la giornata sui mercati

Realizzi sulle Borse, Milano resiste (+0,5%). Btp, rendimenti ai nuovi minimi storici

I tassi sul decennale italiano hanno chiuso allo 0,6%. Lo spread è rimasto in area 115 punti. Milano è stata sostenuta dalle banche. Bene Unipol

di Eleonora Micheli

La Borsa, gli indici di oggi 17 novembre 2020

5' di lettura

Chiusura contrastata per le Borse europee, con Milano che ha vantato la performance migliore, in progresso dello 0,55%. Lo spread è rimasto schiacciato in area 115 punti, con il rendimento dei Btp a dieci anni attorno allo 0,6%, nuovo minimo storico in chiusura. Gli altri indici del Vecchio Continente hanno registrato un andamento più debole (solo Parigi ha chiuso in rialzo dello 0,2%) , riprendendo fiato dopo l’euforia della vigilia innescata dalla notizia del vaccino di Moderna, con efficacia pari al 94,5% contro il coronavirus. Risultato che anche il consigliere della Casa Bianca e capo della task force Usa contro il Covid-19, Anthony Fauci, ha definito «incredibilmente impressionante». D’altra parte dopo la corsa registrata nelle ultime settimane, sono prevalse le prese di beneficio, complice anche l’andamento in calo di Wall Street, che si è allontanata dai record aggiornati la vigilia (con gli indici DJ e S&P500).

Seduta dominata dall'incertezza, ma trend rimane rialzista

Le Borse europee sono state dominate dall'incertezza, dopo i rialzi della vigilia. Del resto secondo gli esperti il trend dei mercati rimane rialzista, ma dopo la corsa delle ultime settimane una pausa di riflessione è da mettere in conto ed è del tutto fisiologica: da inizio mese l’Eurostoxx 500 ha guadagnato il 17% e il Ftse Mib circa il 19%. Nel resto del mondo la Borsa di Tokyo ha riconquistato livelli che non si vedevano da 29 anni, mentre ieri S&P500 e Dow Jones hanno aggiornato nuovi record. Dopo gli annunci sui vaccini contro il Covid, sia quello di Pfizer, sia quello di Moderna, gli investitori iniziano a vedere la luce in fondo al tunnel, ma sono consapevoli che un ritorno alla normalità richiederà ancora molto tempo, probabilmente fino alla prossima estate. Intanto fanno ben sperare i contagi, che pur rimanendo elevati, mostrano segnali di stabilizzazione. In Italia le nuove infezioni si sono attestate a 32.191, rilevate con 208.500 tamponi.

Loading...
Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

A Piazza Affari bene le banche, in evidenza Mediobanca

Piazza Affari ha beneficiato della buona performance delle banche, che nel pomeriggio hanno tutte imboccato la strada del rialzo, beneficiando
sia dell’andamento dei titoli di stato, sia delle ipotesi sul consolidamento del settore nel giorno in cui anche in Spagna sono state confermate le trattative per una fusione tra Banco Sabadell e Bbva. Banco Bpmha registrato un rialzo del 2,58%, Banca Pop Era dell'1,17%, Intesa Sanpaolo dello 0,5% e Unicredit dell'1,6%. Mediobanca ha vantato un progresso del 3,19%, con gli investitori che si interrogano sulle prossime mosse di leonardo Del Vecchio, l'imprenditore che a inizio ottobre ha superato la soglia del 10% del capitale dell'istituto e che potrebbe acquistare azioni fino al 20% . Intanto ieri la banca ha collocato una nuova emissione Tier 2 in euro per un importo pari a 250 milioni, con scadenza Novembre 2030 e opzione di richiamo anticipato dopo 5 anni. Il bond paga una cedola del 2,3% ed è stato prezzato con uno spread di 280 punti base sul corrispettivo tasso midswap (60 bps in meno rispetto alla guidance annunciata e circa 30 bps in rispetto all`ultima emissione benchmark Tier 2 emessa da MB a giugno del 2016).

Unipol la migliore del Ftse Mib, in rialzo anche Atlantia

Si sono distinte le Unipol (+4,14%), beneficiando ancora dei conti sopra alle attese dei primi nove mesi diffusi venerdì, archiviati con un utile netto di 759 milioni di euro, in crescita (+31,5%). In più il numero uno, Carlo Cimbri, ha ribadito che la società il prossimo anno è pronta a distribuire cedole. «È nostra ferma intenzione rispettare quanto previsto dal Piano industriale sui dividendi da distribuire sia per Unipol che per UnipolSai. La prospettiva è quella di poter distribuire le cedole agli azionisti non appena si potrà», ha dichiarato di recente il manager, che per altro guarda con fiducia anche al 2021, anno in cui la compagnia dovrebbe rispettare gli obiettivi fissati nel piano industriale. Come la vigilia hanno continuato a rialzare la testa le Atlantia (+1,9%), dopo la battuta d’arresto della scorsa settimana, provocata dalle notizie sugli arresti di manager ed ex manager del gruppo, accusati di cattiva manutenzione della rete autostradale. Nonostante permanga ancora il timore che le indagini sulle barriere fonoassorbenti possano influenzare il negoziato per il riassetto della concessionaria, in particolare sul fronte della manleva richiesta da Cdp, il mercato ha di nuovo iniziato a scommettere che sia presto raggiunto un accordo su Aspi. Cdp e i fondi Macquarie e Backstone in teoria hanno tempo fino a fine mese per presentare un'offerta,

Bene Ferrari ed Eni, giù Amplifon e Inwit

Tra le società a maggiore capitalizzazione, sono andate bene le Ferrari (+1,26%) e le Enii (+1,46%). Telecom Italia ha registrato un progresso di oltre l'1%. Per contro sono andate male le Amplifon (-1,8%), le Hera (-2%) e le Inwit(-1,47%). Hanno battuto la fiacca le Prysmian (-1,3%) e le Recordati. Ha limato anche Stmicroelectronics (-0,3%), anche se le azioni sono prossime ai massimi storici di 30 euro.

Mps sotto la lente nell'attesa mosse Tesoro. Tracolla Avio


Fuori dal Ftse Mib, Banca Mps ha guadagnato oltre il 2% sui rumors che il Tesoro avrebbe allo studio delle soluzioni per alleggerire l'istituto senese delle cause legali pendenti. In tal modo sarebbe poi facilitata la strada di un matrimonio di Rocca Salimbeni con un'altra banca, operazione propedeutica all'uscita del Tesoro dal capitale, come concordato con Bruxelles.In coda al listino, in calo di oltre il 16%, Avio, dopo il fallimento della missione per portare nello spazio dei satelliti. Gli analisti temono un danno di immagine consistente, soprattutto alla luce del fatto che un'anomalia del genere era già avvenuta due anni fa.

Nel resto d'Europa, Francoforte ha chiuso invariata, Parigi è salita dello 0,2%, mentre Madrid ha perso lo 0,65% e Londra lo 0,87%. A Parigi Trigano è volata dell'11,7%, sebbene l'utile dell'esercizio 2019-2020 sia calato del 16,7%. E' comunque andato meglio dlele attese grazie alla forte domanda di camper, riscoperti durante la pandemia.

Euro in lieve rialzo. Petrolio giù nel giorno riunione Opec+

Sul fronte dei cambi, l'euro è in lieve rialzo rispetto al biglietto verde. Il petrolio ritraccia, con il wti in calo di oltre l'1%. LOpec+ valuta che la forte domanda di petrolio in Asia e le notizie positive relative ai vaccini per il Covid-19 sono oscurate dalla seconda ondata della pandemia nelle principali economie. Secondo il cartello l'incertezza resta alta. Il comitato tecnico dell'Opec+ ha preso atto che da maggio a ottobre, grazie ai limiti fissati dai Paesi Opec+ alla produzione, l'offerta di greggio si è ridotta di circa 1,6 miliardi di barili in tutto il mondo. Esaminando i dati di ottobre, è stato preso atto con soddisfazione la conformità al 101% rispetto ai livelli di produzione stabiliti. Le raccomandazioni del comitato tecnico saranno trasmesse ai Paesi Opec+, che avranno una riunione a livello ministeriale il primo dicembre 2020 .

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti