ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEnergia

Bonus per elettricità e gas, richieste record In regione istanze più che raddoppiate

di Michelangelo Bonessa

2' di lettura

Un’esplosione di bonus per il gas in un anno. La Lombardia è infatti in cima alla classifica delle Regioni per richieste di sconti in bolletta già dal 2020, ma nel 2021 si è registrata un’impennata di domande per ottenere il gas scontato: da meno di 100mila istanze nel 2020 a 250mila nel 2021. E per l’elettricità lo scenario cambia di poco, perché la Lombardia è l’unica regione del nord (in testa ci sono Campania e Sicilia) tra le prime tre in classifica per richieste di riduzione dei canoni.

A certificarlo sono i dati dell'ultimo rapporto dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) sui bonus sociali previsti per legge già dal 2008.

Loading...

Questo boom degli sconti è dato anche dall’impegno del governo nazionale che negli ultimi tre anni ha provato a cambiare le regole per riconoscerli: dal 2008 infatti solo un terzo della platea di potenzialmente interessati accedeva agli sconti, in buona parte perché era necessario presentare la domanda ogni anno e spesso i nuclei famigliari non sapevano di averne diritto nonostante le campagne informative dell’Autorità competente.

Poi su spinta della stessa Arera e della crisi causata dalla pandemia a Roma hanno deciso di automatizzare il bonus con il decreto legge numero 124 del 26 ottobre 2019: compilando una Dichiarazione Sostitutiva Unica reperibile sul sito dell’Inps era possibile ottenere rapidamente gli sconti in bolletta che ammontavano al «30% della spesa elettrica al lordo delle imposte, stimata con riferimento ad una famiglia con consumi medi e pari al 15% della spesa gas al netto delle imposte», specifica il report Arera.

Dal primo gennaio 2021 i bonus sono diventati automatici: per averne diritto però è necessario avere un Isee massimo di 12mila euro per le generalità delle famiglie e di 20mila euro per le famiglie con oltre quattro figli a carico (soglie alzate con il Decreto Aiuti ter e valide dal 1° aprile 2022) o in alternativa il nucleo famigliare doveva risultare percettore di reddito di cittadinanza.

Se negli ultimi due anni i beneficiari sono triplicati a livello nazionale superando i 2,5 milioni di nuclei famigliari, non è detto che l’impennata si fermi perché l’attuale crisi energetica potrebbe contrarre gli Isee di molte famiglie. I dati definitivi per il 2022 non sono ancora disponibili, ma i bonus per elettricità e gas sono stati ulteriormente rafforzati con la Legge di bilancio 2022 che per il primo trimestre 2022 stabiliva un tetto massimo di spesa di 912 milioni di euro e con il Decreto Aiuti bis la soglia di spesa per l'intero anno è stata alzata a 2.420 milioni.

Nel frattempo, il report Arera disegna un’Italia divisa a metà perché «mentre per il bonus elettrico si registra un percentuale maggiore di agevolazioni nelle regioni del Sud, si registrano più percettori di bonus gas nelle aree del Nord-Ovest, come conseguenza della più elevata concentrazione di reti di distribuzione del metano nelle regioni settentrionali».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti