La giornata dei mercati

Borse strette tra trimestrali e inflazione. A Wall Street record S&P 500

Listini deboli sia in Europa sia negli Usa, intanto frena il prezzo del petrolio

di Chiara Di Cristofaro ed Eleonora Micheli

(articolo aggiornato il 21 ottobre alle ore 22.21)

La Borsa, gli indici del 20 ottobre 2021

4' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Le Borse europee chiudono in calo tenendo gli occhi puntati sull'inflazione, sulle trimestrali Usa e sulla crisi di Evergrande che torna a preoccupare. Debole anche Wall Street, dopo i recenti rialzi.
Piazza Affari chiude in flessione nell'indice FTSE MIB.Madrid (IBEX 35) la più penalizzata in Europa.
Mentre siamo nel pieno della stagione delle trimestrali americane, che spesso battono le attese degli analisti, gli investitori appaiono preoccupati del fatto che la forza della ripresa
possa subire il contraccolpo del rialzo del costo delle materie prime e della carenza di componenti e manodopera, come sottolineato anche ieri dalla Federal Reserve, che nel
suo Beige Book ha indicato che l'economia Usa procede a un passo tra il modesto e il moderato. Resta sempre alta l'attenzione sull'inflazione, quando da Estremo Oriente il
caso Evergrande è tornato alla ribalta con il tonfo registrato dalle azioni del colosso immobiliare cinese al rientro in contrattazione alla Borsa di Hong Kong, dopo essere state sospese dal 4 ottobre scorso. Frena il prezzo del petrolio.

A Wall Street record S&P 500, sussidi in discesa

Prevalgono le vendite anche a Wall Street che però chiude con il record dello S&P 500 che avanza dello 0,30% a 4.549,78 punti (Dow Jones: -0,02%; Nasdaq: +0,62%). L'attenzione degli investitori è ancora sulle trimestrali e su alcuni dati macroeconomici: le nuove richieste dei sussidi di disoccupazione sono scese di 6.000 unità a 290.000, numero più basso dall'inizio della pandemia, con il consensus invece a 300.000. La media delle ultime 4 settimane è di 319.750, in calo di 15.250 dalla media della settimana precedente: anche qui, numero più basso dal marzo 2020. Le condizioni del settore manifatturiero nell'area di Philadelphia si mantengono positive, ma in calo rispetto al mese precedente, e più di quanto atteso. L’indice calcolato dalla Federal Reserve di Philadelphia per ottobre è sceso dai 30,7 di settembre a 23,8, contro attese per un dato a 24,5; si è trattato comunque della diciassettesima lettura positiva consecutiva, dopo i minimi toccati nell'aprile e maggio del 2020.

Loading...

Dato in forte aumento e sopra le attese per le vendite di case già esistenti negli Stati Uniti, a settembre. L'indicatore, stilato dall'associazione di settore National Association of
Realtors (Nar), e' salito del 7% rispetto al mese precedente a un tasso annualizzato di 6,29 milioni di unità, contro stime per un dato a 6,10 milioni di unita'. Rispetto a un anno prima, le vendite sono diminuite del 2,3%.

Ibm, tonfo in Borsa: trimestrale delude

Trimestrale debole e titolo in calo fino al 7% per Ibm. Nei tre mesi a settembre, la società informatica ha registrato un utile adjusted di 2,52 dollari ad azione, contro i 2,50 dollari previsti dagli esperti. I ricavi sono stati pari a 17,62 miliardi di dollari, meno dei 17,77 miliardi previsti dal consensus, in aumento dello 0,3% rispetto a un anno prima. In calo del 33,5% l'utile netto, con il margine lordo sceso dal 48% del trimestre precedente al 46,4%.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

A Milano bene Diasorin e St, opa su Tas. Esordio Intermonte

A Piazza Affari, tra i titoli, bene Stmicroelectronics che recupera dopo la debolezza dell'ultima seduta in linea con gli altri titoli tecnologici europei, quando a New York il Nasdaq si muove al rialzo, in controtendenza rispetto al Dow Jones. Ancora una seduta
positiva per Diasorin mentre gli acquisti hanno penalizzato soprattutto banche e petroliferi. Moncler sfrutta la trimestrale di Hermes migliore delle attese. Fuori dal paniere principale, Flack Renewables resta in area 8,81 euro, il prezzo dell'opa lanciata dal fondo infrastrutturale IIF che acquisterà il 60% dalla famiglia Falck. Arriva un'altra opa questa volta suTas da parte del fondo di private equity Gilde. Balzo di Intermonte Partners Sim nel giorno del debutto su Aim.

BTp, rendimento 10 anni allo 0,95%

Chiusura in lieve rialzo per lo spread tra BTp e Bund nell'ennesima giornata di vendite sui bond di tutta l'Eurozona. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (IT0005436693) e il pari durata tedesco e' indicato, a fine giornata, a 104 punti base, dai 103 punti base dell'ultimo riferimento di ieri. Non si ferma il rialzo anche del rendimento del BTp decennale benchmark che ha segnato un'ultima posizione allo 0,95% dallo 0,92% del closing precedente.

Petrolio fa dietrofront: a New York torna a 81 dollari

E' in calo, infatti, il prezzo del greggio: il contratto sul Wti consegna dicembre torna a 81,3 dollari al barile e quello di pari scadenza sul Brent del Mare del Nord scivola a 83,82
dollari al barile. Infine, sul mercato dei cambi, stabile l'euro sul biglietto verde: la moneta unica vale 1,1639 dollari (1,1639 in avvio e 1,1645 ieri in chiusura) e 132,399
yen (132,74 e 133,001), mentre il dollaro-yen è pari a 113,751 (114 e 114,217).

Evergrande crolla in Borsa al rientro in contrattazione

Ritorno in Borsa in pesante rosso per Evergrande. Il titolo del colosso immobiliare cinese, con un debito di 260 miliardi di euro, è crollato fino a perdere il 10,5% nei primi scambi alla Borsa di Hong Kong. Il potenziale fallimento del gruppo immobiliare, uno dei più grandi in Cina, minaccia il resto dell'economia cinese con un possibile effetto domino. Il gruppo ha sospeso le contrattazioni il 4 ottobre dopo diversi mancati rimborsi di prestiti. Nonostante la tempesta sui mercati finanziari a settembre, Pechino non ha ancora chiarito se verrà o meno in aiuto della società ormai sull'orlo del fallimento. Tanto più che il gruppo ha annunciato la mancata cessione del 50,1% del capitale di una delle sue controllate al promotore cinese Hopson. Secondo quanto riportato dalle agenzie internazionali però Evergrande avrebbe invece ottenuto una estensione di oltre tre mesi sul rimborso di una obbligazione da 260 milioni di dollari scaduta a inizio ottobre dietro presentazione di ulteriori garanzie.


Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti