Mercati

Borse, settimana tra luci e ombre per l’Europa. Banche e petrolio pagano dazio

A raddrizzare l'ottava non è bastato il rimbalzo di venerdì. Digerite le mosse della Bce, restano timori sulla variante Delta. Euro chiude in calo a 105 punti

di Stefania Arcudi ed Eleonora Micheli

Aggiornato alle 19.45

La Borsa, gli indici del 9 luglio 2021

4' di lettura

Le Borse europee hanno archiviato una settimana contrastata, complice anche la rotazione settoriale in atto, che ha favorito i titoli tecnologici (+0,7% il sottoindice di settore) e quelli del settore immobiliare (+3,2%), a scapito del comparto petrolifero (-2,7%), delle banche (-1,12%) e delle auto (-1,68%). I timori per la diffusione del Covid-19, con la ripresa dei contagi in Paesi chiave come Gran Bretagna e Israele, quelli più avanti con le vaccinazioni, la decisione del Giappone di protrarre fino ad agosto inoltrato le restrizioni di emergenza sanitaria e nuovi screzi tra Usa e Cina hanno incoraggiato un atteggiamento di cautela e messo in ombra che dalla mossa della Bce, che ha leggermente ampliato il proprio margine di manovra portando al 2%, dal quasi 2%, il target sull'inflazione.
In più anche dalla pubblicazione dei verbali della Fed sono emerse rassicurazioni sul fatto che la politica monetaria rimarrà accomodante, sebbene il tapering potrà essere fatto prima delle iniziali indicazioni. Ad ogni modo, ha sottolineato la Fed nei suoi verbali, per adesso gli indici economici sono ancora distanti dai target perseguiti dall'istituto centrale Usa.

Milano ha terminato l’ottava con un calo dello 0,91%, assottigliando il rialzo da inizio anno al 12,68%. Piazza Affari, a questo punto, è in quarta posizione in quanto a performance 2021, alle spalle di Amsterdam (+17,2%), Parigi (+14,7%) e anche Francoforte (+14,35%). Quest'ultime due Borse hanno per altro registrato una performance settimanale positiva (rispettivamente dello 0,19% e dello 0,24%), mentre Amsterdam ha limato dello 0,19%. La debolezza di banche e petroliferi ha fatto registrare un calo settimanale dell’1,47% a Madrid, che rimane in coda anche in quanto a performance 2021 (+8,7%). Londra, infine, ha tenuto le posizioni, nonostante la preoccupazione per l’andamento in salita dei contagi da Covid-19 (+10,2% da inizio anno). Venerdì 9 luglio, il FTSE MIB di Piazza Affari è stato tra i migliori del Vecchio Continente, guidato dalle banche. Corre anche il CAC 40 di Parigi, guidato da Airbus grazie all'accelerazione nelle consegne di aerei. Bene anche il DAX 30 di Francoforte, il Ftse 100 di Londra, l'IBEX 35 di Madrid e l'AEX di Amsterdam.

Loading...

A Milano Banco Bpm capofila, bene Leonardo e Tenaris

Nell'ottava sono andate male le Saipem, pagando dazio all’andamento del greggio: hanno accusato la peggior performance tra le blue chips, con un calo del 4,7%. Tra l’altro le azioni sono in controtendenza con il listino anche considerando l'andamento da inizio anno: perdono il 10%. E’ stata una settimana da dimenticare anche per Telecom Italia (-7,8%- in cinque sedute, +3,7% da inizio anno), con la società penalizzata prima dai timori che il progetto della rete unica richieda tempi più lunghi del previsto, poi dagli appunti di Agcom sull’intesa commerciale raggiunta dal gruppo con Dazn per la trasmissione delle partite di calcio della prossima stagione. La miglior performance del Ftse Mib è invece andata a Recordati (+3,14%, +10,7%), che si è risvegliata insieme al settore Healthcare. Dopo la debolezza della scorsa primavera, hanno rialzato la testa le Stmicroelectron (+2,2%, +6%), beneficiando della rotazione settoriale che si è di nuovo spostata verso i titoli tech, a scapito di quelli value. Infine hanno fatto bene le Terna (+2,1%, +2,75), nella settimana in cui l’azienda ha alzato il sipario sui progetti del futuro: sono stati annunciati oltre 18 miliardi di investimenti, da qui ai prossimi dieci anni, per modellare ulteriormente la rete elettrica e rafforzarne il ruolo di architrave nel processo di transizione green.

Amplifon paga iniziative Biden su apparecchi acustici

Venerdì pesante calo per Amplifon e per la concorrente Sonova Holding che a Zurigo perde oltre il 5%. Secondo gli operatori, le consistenti vendite sono state innescate dall'annuncio dell'amministrazione Biden che ha emesso un ordine esecutivo per promuovere la concorrenza nell'economia americana mettendo nel mirino anche l'industria degli apparecchi acustici. In più del 75% delle industrie Usa, dice il decreto, un numero ristretto di aziende ha un maggiore controllo sul mercato rispetto a quanto avveniva 20 anni. In primis, il documento fa l'esempio del settore sanitario, dei servizi finanziari e dell'agricoltura.

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

Spread chiude in calo a 105 punti

Seduta in leggero calo per lo spread tra BTp e Bund. Il differenziale di rendimento tra il decennale benchmark italiano (IT0005436693) e il pari durata tedesco è indicato nel finale a 105 punti base, dai 107 del riferimento precedente e dell'apertura. Il rendimento del decennale italiano si attesta in chiusura allo 0,76%, in linea con i livelli della vigilia.
Il Tesoro ha assegnato in asta BoT a 12 mesi, scadenza 14-07-2022, per 7,5 miliardi, pari all'intero importo offerto, a fronte di una richiesta di 9,4 miliardi. Il rendimento medio ponderato sale di 3 punti base rispetto all'ultima asta a -0,459 per cento.

Nella settimana petrolio debole ed euro stabile

In cinque sedute il valore del greggio wti ha perso l’1%, anche se va detto che nel corso della settimana ha toccato massimi che non vedeva dal novembre 2014. La fumata nera di Opec+ per un accordo sugli incrementi di produzione, complice il braccio di ferro tra Arabia Saudita ed Emirati Arabi, ha causato instabilità e nervosismo nei prezzi.
L'euro dollaro-invece, è rimasto stabile, mentre l'oro ha guadagnato quasi l'1,5%, beneficiando dell'aumento della volatilità e di una maggiore avversione al rischio, che per altro nei giorni scorsi si è tradotta anche in una corsa verso i Treasury Usa, il cui rendimento è crollato (quello dei decennali a metà settimana ha violato al ribasso la soglia dell'1,3%).

Torna a salire anche Wall Street

Chiusura in rialzo per Wall Street con il Dow Jones che guadagna l’1,30% a 34.869,17 punti, il Nasdaq lo 0,98% a 14.701,92 punti e l’indice S&P500 l’1,13% a 4.369,50 punti.

Giovedì, la giornata è stata segnata dai timori per la ripresa economica riaffiorati nel mondo per la diffusione delle varianti del coronavirus. Nel mondo, intanto, è stata superata la soglia di 4 milioni di morti ufficiali per il Covid-19. «Penso che uno dei maggiori rischi per la crescita globale sia che abbiamo prematuramente dichiarato vittoria contro il Covid», ha dichiarato Mary Daly, presidente della Federal Reserve di San Francisco, dicendo che la veloce diffusione della variante Delta costituisce un rischio per il rimbalzo della crescita globale e che la Banca centrale deve essere paziente nel sostenere la ripresa statunitense.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti