ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùConsumi

Boom di surgelati a tavola, mercato da 4,8 miliardi (+5,3%)

Raggiunto il picco di 16 chilogrammi pro capite

di Giovanni Uggeri

2' di lettura

Gli alimenti surgelati segnano un nuovo record nei consumi degli italiani raggiungendo nel 2021 i 16 chilogrammi pro capite, per un totale complessivo di oltre 941 mila tonnellate, in crescita del 5,1% rispetto al 2021. Il trend positivo deriva sia dalle vendite nel retail (+1,7%) sia da quelle fuori casa che, seppur lontane dai livelli pre Covid, segnano un rimbalzo del 19,6%, dopo il brusco crollo del 2020 (-37%), causato dal lockdown e dalle chiusure forzate.

E’ il bilancio tracciato dal Rapporto Annuale sui Consumi dei prodotti surgelati di IIAS (Istituto Italiano Alimenti Surgelati), secondo cui, il valore di mercato del comparto oscilla tra i 4,6 e i 4,8 miliardi nel 2021 (+5,3%) “Il 2022 - dice il presidente Iias, Giorgio Donegani - si è aperto con non poche criticità”, con una leggera frenata del canale retail, “peraltro ampiamente attesa dopo due anni di aumenti straordinari” (quasi +14% a volume nel periodo 2020-2021 rispetto ai valori pre-Covid), ma con un’ottima tenuta dell’indice di penetrazione negli acquisti delle famiglie italiane. Prosegue, inoltre, la ripresa dei consumi fuori casa, incoraggiata dagli ulteriori allentamenti delle misure restrittive. Nel freezer degli italiani ci sono in primis i vegetali, seguiti da pesce e patate. In crescita pizze e snack, ma anche i piatti già preparati. Sul fronte dell’export, nell’ultimo biennio (2019-2021) crescono soprattutto le pizze surgelate Made in Italy (+18,1% a valore e +17,7% a volume).

Loading...

«L’andamento delle esportazioni - commenta Donegani- conferma la grande vitalità del settore, malgrado le non poche difficoltà, prima a causa del perdurare della pandemia, poi per gli aumenti dei prezzi energetici e delle materie prime, per i crescenti problemi nella logistica e nei trasporti e, da febbraio di quest’anno, per lo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina, con il conseguente inasprimento dei rapporti internazionali. In questo complesso, il mercato americano sta assumendo una importanza strategica anche per l’export del frozen food italiano»

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti