Mobilità sostenibile

Bonus al lavoratore che arriva in ufficio in bici

La società bolognese G.D incentiva le modalità di trasporto meno inquinanti

di Gennaro Speranza


default onloading pic
Rastrelliere a Bologna (AdobeStock)

2' di lettura

Premiare i dipendenti che si recano sul posto di lavoro in maniera ecosostenibile con un bonus di natura economica, da utilizzare per ottenere sconti sull’abbonamento al trasporto pubblico o crediti di vario genere su prodotti e servizi. In Italia sono sempre più diffuse le iniziative di welfare aziendale di questo tipo, e cioè che incentivano i dipendenti ad adottare modalità di trasporto per gli spostamenti casa-lavoro che presentano caratteristiche non inquinanti ed a sempre minore impatto ambientale. Molte imprese e pubbliche amministrazioni infatti cominciano a sperimentare formule sempre più innovative che vanno in questa direzione. Un caso interessante è quello della G.D di Bologna, società leader a livello mondiale nella produzione di macchine per il packaging del tabacco, che ha dato il via a un’avanzata sperimentazione di welfare aziendale che riguarda la mobilità casa-lavoro dei circa 2mila dipendenti che lavorano presso lo stabilimento produttivo bolognese.

La sperimentazione di G.D prevede il lancio nel corso di questi primi mesi del 2020 di un’app per smartphone e tablet grazie alla quale i lavoratori che raggiungono il posto di lavoro a piedi, in bicicletta, a bordo di auto condivise con altri colleghi (car pooling) oppure grazie a mezzi pubblici (bus, treno) potranno usufruire di una serie di benefit. Nello specifico, i dipendenti che optano per pratiche di mobilità virtuose possono accedere, grazie all’app e su base esclusivamente volontaria, a un programma di accumulo punti. Una volta raggiunti in un anno almeno 2.000 punti, questi possono essere convertiti in un bonus di 200 euro. Una cifra cospicua da utilizzare sulla piattaforma di welfare aziendale Easy Welfare dove è possibile acquistare prodotti previdenziali, sanitari, di fitness ecc. in base agli accordi dell’azienda con la piattaforma.

Ma non è tutto. Il premio per le scelte di trasporto green si arricchisce di un ulteriore benefit: l’aumento del contributo aziendale per l’acquisto dell’abbonamento annuale al trasporto pubblico (urbano o interurbano) presso l’azienda Tper. Si passa, infatti, dal contributo aziendale del 10% del 2019 al 70% per il 2020, che diventa 80% se l’abbonamento viene confermato nel 2021, fino alla totale gratuità. La logica di G.D, insomma, è quella di innescare una catena di comportamenti virtuosi ecosostenibili attraverso un meccanismo “premiante”; un circolo virtuoso che tra l’altro si riverbera in maniera positiva anche sulla qualità della vita dei cittadini e in generale sulla sostenibilità ambientale della città. Per questo motivo quello messo in atto da G.D è un approccio decisamente innovativo al tema della mobilità aziendale e degli spostamenti casa-lavoro.

G.D, tra l’altro, non è nuova a iniziative innovative sul fronte dell’ambiente e del welfare aziendale. Già dal 2019, infatti, l’azienda bolognese ha inaugurato un percorso di “liberazione” dalla plastica con la distribuzione a tutti i dipendenti di borracce e l’installazione di erogatori d’acqua per ridurre l'utilizzo di bottiglie di plastica. Inoltre, i posti auto destinati al car pooling nei parcheggi aziendali sono stati estesi anche ai veicoli full electric.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...