La Giornata

Piazza Affari perde un altro 3,6%, in una settimana -11,2%. Wall Street ko, petrolio ai minimi dal 2017

Si profila un venerdì nero per l'Europa, all'indomani del nuovo crollo di Wall Street. A spaventare gli investitori resta la diffusione fuori dalla Cina del Coronavirus e gli effetti sull'economia. Dopo conti 2019 e piano industriale, in calo Eni: pesa il nuovo tonfo dei prezzi del petrolio ai minimi da dicembre 2018

di Andrea Fontana

Perché il Coronavirus ha contagiato i mercati

Si profila un venerdì nero per l'Europa, all'indomani del nuovo crollo di Wall Street. A spaventare gli investitori resta la diffusione fuori dalla Cina del Coronavirus e gli effetti sull'economia. Dopo conti 2019 e piano industriale, in calo Eni: pesa il nuovo tonfo dei prezzi del petrolio ai minimi da dicembre 2018


3' di lettura

Settimana da ko per le Borse del Vecchio Continente e anche per Wall Street che è avviata verso la seconda peggior performance settimanale di sempre. I mercati sono preoccupati per la diffusione a livello mondiale del Coronavirus e ai suoi effetti sull'andamento dell'economia reale e questa mattina il presidente della Banca centrale tedesca ha detto di attendersi impatti anche sull'economia tedesca. Tutti i principali indici azionari hanno accusato perdite superiori al 3% oggi: Piazza Affari ha chiuso a -3,58% portando il bilancio settimanale a -11,2%. E' la nona peggiore performance settimanale di sempre per Milano.

Germania: Weidmann, già a rischio crescita 2020
Questa mattina il presidente della Banca centrale tedesca Jens Weidmann ha affermato che la diffusione del Coronavirus potrebbe ridurre la crescita della Germania nel 2020. In una conferenza stampa presso la Bundesbank a Francoforte, Weidmann ha dichiarato che il virus "rappresenta un rischio aggiuntivo. Sulla base delle informazioni attuali, mi aspetto che questo rischio si concretizzi effettivamente in misura maggiore", ha detto. Il tasso di crescita "potrebbe rivelarsi leggermente inferiore a quanto previsto a dicembre", cioè +0,5%, ha aggiunto.

Piazza Affari e Londra le peggiori
A livello europeo le vendite hanno colpito trasversalmente tutti i settori a cominciare dalle società minerarie, mentre per quanto riguarda gli altri indici continentali Francoforte ha perso il 3,8%, Londra il 3,4% così come Parigi, Madrid il 2,9%, Zurigo il 3,7%. Tra i titoli del FTSE MIB nel mirino soprattutto le utility; -5,9% Snam, -5,7% Hera, -4,9% A2a, -4,8% Terna. Eni ha perso oltre il 5% dopo la presentazione dei conti 2019 e del piano industriale al 2023. Pesano i prezzi del petrolio ai minimi da dicembre 2018. Per il titolo del Cane a sei zampe le quotazioni sono tornate ai livelli minimi dal 2000. Ko anche Atlantia, la peggiore di giornata, tra i ribassi del settore trasporti e le incertezze sulla revoca della concessione autostradale da parte del Governo.

Pochi i titoli rimasti a galla: +2,6% Amlifon, +0,4% Prysmian. Sulla parità Juventus, Moncler e Ferragamo.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Euro sotto 1,10 dollari, corre lo yen. Vendite sul petrolio
Sul mercato dei cambi, la moneta unica resta in bilico su quota 1,10 dollari. Acquisti sullo yen che è trattato sotto 119 per un euro e a 108 per un dollaro. Il prezzo del petrolio è in netto ribasso, per i timori sull'andamento dell'economia globale che può portare a un calo della domanda. Il contratto consegna maggio sul Brent del Mare del Nord perde il 5% a 49,5 dollari al barile e il contratto sul W ti con scadenza aprile scende di oltre il 5% a 44,7 dollari al barile.

A Tokyo il Nikkei crolla del 3,67%, forte calo per Borse Cina
La Borsa di Tokyo ha subito un ulteriore massiccio calo venerdì, a causa del Coronavirus. Alla fine delle transazioni, l'indice Nikkei è sceso del 3,67%, perdendo più di 800 punti, a 21.142,96 punti e l'indice Topix allargato è sceso in proporzioni simili (-3,65%) a 1.510,87 punti. Andamento fortemente negativo anche per le Borse cinesi: la Borsa di Shanghai ha chiuso con un calo di quasi il 4%, mentre Shenzhen è scesa di quasi il 5%, all'unisono con le altre aree asiatiche in preda al panico per la diffusione dell'epidemia di Coronavirus in tutto il mondo e il suo impatto economico. L'indice composito della Borsa di Shanghai ha chiuso a -3,71% a 2.880,30 punti; a Shenzhen, secondo mercato della Cina continentale, l'indice composito ha chiuso con un calo del 4,93% a 1.801,75 punti.

Spread con Bund sopra 170 punti, rendimento 1,13% a 10 anni
Non si ferma la corsa al rialzo dello spread tra BTp e Bund sul mercato secondario telematico Mts dei titoli di Stato con la diffusione del coronavirus in Italia e in altre parti del mondo. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin T0005383309) e il pari durata tedesco, da qualche giorno in forte rialzo, ha chiuso a 174 punti dopo aver aperto la seduta a 175 punti dai 163 punti base della chiusura di ieri e aver toccato un massimo di giornata a 180. Sale ancora anche il rendimento del BTp decennale benchmark indicato all'1,13% dall'1,08% dal riferimento di ieri. In apertura aveva toccato anche quota 1,17%.

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

Ufficiale la fase di «correzione» per i listini
Con le perdite subite ieri alcuni dei principali listini sono entrati tecnicamente in correzione, sono cioè arrivati a perdere oltre il 10% rispetto ai recenti massimi. Per quanto riguarda Wall Street la contrazione di oggi dovrebbe comportare una flessione superiore al 10% a livello settimanale, performance verificatasi solo altre quattro volte dal Dopoguerra (1987, 2000, 2001, 2008).

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti