ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMERCATI

Fitch, così oggi l’agenzia decide il rating sull’Italia

di Vittorio Carlini


Lo spauracchio per Piazza Affari? Il «taglio» delle agenzie di rating

3' di lettura

L’attesa dei mercati è per la scelta di Fitch. La comunicazione, come di consueto, arriverà in serata con i mercati chiusi. La società di rating, che attualmente attribuisce all’Italia il voto della «BBB» con outlook «Negativo», dovrà fare la sua mossa. Quali allora le opzioni sul tavolo? vediamo.

Fitch, a ben vedere, ha tre possibili scelte:
1) confermare il rating attuale con outlook negativo;
2) confermare il rating e convertire l’outlook in watch negativo, facendo percepire come più vicino e probabile un possibile downgrade;
3) tagliare il rating di un notch con outlook stabile, come già fatto da Moody's lo scorso ottobre.

Le indicazioni degli esperti
Quale strada prenderà? Gli analisti, quelli bravi, non amano leggere nella sfera di cristallo e predire il futuro. Tuttavia i dati negativi italiani «su produzione ed ordini all’industria di dicembre - spiega Antonio Cesarano, Chief Global Strategist di Intermonte Sim - hanno evidenziato come il mercato obbligazionario italiano sia piuttosto sensibile alle notizie macro». Una situazione che, se da un lato aumenta la probabilità d’intervento della Bce, dall’altro fa salire «anche la possibilità di un eventuale downgrade di Fitch, dopo che la stessa agenzia ha recentemente tagliato le stime di crescita sull'Italia da 1,1% a 0,3%». Staremo a vedere.

GUARDA IL VIDEO / Dalle previsioni intermedie ai rating: il calendario delle scadenze dei conti pubblici

Al di là di ciò quali sono i parametri con riferimento ai quali l’agenzia di rating prenderà la sua decisione? Una risposta, senza pretesa di esaustività e ricordando sempre che si tratta di procedimenti molto articolati, può riassumersi i quattro grandi aree.

La situazione macroeconomica
Un primo criterio, alla base del “voto”, è legato alle politiche macroeconomiche, le performance e le prospettive (congiunturali). In questo senso, tra le altre cose, viene valutata la dinamica storica della performance economica stessa del Paese e la sua stabilità. O ancora l’assenza (o presenza) di elevati e volatili tassi d’inflazione.

Le finanze pubbliche
Altro focus riguarda la sostenibilità dell’indebitamento pubblico generale. Oltre, poi, la posizione del debito lordo e di quello netto; la “maturity” del debito stesso e i tassi d’interesse. Ancora: il livello d’intermediazione finanziaria che è associata alla capacità di finanziare a livello domestico il debito stesso.

I finanziamenti esterni
Qui l’agenzia, tra le altre cose, monitora la volatilità e la vulnerabilità della bilancia dei pagamenti. Poi valuta, ad esempio, la capacità di farsi prestare denari all’estero nella valuta locale e la tendenza di erogare credito a livello domestico ma con una moneta straniera.

Caratteristiche strutturali
In quest’ultimo contesto gli esperti dell’agenzia di rating monitorano, tra le altre cose, l’abilità del Paese di assorbire shock, associata con il livello (più o meno alto) dei risparmi domestici. Senza dimenticare, peraltro, anche la forza dell’ambiente economico. Inoltre sono analizzati i i rischi politici (ad esempio con riferimento alla capacità del Governo di mobilizzare risorse per onorare il debito). Infine nel radar c’è, ovviamente, il settore bancario.

Insomma: pure dalla breve sintesi descritta, che per ciascun criterio ha riportato solo alcuni degli elementi oggetto di analisi, bene si comprendono i molteplici fattori considerati all’interno dell’analisi. Ciò detto si sa che, nel passato, le agenzie di rating sono state criticate per non avere svolto in pieno i loro compiti. La loro rilevanza sui mercati è comunque (giusto o sbagliato che sia) rimasta. Vedremo, quindi, la scelta di Fitch per l’Italia.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...