la giornata dei mercati

Borse caute, Milano in lieve calo con effetto cedole. Oro a nuovi massimi

Gli investitori provano a districarsi tra le spinte rialziste della politica monetaria e quelle ribassiste della geopolitica

di A. Fontana e P. Paronetto


default onloading pic

3' di lettura

Seduta nel segno della cautela per le Borse europee, che attendono l'avvio del G20 di Osaka, venerdì, e l'atteso vertice tra il presidente Usa, Donald Trump, e il leader cinese Xi Jinping, che potrebbe portare a una schiarita nella guerra commerciale in corso tra le due superpotenze. A Piazza Affari il FTSE MIB ha chiuso in calo dello 0,49%, ma la variazione al netto delle cedole staccate da sei big (Prysmian, Hera, Snam Rete Gas, Poste Italiane, Terna ed Exor) sarebbe pari a -0,2%. Maglia nera di giornata è stata Francoforte, zavorrata dal profit warning di Daimler. Tra le blue chip milanesi si sono invece messe in luce Leonardo - Finmeccanica (+2,68%), Davide Campari (+2,62%) ed Atlantia(+2,1%).

Proprio le aspettative per una possibile svolta nelle relazioni tra Usa e Cina spingono invece Wall Street, dove gli indici sono positivi. Tornando al Vecchio Continente, Francoforte è la peggiore perchè Daimler ha abbassato le stime sul 2019 trascinando in basso tutto il comparto auto, mentre a giugno l'indice Ifo ha segnalato una flessione nella morale delle imprese tedesche. Tornando a Piazza Affari, nel complesso comunque sugli asset italiani l'umore è piuttosto positivo viste le indiscrezioni del Financial Times sul fatto che l'Europa dovrebbe dare più tempo all'Italia per evitare la procedura di infrazione per debito eccessivo.

Morale imprese Germania sotto attese, risale indice Fed Chicago
Delusione invece dall'Ifo tedesco: l'indice, che misura la fiducia delle imprese in Germania, è sceso a giugno a 97,4 da 97,9 di maggio (sceso a sua volta da 99,2 di aprile). Le previsioni indicavano un indice in calo a 97,6. Il sottoindice che misura le condizioni economiche attuali sale a 100,8 da 100,6 di maggio, mentre quello che misura le aspettative si attesta a 94,2 (94,5 le attese).

Intanto l'attività economica nazionale statunitense si è ripresa a maggio pur restando in territorio negativo. L'indice che ne misura la performance, stilato dalla Federal Reserve di Chicago, si è attestato a -0,05 punti da -0,45 punti di aprile. L'indice è un paniere ponderato di 85 indicatori dei vari settori economici

Daimler abbassa stime risultati e pesa su Francoforte
Nel resto d’Europa resta al palo Francoforte appesantita dal titolo Daimler che ha lanciato il suo terzo profit warning dall’inizio dell’anno. A pesare sui conti del colosso dell’auto sono maggiori accantonamenti legati alle inchieste sulle emissioni dei veicoli diesel. Viaggiano in ribasso anche gli altri titoli del comparto auto come Bmw e Volkswagen.

Andamento dello spread Btp / Bund

Euro/dollaro poco mosso, petrolio in calo. Oro a nuovi massimi
Sul mercato dei cambi, euro in lieve rialzo a 1,1396 dollari (1,1369 ieri in chiusura) e 122,31 yen (121,99), mentre il rapporto dollaro/yen è stabile a 107,31 (107,32). In ribasso il prezzo del petrolio dopo la recente corsa legata alle tensioni tra Usa e Iran: il future agosto sul Wti cede lo 0,7% a 57,03 dollari al barile, mentre l’analoga consegna sul Brent perde l’1,23% a 64,40 dollari.

Continua la corsa dell'oro, sostenuto dalle speranze di un taglio
dei tassi da parte della Federal Reserve e dalle tensioni geopolitiche tra Usa e Iran. L'avversione al rischio sta spingendo i future del metallo prezioso con consegna agosto in rialzo dell'1,2% a 1.417 dollari l'oncia circa, massimi da fine agosto del 2013.

Spread BTp/Bund in rialzo a 248 punti
Dopo essere sceso in area 240 punti, chiude in rialzo lo spread BTp/Bund che sul finale di seduta torna a puntare la soglia dei 250 punti base soprattutto in virtù degli acquisti sui titoli tedeschi. Il differenziale di
rendimento tra il decennale benchmark italiano e il pari scadenza tedesco ha infatti terminato la giornata a 248 punti base, in rialzo dai 245 punti della chiusura di venerdì scorso. Stabile, invece, il rendimento
del decennale italiano al 2,17% come nel finale di venerdì.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti