la giornata dei mercati

Europa chiude positiva, coronavirus preoccupa meno. A Milano scatta Leonardo

Attesa per le decisioni della Banca centrale Usa e occhi puntati sulla Cina, in attesa di notizie sulla diffusione del coronavirus. A Piazza Affari bene anche Pirelli e Nexi, in coda Mediobanca. Euro stabile, petrolio poco mosso nonostante il rialzo oltre le stime delle scorte Usa. Spread in calo a 133 punti, a minimi da metà settembre

di Eleonora Micheli e Stefania Arcudi

default onloading pic
(REUTERS)

Attesa per le decisioni della Banca centrale Usa e occhi puntati sulla Cina, in attesa di notizie sulla diffusione del coronavirus. A Piazza Affari bene anche Pirelli e Nexi, in coda Mediobanca. Euro stabile, petrolio poco mosso nonostante il rialzo oltre le stime delle scorte Usa. Spread in calo a 133 punti, a minimi da metà settembre


5' di lettura

Seduta positiva per le Borse europee, che dopo qualche incertezza, hanno finito poco sotto i massimi di giornata. Gli investitori si sono mostrati cautamente ottimisti, in attesa delle decisioni della Federal Reserve, in arrivo alle 20 italiane. La Banca centrale americana dovrebbe lasciare i tassi invariati a 1,50-1,75%, ma potrebbe usare toni ancora più accomodanti come «contromisura» per i possibili effetti del virus. A limitare i guadagni sono state le preoccupazioni per la diffusione del coronavirus: i timori sono tuttavia meno per i mercati, visto che il tasso di mortalità appare più basso (gli ultimi dati lo danno al 2%) rispetto a gravi epidemie del passato, ma il numero di vittime ha superato soglia 100 e i contagi sono oltre 4.000 nel mondo. Comunque Toyota, per precauzione, ha deciso di sospendere la produzione nella Repubblica Popolare fino al prossimo 9 febbraio, mentre l’amministrazione Trump sta vagliando la sospensione di tutti i voli aerei da e per la Cina.
Milano ha così chiuso in rialzo dello 0,57%, Parigi +0,49%, Francoforte +0,16%, Madrid +0,6% e Londra +0,04%. A Piazza Affari è stata per altro sostenuta dall'ulteriore ribasso dello spread(133 alla chiusura, contro i 139 di ieri e ai minimi da metà settembre scorso), beneficiando ancora del risultato elettorale in Emilia Romagna, che - secondo gli esperti - consolida la posizione del Governo. Intanto il Tesoro ha collocato BoT semestrali per un controvalore di 6,5 miliardi di euro, con il rendimento sceso al -0,355%.

Wall Street rallenta, occhi su Fed e trimestrali
Wall Street, che era partita in rialzo, ha tirato il freno a mano e oscilla attorno alla parità. I mercati provano a scrollarsi di dosso i timori legati alla diffusione del coronavirus dalla Cina per concentrarsi sulla Federal Reserve e sulle trimestrali. Finora, circa il 25% delle aziende quotate sull’S&P 500 ha pubblicato i conti e quasi il 72% di esse ha oltrepassato le attese degli analisti. Per quanto riguarda la Fed, i mercati si aspettano che la Fed lasci invariati i tassi di interesse a 1,50-1,75% ma scommettono su toni ancora più accomodanti proprio per far fronte ai possibili effetti del virus.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Spicca Leonardo, corre anche Pirelli
Sono scattate al rialzo le azioni di Leonardo, festeggiando l'acquisizione di Kopter, società elicotteristica svizzera specializzata nei monomotore. L'operazione, che verrà chiusa entro il primo trimestre 2020, prevede il pagamento di 185 milioni di dollari al gruppo Lynwood a cui si possono aggiungere ulteriori esborsi legati alle clausole di "earn-out" che prevedono pagamenti nel caso del raggiungimento di obiettivi concordati a partire dal 2022. Gli analisti apprezzano la mossa, visto che rafforza leonardo nel settore dell'elicotteristica, dove è già tra i leader del mondo. Il ceo, Alessandro Profumo, ha inoltre preannunciato riguardo al piano industriale 2018-2022: «Abbiamo sempre fatto meglio di quanto avessimo promesso. Non posso che essere molto soddisfatto - ha detto Profumo - Abbiamo fatto un piano importante, adesso stiamo accelerando in alcune aree». Si sono inoltre messe in evidenza le Pirelli , che così recuperano i punti persi nelle recenti sedute, con le perdite amplificate dai timori innescati dal profit warning di Nokian Tyres.

Banche in ordine sparso
A Piazza Affari le banche si sono mosse in ordine sparso, con Banco Bpm tra le migliori (+1,56%), dopo che Hsbc ha alzato la valutazione da "hold" a "buy" e ha confermato l'obiettivo di prezzo a 2,30 euro per azione (attualmente il titolo si attesta a 2,021 euro). Bene anche Banca Generali (+1,53%), guadagni meno marcati per Intesa Sanpaolo (+0,63%) e Ubi Banca (+0,42%), più lente Unicredit (-0,02%) e Bper Banca (-0,88%). A passo lento anche le utility. Mediobanca in calo, risentendo della decisione a sorpresa di Banca Mediolanum di mettere la partecipazione nell'istituto tra gli asset potenzialmente in vendita.

Ferragamo volatile dopo dati sulle vendite del 2019
A Piazza Affari Salvatore Ferragamo è volatile, sulla scia della diffusione delle vendite del 2019, migliorate del 2,3% (a cambi correnti) a 1,377 miliardi. A cambi costanti, però, la variazione è stata dell’1,3% e nel quarto trimestre è addirittura risultata pari al -0,1% . Gli analisti, dunque, raccomandano cautela, temendo che anche il 2020 risulterà un anno complicato per l'azienda fiorentina, chiamata a fare i conti con l'impatto del coronavirus e con le proteste a Hong Kong, che già nel quarto trimestre 2019 hanno provocato una frenata delle vendite nell'ex colonia britannica del 50%. Nel settore del lusso, sono ben impostate le francesi Lvmh, dopo che ieri la società ha comunicato i conti da record del 2019. L'onda lunga dei numeri del colosso della famiglia Arnault spinge di nuovo sopra i 40 euro per azione le Moncler.

St debole dopo conti Amd, buoni risultati Apple non bastano
Dopo una prima parte di seduta positiva Stmicroelectronics , che si era spinta su nuovi livelli da record, rallenta il passo e oscilla attorno alla parità. Inizialmente a spingere in alto le azioni dell'azienda italo-francese sono stati i conti migliori delle attese diffusi nella notte da parte di Apple, uno dei clienti più importanti del gruppo. La casa di Cupertino nel periodo settembre-dicembre, il primo trimestre fiscale del gruppo, ha vantato ricavi pari a 91,8 miliardi di dollari, in rialzo del 9% e un utile netto di 22,2 miliardi di dollari, ovvero 300 milioni in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Poi però la brusca frenata di Amd, che cede quasi il 9% a Wall Street, ha messo il freno al Nasdaq e, in generale, al comparto tecnologico. Il gruppo americano ha riportato profitti sopra le stime, ma ha dato un outlook deludente per il 2020, soprattutto per quanto riguarda i ricavi.

Italia independent non fa prezzo dopo l'accordo con Cr7
Fuori dal paniere principale, Italia Independent, la società fondata da Lapo Elkann, non riesce a far prezzo elettrizzata dall’accordo siglato con il fuoriclasse dellaJuventus Fc, Cristiano Ronaldo, per la creazione di collezioni eyewear sotto il brand CR7. La prima collezione, interamente ispirata e disegnata per Cristiano Ronaldo, verrà svelata, in anteprima mondiale, in occasione di Mido 2020 e sarà disponibile sul mercato dalla Primavera/Estate 2020.

Euro stabile, in calo il petrolio dopo le scorte Usa
Sul fronte dei cambi, l'euro passa di mano a 1,1003 dollari (1,1002 dollari in chiusura la vigilia) e a 120,02 yen (120,05), mentre il biglietto verde vale 109,94 yen (109,13). Il petrolio era partito in rialzo e poi ha girato in negativo: il Wti, contratto con consegna a marzo, cede ora lo 0,6% a 53,2 dollari al barile. Pesa il rialzo delle scorte americane: la scorsa settimana il dato è salito di 3,548 milioni di barili a 431,654 milioni di unità, contro attese degli analisti per un rialzo di 0,7 milioni di barili.

Spread cala a minimi da settembre 2019
Continua a ridursi lo spread BTp/Bund che segna nuovi minimi da metà settembre dello scorso anno. A fine seduta il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benhcmark e il pari scadenza tedesco sul mercato secondario Mts e' indicato a quota 133 punti base, in calo rispetto ai 138 punti della chiusura di ieri e ai minimi dal oltre quattro mesi. Scende anche il rendimento del BTp decennale benchmark che chiude ben sotto la soglia psicologica dell'1%, allo 0,96%, dall'1,03% del finale di ieri.

In Usa sale deficit commerciale, in calo compromessi case
Stando a quanto annunciato dal dipartimento del Commercio, il deficit della bilancia commerciale è cresciuto dell'8,5% rispetto al mese precedente a 68,33 miliardi di dollari, contro attese per 68,75 miliardi. A dicembre, le esportazioni sono cresciute di 0,4 miliardi di dollari a 137 miliardi; le importazioni sono aumentate di 5,8 miliardi di dollari a 205,3 miliardi di dollari.
Inoltre, a dicembre, il numero di compromessi per la vendita di case negli Stati Uniti è diminuito a sorpresa. Il dato, reso noto dall'associazione di settore National Association of Realtors, è sceso del 4,9% rispetto a novembre; gli analisti attendevano un aumento dell’1,0%.


(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti