ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

L’Europa chiude positiva con le trimestrali. Milano sulla parità, non basta lo sprint di Stellantis

I bilanci in crescita dei big del Vecchio Continente danno sostegno ai listini, che però non decollano. Incerta anche Wall Street. Euro debole su dollaro e yen, spread in calo a 104 punti

di Stefania Arcudi e Paolo Paronetto

Aggiornato alle ore 22,09

La Borsa, gli indici del 3 agosto 2021

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Le trimestrali in crescita di alcuni tra i principali big europei sostengono i listini del Vecchio Continente, ma non bastano a lanciare la volata delle Borse, frenate dai timori per un nuovo aumento dei contagi. Così il FTSE MIB di Milano ha chiuso poco distante dalla parità, mentre hanno finito in rialzo il CAC 40 di Parigi e il Ftse 100 di Londra, al traino rispettivamente di Societé Generale e Bp,. Bene anche l'IBEX 35 di Madrid e l'AEX di Amsterdam. E' rimasto più indietro il DAX 30 di Francoforte. Incerta Wall Street, con l'attenzione concentrata sul dato chiave della disoccupazione americana, in calendario per venerdì 6 agosto.
Dopo la buona prima seduta del mese di agosto, le Borse tentano dunque di superare, per ora senza riuscirci del tutto, i timori per il diffondersi della variante Delta del Covid-19 e i conseguenti segnali di un rallentamento dell'economia che stanno preoccupando gli operatori. Intanto, si allenta la tensione per la nuova stretta cinese sulle società private, che ha colpito stavolta il gaming online, con il tonfo del colosso Tencent.

Wall Street chiude positiva

Andamento incerto a Wall Street, che chiude comunque in rialzo (Dj+0,80%, Nasdaq +0,55%, S&P500 +0,82%),con il dato migliore delle stime sugli ordini alle fabbriche di giugno. L'inizio del mese è stato segnato da una serie di dati macroeconomici in chiaroscuro e dalle rinnovate preoccupazioni per la diffusione del Covid-19. Dati che mostrano che la ripresa è frenata dai problemi alle filiere, che rallentano la produzione, e che sono aumentate le pressioni sull'inflazione. Inoltre, le imprese hanno difficoltà a trovare i lavoratori con le competenze richieste. Negli ultimi giorni, la volatilità è cresciuta sui mercati per l'aumento dei casi di coronavirus negli Stati Uniti, dovuto alla variante Delta.

Loading...

A Piazza Affari scatta Stellantis, debole Generali

A Piazza Affari è debole Generali che ha annunciato, prima dell'avvio delle contrattazioni, un risultato operativo nel primo semestre a 3 miliardi di euro (+10%) e un utile raddoppiato a 1,54 miliardi, mentre Stellantis è stata la migliore fin dalle prime battute dopo avere rivisto al rialzo i target per il 2021. Bene la holding Exor, mentre perde ancora posizioni Ferrari dopo la trimestrale diffusa il 2 agosto (e nonostante l'azienda del Cavallino Rampante nel periodo aprile-giugno sia tornata ai livelli pre-pandemia e abbia registrato ricavi per oltre un miliardo di euro e un utile netto di 206 milioni). In coda al Ftse Mib finisce anche Buzzi Unicem, che nel primo semestre ha visto salire il fatturato del 5,8% e calare l'utile del 3%.

Banche sotto i riflettori, recuperano Unicredit e Mps

Tra le banche sale Intesa Sanpaolo: Intrum ha comprato da Intesa portafogli di crediti per 1,7 miliardi di euro e per altri 225 milioni da Intesa e Banca Pop Er. Inoltre, Unicredit è ancora sotto pressione e Banca Mps cede ulteriore terreno dopo l'annuncio delle possibili “nozze” e le conseguenti polemiche politiche (bipartisan). Tra gli istituti di credito, Bca Carige è ancora in calo dopo il tonfo della vigilia in seguito ai risultati degli stress test.
Tra gli altri colossi europei, si registrano numeri in crescita per Société générale, Sanofi, Bp e Infineon (frenata però dalle chiusure e con ricavi sotto le attese). In calo Bmw che risente della carenza di chip.


Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Spread chiude in calo a 104 punti, tasso allo 0,57%

I BTp invertono la rotta nella seconda parte di seduta sul secondario telematico Mts, in linea con gli altri titoli sovrani dell'eurozona e nel finale lo spread con i Bund torna a stringersi. Al closing il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark italiano (IT0005436693) e il pari durata tedesco è indicato a 104 punti base dai 108 punti dell'avvio (105 il closing della vigilia). Il rendimento dei titoli italiani a dieci anni torna a ridursi ed è indicato allo 0,57% (0,61% in avvio e 0,58% nel finale di lunedì).

Euro debole, scende ancora il petrolio

Sul mercato dei cambi, euro in calo a 1,1859 dollari (da 1,1879 ieri in chiusura). La moneta unica scivola anche a 129,31 yen (da 129,78), mentre il rapporto dollaro/yen è a 109,04 (da 109,26).
Ancora in discesa il prezzo del petrolio che risente del rallentamento del manifatturiero in Usa e Cina: il barile di Brent consegna ottobre cede l’1,21% a 72,01 dollari mentre quello di Wti consegna settembre è in calo dell’1,67% a 70,07 dollari.

Il mercato monitora i "falchi" della Fed

Intanto dalla Fed continuano a farsi sentire i cosiddetti “falchi”. Nelle scorse ore, sottolineano gli analisti di Mps Capital Services, «è stata la volta del membro votante Waller, secondo cui il tapering potrebbe partire ad ottobre se i prossimi due dati sul mercato del lavoro dovessero registrare un rialzo forte come l’ultimo (intorno a 800mila)». In caso contrario, «il tutto potrebbe essere rimandato di due mesi».

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti