scaleup

Boom chiude un round da 6 milioni

Lead investor dell'operazione è United Ventures, fondo di venture capital specializzato in investimenti nelle tecnologie digitali.

di Mo.D.

default onloading pic

Lead investor dell'operazione è United Ventures, fondo di venture capital specializzato in investimenti nelle tecnologie digitali.


2' di lettura

BOOM, scale-up phototech italiana, ha chiuso un round di Serie A da 6 milioni di euro. L’operazione ha l’obiettivo di supportare l'espansione globale e il continuo sviluppo della piattaforma tecnologica. Lead investor dell'operazione è United Ventures, fondo di venture capital specializzato in investimenti nelle tecnologie digitali, con la partecipazione di Wellness Holding di Nerio Alessandri, fondatore e presidente di Technogym. Tra gli investitori che continuano a credere nella società anche Viris e Anya Capital.

In seguito all'aumento di capitale, BOOM si trasforma in S.p.A., e si pone l'obiettivo di raggiungere il 5% di market share nel mercato globale della fotografia commerciale e costruire una presenza in ogni Paese del mondo.La mission di BOOM è trasformare il settore della fotografia commerciale, sviluppando il sistema più efficiente al mondo per gestire in maniera sistematizzata e scalabile la produzione di contenuti fotografici a livello globale.

Loading...

È l'unico player italiano in questo segmento e uno dei leader a livello mondiale, su un mercato che ha un valore annuo di 80 miliardi di dollari con una crescita del 5% anno su anno.La piattaforma proprietaria di BOOM, denominata Order System, automatizza il ciclo di produzione fotografica per le aziende: è in grado di gestire servizi fotografici dalla prenotazione alla consegna, senza limiti di numerica o location, garantendo la produzione di contenuti di alta qualità in sole 24 ore.

Fondata nel 2018 da Federico Mattia Dolci, Jacopo Benedetti e Giacomo Grattirola, BOOM cresce del 20% mese su mese e del 300% anno su anno, e ha già processato oltre 3 milioni di immagini per clienti globali in oltre 80 Paesi (una media di 1 servizio fotografico al minuto) nei settori del real estate, travel, food & beverage ed e-commerce. Tra i mercati in cui BOOM è attiva anche UK e USA, dove verranno aperti uffici per supportare il network di fotografi, in continua crescita: 35.000 secondo gli ultimi dati.

Focus della scaleup rimane una crescita sostenibile e fermamente basata su domanda e offerta, che permetterà al team di provare a raggiungere la redditività nel 2022. Entro la fine del 2020 il team sarà composto da 100 persone, con l'obiettivo di 100 milioni di dollari di fatturato entro il 2024. A partire da oggi, nel cda siederanno anche Andrea Guerra, ex amministratore delegato del Gruppo Luxottica ed ex presidente di Eataly, e Paolo Gesess, co-fondatore e managing partner di United Ventures.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti