ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Nuova offensiva russa gela l’Europa, Milano (-4,1%) a minimo da luglio. Corrono petrolio e gas

Prevalgono le vendite sull'azionario,con le truppe russe che assediano la capitale ucraina. Salgono l'oro e il dollaro, il rendimento sul Bund torna in negativo e lo spread cala a 144 punti. La Borsa di Mosca resta chiusa

di Stefania Arcudi e Paolo Paronetto

Aggiornato alle 17.37

La Borsa, gli indici dell’1 marzo 2022

5' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - La nuova offensiva russa, il nulla di fatto dei primi negoziati russi-ucraini, l'avanzata russa a Kiev e l'alta tensione tra Mosca e i Paesi dell'Europa occidentale hanno fatto scivolare le Borse europee, che hanno accusato forti perdite, a partire dal FTSE MIB di Milano, scivolato ai minimi da luglio e sotto quota 25.000 punti, seguito da CAC 40 di Parigi, DAX 40 di Francoforte,IBEX 35 di Madrid e AEX di Amsterdam. Leggermente meglio Londra, in calo di meno di un punto.
Le vendite hanno colpito prima di tutto il settore dei viaggi e trasporti, i retailer, le auto e le utility. Mentre si intensifica l'offensiva russa su Kiev e si allontanano le speranze di un accordo, tornano gli acquisti sugli asset rifugio. Fino a questo momento nè i primi incontri tra delegati russi e ucraini nè il colloquio tra il presidente russo Putin e quello francese Macron hanno aperto reali spiragli di una tregua e le immagini satellitari, riportate dai media internazionali, indicano la presenza di una colonna di mezzi militari russi lunga 60 km alle porte della capitale ucraina Kiev.

Riprendono a correre i prezzi dell'energia: il petrolio tratta oltre la soglia dei 100 dollari al barile a Londra e il Wti al Nymex sale oltre i 101 dollari al barile, livello che non si vedeva da luglio 2014, riprende a volare anche il prezzo del gas che avanza di oltre il 12%. Sul mercato dei cambi, il dollaro si rafforza sull'euro, denaro sullo yen giapponese e il franco svizzero, classici beni rifugio. Il rublo russo che recupera decisamente terreno su dollaro ed euro. Sul mercato dei titoli di Stato torna in negativo il rendimento del Bund a 10 anni (-0,02%) e quello dei BTp arretra all'1,53%. Oro in rialzo a 1924 dollari l'oncia (+1,2%).

Loading...

Wall Street in calo, investitori seguono sviluppi conflitto

Andamento in calo a Wall Street, in scia all'Europa, con ribassi comunque non molto vistosi. Gli investitori continuano a seguire gli sviluppi del conflitto in Ucraina e riassestano i loro portafogli anche alla luce delle nuove sanzioni imposte da Stati Uniti e Unione europea. Gli investitori attendono anche le parole del presidente statunitense Joe Biden, che terrà il suo primo discorso sullo stato dell'Unione, durante il quale, senza dubbio, discuterà anche delle sanzioni contro Mosca e delle prossime mosse da compiere. A proposito delle sanzioni contro la Russia, Visa e Mastercard, società leader a livello globale nell'emissione delle carte di credito, hanno bloccato diverse istituzioni finanziarie russe dalla loro rete. Il risultato è che è praticamente impossibile effettuare un pagamento con carta di credito a Mosca. Il presidente della Fed, Jerome Powell, testimonierà mercoledì e giovedì in Congresso, dove presenterà il consueto rapporto semestrale sulla politica monetaria; gli investitori attendono naturalmente delle indicazioni sulle prossime mosse della Banca centrale statunitense. Secondo gli esperti, la crisi ucraina convincerà la Fed a procedere solo con un rialzo dei tassi di interesse di 25 punti base a marzo, e non di 50 punti base, per frenare l'inflazione.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

A Piazza Affari Ftse Mib sotto i 25.000, si salva Leonardo

A Milano, dove il FTSE MIB è tornato sotto i 25.000 punti ed è ai minimi da luglio 2021, pesante Moncler e nel settore finanziario Intesa Sanpaolo e Finecobank. Male anche Iveco Group con il ribasso del comparto auto, che frena anche Stellantis nel giorno della presentazione del piano di lungo termine. Si salva Leonardo - Finmeccanica favorita dalla naturale attenzione degli investitori per le attività della difesa in questa fase e dalla possibilità di un riassetto di Oto Melara e Wass. In controtendenza anche Eni con i prezzi del greggio in ascesa e Terna. Unicredit ha avuto un exploit iniziale per poi ripiegare dopo aver definito il dividendo 2021 a 0,538 euro per azione (dato superiore a quello provvisorio annunciato a metà febbraio).

Spread cala a 144 punti, tasso scende all'1,4%

I rendimenti sui titoli di Stato italiani accentuano la loro corsa al ribasso sull'onda delle attese degli operatori che, alla luce delle conseguenze economiche della guerra russo-ucraina, puntano su un rinvio della stretta della Bce sui tassi e sull'esaurimento in tempi più lunghi della politica monetaria accomodante dell'Eurotower. Il rendimento del BTp benchmark decennale, che in avvio era indicato all'1,69% (1,76% il riferimento della vigilia) ora oscilla sulla soglia dell'1,40%. In calo si segnala anche il rendimento del BTp benchmark scadenza 15/01/2027, che vale al momento lo 0,53% dallo 0,92% del closing precedente. Sulla scadenza a 2 anni il rendimento è tornato a varcare al ribasso la soglia dello 0% e si attesta a -0,26% (0,04% ieri). Più contenuta la contrazione dello spread tra BTp e Bund, principalmente a causa della traslazione verso il basso della curva dei rendimenti dei titoli di Stato tedeschi con il Bund decennale che è tornato negativo e si attesta ora -0,04%. Il differenziale tra Italia e Germania sulla scadenza decennale vale al momento a 144 punti base dai 159 punti base dell'ultimo riferimento precedente.

Vola il bitcoin, sospetto di uso per aggirare sanzioni

Torna a volare il bitcoin dopo lo scivolone accusato la scorsa settimana con l'inizio dell'offensiva bellica russa in Ucraina che aveva portato la criptovaluta a scendere verso quota 35.000 dollari. Il Bitcoin si muove ora sopra i 40.000 dollari trascinando con sé al rialzo il resto del comparto dove fra gli altri svetta l'ethereum. L'improvvisa sterzata al rialzo delle criptovalute è arrivata in coincidenza con l'annuncio da parte del tesoro americano delle sanzioni contro la banca centrale russa - con cui non è più possibile effettuare transazioni - e del provvedimento di congelamento di alcuni asset russi, mossa che era stata peraltro preceduta da analoghe sanzioni di parte europea. Il sospetto di molti operatori del mercato è che il settore delle criptovalute possa essere utilizzato da individui o società russe per eludere le sanzioni e portare a termine operazioni altrimenti vietate tramite i canali ufficiali. A questo proposito, secondo quanto riferito da Bloomberg, l'amministrazione Biden sta chiedendo agli piattaforme di trading di criptovalute di aiutare a monitorare le transazioni che potrebbero essere utilizzate da individui o entità russe per aggirare le restrizioni e la stessa Ucraina domenica sera ha chiesto alle medesime piattaforme di bloccare gli indirizzi facenti capo a utenti russi. Al tempo stesso il mondo delle criptovalute sta fornendo sostegno al governo di Kiev. Secondo la società di analisi blockchain Elliptic infatti l'Ucraina ha ricevuto donazioni in criptovalute per l'equivalente di 23 milioni di dollari da 24mila sostenitori per la sua difesa contro la Russia.Cop

La Borsa di Mosca resta chiusa

Le contrattazioni su azioni e derivati alla Borsa di Mosca resteranno chiuse nella seduta di martedì 1 marzo. In un comunicato, la Banca centrale russa ha detto che informerà sul futuro delle operazioni prima delle ore 6 di mercoledì. Anche lunedì 28 febbraio la Borsa è rimasta chiusa per tutta la seduta, per evitare il crollo delle quotazioni. Il rublo ha toccato il minimo storico perdendo un terzo del suo valore nonostante la Banca centrale russa abbia più che raddoppiato il tasso di riferimento.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti