ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Borse europee in rosso con Wall Street. Petrolio al top dal 2014, crolla il Nasdaq

La corsa del greggio non è bastata ai listini del Vecchio Continente che hanno perso terreno in scia ai tecnologici Usa. Euro torna a 1,16 contro il dollaro, spread a 104 punti

di Enrico Miele e Flavia Carletti

Aggiornato il 4 ottobre alle 23:05

La Borsa, gli indici del 4 ottobre 2021

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Chiusura in "rosso" per le Borse europee al termine di una seduta volatile in particolare nel finale, dove gli indici del Vecchio Continente sono peggiorati in scia a quelli Usa, con Wall Street che ha chiuso in negativo. Le vendite sui tecnologici, infatti, hanno zavorrato l'andamento dei mercati, né il rialzo dei petroliferi è stato sufficiente a dare sostegno ai listini continentali. Ad appesantire il clima è stato soprattutto il calo di Wall Street, con il Dow Jones frenato dai timori su possibili difficoltà nel passaggio al Congresso delle misure annunciate dall'amministrazione di Joe Biden per sostenere la ripresa dell'economia. Non fa eccezione Piazza Affari con il FTSE MIB che archivia la seduta del 4 ottobre in territorio negativo assieme al CAC 40 di Parigi e al tedesco DAX 30.

In Cina rimane invece sotto la lente il caso Evergrande, le cui azioni sono state sospese alla Borsa di Hong Kong in attesa di comunicazioni su un'importante transazione che dovrebbe essere annunciata a breve. Nella Repubblica Popolare si fanno i conti anche con il razionamento dell’energia elettrica, che sta rallentando i processi produttivi.

Loading...

Wall Street in "rosso" tra tech e inflazione

Forti vendite anche a Wall Street, dove a preoccupare è l'inflazione: il dato Pce è aumentato ad agosto dello 0,4% su base mensile e del 4,3% annuale, confermandosi ai massimi dal 1991. La settimana vivrà soprattutto dell'attesa per il rapporto sull'occupazione di settembre che sarà, probabilmente, uno degli ultimi dati che la Fed prenderà in considerazione per decidere quando dare inizio al "tapering". Nell'attesa, gli investitori hanno bersagliato di vendite soprattutto i titoli tecnologici. Wall Street chiude in calo, col Dow Jones che cede lo 0,94% a 34.003,92 punti, il Nasdaq che perde il 2,14% a 14.255,48 punti e lo S&P 500 che cede l’1,30% a 4.300,46 punti.

A Milano al top i petroliferi, occhi su Mediolanum

A Piazza Affari Banca Mediolanum ha continuato a guadagnare terreno nel corso della seduta del 4 ottobre, mentre sono tornate a circolare le voci su una possibile fusione allo studio con Mediobanca. Gli investitori hanno premiato Moncler mentre è scattato il conto alla rovescia per la tornata di trimestrali del settore della moda che inizierà la prossima settimana. Perde quota Stellantis, dopo che il gruppo a settembre 2021 ha registrato in Italia un calo delle immatricolazioni auto del 41,6% rispetto allo stesso mese del 2020. In cima al listino si piazzano i big petroliferi, come Eni, Tenaris e Saipem in scia alla corsa del greggio Wti che si muove ormai sui massimi dal 2014.

In fondo all'indice Stmicroelectronics assieme al resto del settore tech, bersagliato dalle vendite in tutta Europa anche a causa della rinnovata debolezza del NASDAQ 100 di New York. Dopo una buona partenza è passata in negativo Amplifon che di recente ha registrato il closing dell'acquisizione dell'australiana, Bay Audio. Fuori dal paniere principale, Mediaset ha chiuso in calo dopo che i vertici hanno proposto una revisione della struttura delle azioni.

Balzo del petrolio, euro ritrova quota 1,16 dollari

Sprint del prezzo del petrolio nonostante la riunione dei Paesi Opec+ abbia annunciato un rialzo della produzione. Il Wti, contratto di novembre, si muove sui massimi dal 2014 ed è scambiato verso fine seduta a 78,1 dollari al barile (+3%) mentre il Brent di dicembre vale 81,8 dollari (+3,2%). Sul mercato dei cambi, l’euro rimane debole sul biglietto verde, ma ritrova quota 1,16 ed è scambiato a 1,161 dollari (da 1,159 dell'apertura e 1,159 venerdì 1 ottobre). Vale inoltre 128,76 yen (128,75), mentre il dollaro-yen si attesta a quota 111 (111,05).

Spread chiude stabile a 104 punti, tasso allo 0,83%

Chiusura pressoché stabile per lo spread tra BTp e Bund. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il pari scadenza tedesco ha terminato la seduta a 104 punti base dai 103 punti del closing del 1 ottobre. In lieve apprezzamento il rendimento del BTp decennale italiano, che si attesta in chiusura allo 0,83% dallo 0,82% registrato alla chiusura precedente.


Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

Hong Kong -2,1% con tensioni Evergrande

Chiusura in netto calo per la Borsa di Hong Kong dove la sospensione di Evergrande dalle contrattazioni ha alimentato i timori sul futuro della società malgrado le voci per una possibile acquisizione del gruppo immobiliare cinese. Con i listini continentali chiusi per festività, l'indice Hang Seng ha terminato la seduta in calo del 2,19%, segnando un'ultima posizione a 24.036,37 punti.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti