la giornata dei mercati

Contagi e lavoro Usa frenano le Borse, Milano limita i danni con le utility

Smaltita l'euforia da vaccini i listini frenano sulle preoccupazioni per la pandemia. Piazza Affari (-0,4%) argina il calo grazie a Snam, che trascina al rialzo tutto il settore

di Cheo Condina ed Eleonora Micheli

La Borsa, gli indici di oggi 19 novembre 2020

3' di lettura

Giornata di riflessione per le Borse europee, dopo il rally da inizio
novembre. Milano, ancora una volta, nella seduta di giovedì 19 novembre ha registrato la performance migliore, pur chiudendo in calo dello 0,4%, mentre lo spread si è portato a 117 punti. Peggio le altre Borse europee sui timori legati ai contagi Covid, il dato sul lavoro Usa peggio del previsto e l'ipotesi di un allungamento
dei tempi del Recovery Plan.

Oggi la presidente Bce, Christine Lagarde, ha auspicato che l'intervento dell'Europa contro la crisi "diventi operativo senza ritardi", in modo che politica monetaria e politica fiscale procedano parallelamente. Lagarde ha confermato che la Bce ricalibrerà i propri strumenti di politica monetaria nelle prossime settimane.

Loading...

A Piazza Affari e' stata la giornata delle utilities, anche se sul finale hanno rallentato il passo. A guidare i rialzi e' stata Snam Rete Gas (+1,8%), sulla notizia del'acquisizione del 33% di De Nora, azienda valutata 1,2 miliardi di euro. In luce anche Fiat Chrysler Automobiles (+2%), mentre sembra sempre più vicina la fusione con Psa Peugeot, dopo che i due gruppi hanno convocato le rispettive assemblee il prossimo 4 gennaio. Dopo la debolezza delle ultime sedute sono rimbalzate le Inwit (+3,27%), mentre hanno perso quota i titoli oil, risentendo dei timori sulla domanda di greggio.
Timori che hanno fatto scivolare il valore del petrolio: i Wti, contratto con consegna a dicembre, si attesta a 41,49 dollari al barile, in calo dello 0,8%. Sul fronte dei cambi, l'euro vale 1,1841 dollari (1,1874 ieri in chiusura). Si
attesta inoltre a 123 yen (da 123,105), mentre il dollaro-yen e' scambiato a 103,87 (da 103,675). In salita il cambio euro sterlina a 0,8951, nell'attesa degli sviluppi sulla Brexit.

Usa, tornano a salire i sussidi. Wall Street debole

Tornano a salire, dopo cinque settimane, le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Usa, segno dei danni che la diffusione del coronavirus sta tornando a provocare nel mercato del lavoro. Intanto, il numero dei decessi per il Covid negli Usa ha superato quota 250mila e stanno aumentando le misure di contenimento, inclusa la chiusura delle scuole a New York. Un mix di fattori che ha indebolito i principali indici di Wall Street. Nel pieno della pandemia, il dato sulle nuove richieste settimanali era arrivato fino a 6,9 milioni di unità.. Il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno richiesto i sussidi di disoccupazione, nella settimana terminata il 14 novembre, è aumentato di 31.000 unità a 742.000, le attese erano per un dato a 710.000.

Lagarde: "Servono subito gli aiuti del Recovery Fund"

Un'esortazione ai leader Ue che si riuniscono nel Consiglio europeo è arrivata dalla presidente della Bce, Christine Lagarde, secondo cui va esplorata anche la possibilità che il Recovery Fund sia reso uno strumento permanente. Lagarde ha anche detto che «c’è un chiaro rischio di peggioramento dell'economia nel breve termine» ma conferma che a dicembre la Banca Centrale «ricalibrerà» i suoi strumenti per reagire alla crisi.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Utility in evidenza con Snam

A Piazza Affari sono state gettonate le utility, anche se hanno poi chiuso sotto i massimi di giornata. La migliore è stata Snam (+1,8%) nel giorno dell’annuncio dell’acquisizione del 33% di De Nora dal fondo Blackstone Tactical Opportunities. La società, che opera su scala globale nelle energie sostenibili e nelle tecnologie per il trattamento delle acque, è stata valutata sulla base di un enterprise value pari a circa 1,2 miliardi. «De Nora è un gioiello italiano, un leader tecnologico globale da tenere in Italia. L’operazione ha un forte fondamento industriale e finanziario ed è coerente con la strategia di Snam», ha commentato l'amministratore delegato di Snam, Marco Alverà, che ha inoltre sottolineato che l'operazione consente anche a Snam di entrare indirettamente anche nel mercato tedesco, che prevede un focus rilevante sull'idrogeno, facendo leva sulla joint venture tra De Nora e la controllata di ThyssenKrupp attiva nel settore degli elettrolizzatori.

Seduta negativa per i Btp

Seduta negativa per i BTp scambiati sul secondario telematico Mts. I corsi dei decennali italiani sono risultati in calo provocando una lieve risalita dei rendimenti rispetto ai minimi record toccati alla vigilia. Nel pomeriggio, tuttavia, si è registrato un tentativo di risalita con la conseguenza che lo spread tra il decennale italiano benchmark (Isin IT0005413171) e il pari scadenza tedesco ha chiuso a 117 punti base, sui livelli della vigilia, dopo che in mattinata aveva aperto a 118 punti. Il rendimento dei decennali italiani si attesta allo 0,61% (0,58% nel durante della vigilia, nuovo minimo storico) dallo 0,62% del finale di mercoledì e dell'apertura di stamani.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti