WALL STREET

Borsa, rivoluzione Dow Jones: Exxon e Pfizer fuori dall’indice

Esce anche Raytheon Technologies. Entrano Salesforce.com, Amgen e Honeywell International

(EPA)

2' di lettura

Il colosso petrolifero Exxon, il gigante farmaceutico Pfizer e Raytheon Technologies vengono 'cacciati' dal Dow Jones nell'ambito della maggiore riorganizzazione dell'indice degli ultimi sette anni. Al loro posto entreranno Salesforce.com, Amgen e Honeywell International. Il cambio è legato al frazionamento azionario di Apple. L'espulsione di Exxon, la maggiore società al mondo fino al 2011, è particolarmente notevole perché riflette il calo delle imprese di commodity nell'economia americana e l'ascesa di quelle tecnologiche.

La decisione di Apple, che sta perdendo 1,89% dello split 4x1 delle sue azioni ha inciso anche nella composizione del Dow Jones che ha annunciato modifiche “che riflettono meglio l'economia americana”. In un comunicato, S&P Dow Jones Indices ha annunciato che Salesforce.com, azienda di cloud computing, sostituirà nell'indice la compagnia petrolifera Exxon Mobile, che con le sue società era presente nel Dow sin dal 1928. La biotecnologica Amgen Inc. sostituirà la farmaceutica Pfizer Inc., la multinazionale Honeywell International Inc (attiva dall’aeronautica alle costruzioni) entrerà al posto di Raytheon Technologies Corp.

Loading...

Le modifiche avranno luogo il 31 agosto. La direzione intrapresa da Apple ridurrà la ponderazione del settore tecnologico dell'indice, da qui la decisione di introdurre altre compagnie “per compensare la riduzione e diversificare 'indice rimuovendo la sovrapposizione tra società di portata simile” e aggiungendo nuovi tipi di attività più rispondenti al momento economico vissuto dagli Usa. Unica società del settore petrolifero rimasta nell'indice Down è la Chevron (-1,24%) indice di un grande cambiamento del mercato.

Salesforce, Amgen e Honeywell International guadagnano rispettivamente il 3,05%;il 4,54% e il 3,25%, mentre Exxon Mobil, Pfizer e Raytheon Technologies perdono rispettivamente il 2,77%, il 2,16% e il 2,79%

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti