima. L’obiettivo indicato dal ministro dell’Economia, Daniele Franco, è «far ripartire il mercato, ma in modo più sicuro». Evitando, cioè, che si ripetano le frodi-record, con oltre 4 miliardi di euro di crediti sospetti su 38,4 miliardi di cessioni comunicate alle Entrate al 31 dicembre scorso.

Loading...

Le nuove norme potrebbero arrivare con un emendamento al Milleproroghe o nel prossimo decreto sulle Bollette che il governo porterà nel Consiglio dei ministri previsto giovedì 17 o venerdì 18 febbraio. Oltre al codice identificativo - una sorta di bollino che accompagnerà le operazioni di cessioni del credito - è anche previsto un limite massimo di tre cessioni del credito se queste operazioni avvengono all’interno del sistema bancario.

In attesa che le nuove regole vengano messe nero su bianco – e diventino operative – bisogna fare i conti con un calendario dei bonus che si è via via complicato. E in cui le tempistiche per il trasferimento dei crediti d’imposta si incrociano con le scadenze delle diverse agevolazioni

LE SCADENZE
Loading...

Tempi diversi, regole diverse

Prendiamo una piccola spesa da 8mila euro – detraibile al 50% – per la riparazione e la messa a norma del locale caldaia in condominio, effettuata prima dell’accensione dell’impianto. Se è stata fatturata e pagata entro l’11 novembre – e se entro quella data l’amministratore aveva già stipulato la cessione con la banca – è cedibile senza formalità, ancora oggi. Se invece l’accordo con la banca è stato siglato dal 12 novembre in poi, allora il discorso cambia: chi ha comunicato la cessione entro il 31 dicembre ha avuto bisogno dell’asseverazione di congruità della spesa e del visto di conformità; chi ha aspettato può fare l’invio senza asseverazione né visto dallo scorso 4 febbraio fino al 7 aprile (la franchigia per i piccoli interventi introdotta dalla manovra, infatti, è in vigore dal 1° gennaio, ma le Entrate hanno aperto solo dopo un mese il canale per l’invio semplificato, prorogando proprio al 7 aprile il termine originario del 16 marzo).

A tutte queste ipotesi, inoltre, si applica il divieto di cessioni successive alla prima dettato dal Dl Sostegni-ter: perciò, da giovedì prossimo (17 febbraio), il credito d’imposta del 50% sui nostri 8mila euro potrà essere trasferito ancora una volta, a prescindere dal numero di cessioni già effettuate. La stessa data vale per tutti i bonus – compreso il 110% – con la sola eccezione della nuova detrazione del 75% contro le barriere architettoniche: qui, lo stop alle cessioni multiple scatta dal 7 marzo. Il tutto in attesa di conoscere i dettagli dello sblocco “selettivo” annunciato venerdì scorso dal premier Mario Draghi: potrebbe essere nuovamente consentito un numero limitato di cessioni supplementari tra operatori qualificati (banche e intermediari finanziari).

La scadenza dei bonus

A ingarbugliare ancora di più un calendario che è inevitabilmente provvisorio sono le scadenze delle diverse agevolazioni. Il fattore tempo è cruciale soprattutto per le detrazioni che hanno un orizzonte temporale limitato: qualche mese di blocco può forse essere ammortizzato senza troppi danni per chi sta sfruttando i bonus ordinari – prorogati dalla manovra fino al 2024 – ma potrebbe mandare fuori giri chi sta guardando alla scadenza del 30 giugno (superbonus per le case monofamiliari e le unità indipendenti) e a quella del prossimo 31 dicembre (bonus facciate al 60% e detrazione contro le barriere architettoniche al 75%).

Tra le tante richieste e ipotesi avanzate dalla politica c’è anche quella di spostare in avanti il termine del 30 giugno per il 110% per le villette. Ma dal mondo produttivo – Ance in primis – arriva soprattutto il pressing per anticipare le modifiche rispetto alla conversione del decreto Sostegni-ter (per la quale c’è tempo fino al 28 marzo).

Domande e Risposte

1 - Per cedere i bonus edilizi è sempre necessario asseverare la congruità delle spese e avere il visto di conformità?
In realtà, per la cessione e lo sconto in fattura del superbonus l’asseverazione tecnica e il visto di conformità sono richiesti fin dal 2020.
Poi con il Dl Antifrodi – in vigore dal 12 novembre 2021 – è stato introdotto l’obbligo di asseverazione di congruità delle spese e visto per poter trasferire tutti gli altri bonus edilizi diversi dal 110 per cento. Infine, la legge di Bilancio 2022 ha allentato quest’ultimo obbligo, escludendolo per i lavori di edilizia libera e per quelli fino a 10mila euro.

2 - Quando è scattato il divieto di cessioni multiple e quali crediti d’imposta riguarda?
In base al decreto Sostegni-ter, dal 17 febbraio sarà consentita solo una cessione del credito d’imposta (il termine del 7 febbraio fissato dal decreto legge è stato posticipato dalle Entrate). Quindi, in caso di vendita del bonus da parte del beneficiario, l’acquirente non potrà a sua volta trasferire il credito. In caso di sconto in fattura, invece, l’impresa che applica lo sconto avrà la facoltà di vendere il credito a un altro soggetto, che però a quel punto non potrà più cederlo.

3 - Perché il mercato delle cessioni dei crediti d’imposta ha subìto un blocco così forte?
Lo stallo dipende da vari fattori: l’effetto delle inchieste della magistratura, con i sequestri ma anche i controlli preventivi; i continui cambi normativi, che hanno generato incertezza e, di riflesso, cautela da parte degli acquirenti; lo stop alle cessioni multiple, che ha avuto effetto analogo. Inoltre, asseverazioni e visti sono un costo in più e solo di recente è stato chiarito che queste spese sono detraibili e che si possono usare i prezzari della casa editrice Dei per le asseverazioni.

4 - Quali modifiche sono in arrivo? E a partire da quando?
Diversi esponenti del Governo e del Parlamento hanno annunciato l’intenzione di “sbloccare” l’acquisto dei crediti d’imposta. Le disposizioni saranno in Consiglio dei ministri nei prossimi giorni, anche se alcuni parlamentari hanno ipotizzato intervenire anche con gli emendamenti al decreto Sostegni-ter (Dl 4/2022, da convertire in legge entro il 28 marzo).
Tra le ipotesi sul tavolo, c’è lo sblocco alle cessioni successive, almeno da parte d alcuni operatori come le banche, e l’introduzione di un “bollino”, cioè un identificativo per ogni credito d’imposta che ne consenta la circolazione sicura, evitando le frodi.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti