ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Borse, la settimana inizia in rialzo. Milano chiude a +1% con il balzo dei petroliferi

Gli indici rimbalzano dopo una settimana negativa. A Piazza Affari focus anche su Generali e Mediobanca. Positiva Wall Street ma il Nasdaq frena

di Cheo Condina

Aggiornato alle 22.07

La Borsa, gli indici del 13 settembre 2021

6' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Avvio di settimana positivo per le Borse europee dopo aver chiuso la scorsa ottava in rosso. A Piazza Affari il FTSE MIB ha brillato, sostenuto soprattutto da petroliferi, risparmio gestito e banche. A Parigi il Cac40 ha guadagnato lo 0,20% e a Francoforte il Dax30 lo 0,59%.

Restano all'attenzione degli investitori la diffusione della variante Delta del Covid-19 e le banche centrali. Giovedi' scorso la Bce ha in parte rassicurato i mercati, annunc iando una revisione soft del programma pandemico Pepp, e si aspetta la prossima riunione del comitato di politica economica della Federal Reserve, in programma martedi' 21 e mercoledi' 22 settembre. Anche se appare improbabile che venga gia' fatto un annuncio sul tapering, ovvero sulla riduzione degli acquisti di titoli da 120 miliardi di dollari al mese da parte della Banca centrale per aiutare l'economia.

Loading...

Intanto, oggi Isabel Schnabel, membro del consiglio direttivo dell'istituto centrale europea, ha dichiarato che l'inflazione diminuira' notevolmente gia' dal prossimo anno. Si tratta di uno scenario che allontana repentini cambi di passo nella politica monetaria della stessa Bce.

A Milano, tra i titoli, con il prezzo del greggio in rialzo, hanno chiuso in testa al Ftse Mib Saipem, Tenaris ed Eni. Dopo l'annuncio a sorpresa nel fine settimana che Francesco Gaetano Caltagirone e Leonardo Del Vecchio hanno annunciato la costituzione di un patto di consultazione su Generali, aperto a terzi, in vista dell'assemblea per il rinnovo del cda in agenda con l'approvazione del bilancio 2021, i titoli del Leone di Trieste sono saliti dell'1,26%. I due imprenditori hanno vincolato quasi l'11% del capitale, quota che sfiora quella di Mediobanca pari al 12,93%. Per quanto riguarda il petrolio, il contratto consegna Novembre sul Brent del Mare del Nord sale dello 0,78% a 73,49 dollari al barile e quello scadenza Ottobre sul Wti dell'1,05% a 70,45 dollari al barile. Sul fronte dei cambi, l'euro passa di mano a 1,1821 dollari (1,1775 in avvio e 1,1828 venerdi' in chiusura) e a 129,888 yen (129,7 e 129,96), mentre il biglietto verde vale 109,967 yen (110,14 e 109,88).

Wall Street parte in rialzo, poi frena

Apertura in rialzo a Wall Street, dopo il peggior calo settimanale in circa tre mesi. La chiusura però è stata in altalena: il Dow Jones sale dello 0,76% a 34.871,80 punti, il Nasdaq perde lo 0,07% a 15.105,58 punti mentre lo S&P 500 avanza dello 0,23% a 4.468,75 punti.

Oggi, gli investitori hanno accolto con ottimismo gli ultimi dati sul Covid-19, che mostrano un andamento in calo: la media sui 7 giorni e' di circa 136.000 casi al giorno, in ribasso dai 157.000 registrati alla fine di agosto. Inoltre, secondo la stampa, il vaccino di Pfizer potrebbe essere autorizzato per la somministrazione ai bambini entro la fine di ottobre. Oggi, non sono in programma dati macroeconomici. Domani, atteso il dato sui prezzi al consumo di agosto per valutare le pressioni inflative, dopo che nei due mesi precedenti e' stato registrato un aumento del 5,4% su base annuale, il piu' alto dall'agosto 2008. Venerdi' scorso, a proposito di inflazione, il dato sui prezzi alla produzione per agosto ha mostrato un rialzo dello 0,7% rispetto al mese precedente e dell'8,3% rispetto a un anno prima, un aumento record.

Dopo i primi minuti di scambi, il Dow Jones guadagna 231,45 punti (+0,67%), lo S&P 500 sale di 31,68 punti (+0,71%), il Nasdaq invece viaggia in leggero ribasso. I future sul petrolio Wti al Nymex salgono dell'1,18% a 70,54 dollari, dopo i danni provocati dall'uragano Ida alle infrastrutture del golfo del Messico, che hanno provocato un calo della produzione di circa 1,4 milioni di barili al giorno dalla fine di agosto.

Restano alcuni motivi di preoccupazione

Restano comunque alcuni motivi di preoccupazione, in particolare i tre picchi che sembrano essere stati raggiunti. Uno: il picco nella politica monetaria, dato che la Fed dovrebbe presto avviare la riduzione degli stimoli e la Bce in settimana ha lievemente ridotto il ritmo di acquisti di titoli. Due: il picco nella politica fiscale, dato che ormai sia negli Usa sia in Europa sono state sparate tutte le cartucce, e ora restano le incognite sul successo dei gradi piani di investimenti. Tre: il picco nella crescita economica, dato che molte banche d’affari (a partire da Goldman Sachs Morgan Stanley) stanno iniziando a rivedere al ribasso le stime di crescita degli Stati Uniti. Anche a causa della variante Delta. Il timore è insomma che le banche centrali ritirino o riducano gli stimoli monetari, proprio mentre l’economia inizia a mostrare i primi segnali di affaticamento.

A Milano occhi su Generali e Mediobanca

A Piazza Affari attenzione rivolta a Generali, dopo che a sorpresa nel fine settimana Francesco Gaetano Caltagirone e Leonardo Del Vecchio hanno annunciato la costituzione di un patto di consultazione su Generali, aperto a terzi, in vista dell'assemblea per il rinnovo del cda in agenda con l'approvazione del bilancio 2021. I due imprenditori hanno vincolato quasi l’11% del capitale, quota che sfiora quella di Mediobanca pari al 12,93%. Per altro sia Del Vecchio, sia Caltagirone sono soci di Piazzetta Cuccia, con una quota rispettivamente del 18,9% e del 3%, elevabile al 5%. Potrebbero inoltre essere sotto osservazione le banche: si avvicina infatti la data del 14 ottobre quando l’assemblea dei soci di Intesa Sanpaolo sarà chiamata a deliberare sulla distribuzione dei dividendi oltre ai 694 milioni staccati a maggio. Gli investitori, inoltre, si interrogano sulle trattative di Unicredit per rilevare asset di Banca Mps.

Gli acquisti nel settore del risparmio gestito hanno premiato soprattutto Banca Generali, che ha preceduto Banca Mediolanum +2,43%. Più indietro Azimut e Finecobank. Tra i finanziari, Intesa Sanpaolo ha messo a segno un rialzo del 2,02% nel giorno in cui ha annunciato che l'assemblea dei soci per deliberare la distribuzione di 1,9 miliardi di euro di dividendo oltre ai 694 milioni staccati a maggio si terrà il prossimo 14 ottobre. Per quanto riguarda gli industriali, la giornata è stata positiva soprattutto per Pirelli & C. Gli analisti di Equita sono positivi sui titoli di Pirelli, sui quali hanno emesso una raccomandazione di 'Buy' con target di prezzo a 6,2 euro. Gli esperti hanno confermato il giudizio anche alla luce dei dati di sell-in (vendite ai grossisti, ndr) di luglio sul mercato degli pneumatici. Tali dati hanno evidenziato che sono andate bene le gomme HV, High Value, quelle più redditizie sulle quali punta la società guidata da Marco Tronchetti Provera. Hanno chiuso in fondo al Ftse Mib Diasorin, penalizzata dai realizzi, e Amplifon, dopo la pubblicazione del piano 2021-2023. «A prima vista gli obiettivi del piano sono deludenti», scrivono gli esperti di Bestinver, facendo notare che la società vede un aumento del fatturato "high single digit" nei prossimi due anni, ovvero inferiore al 10%, «mentre il consensus attendeva un aumento a doppia cifra». Anche il margine Ebitda, spiegano gli analisti, è sotto le stime, visto che per l'anno in corso la società ha confermato un target al 24,8%, mentre il consensus attende un 25,7%, valore che la società vede solo nel 2023 (per quell'anno è atteso un Ebitda margin del 25,5%).

Corre Retelit, Chiara Ferragni mette le ali a Safilo

Fuori dal listino principale scatto di Retelit, che è arrivata a 3 euro, allineandosi al nuovo prezzo dell'opa di Asterion, attraverso Marbles. I termini sono infatti stati modificati: la soglia minima per il successo dell'Opa scende dal 66,67% al 50% più un'azione e il corrispettivo per ciascuna azione Retelit sale da 2,85 a 3 euro.
Inoltre, Chiara Ferragni mette le ali a Safilo Group: è stato siglato un nuovo accordo pluriennale per il design, la produzione e la distribuzione della prima collezione eyewear in licenza a marchio Chiara Ferragni. L’intera gamma di occhiali, da sole e da vista, verrà presentata per la Primavera Estate 2022 e sarà disponibile da gennaio 2022.

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

Spread in lieve calo a 102 punti

Prima seduta della settimana in frazionale calo per lo spread tra BTp e Bund che si mantiene appena sopra la soglia dei 100 punti base. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (IT0005436693) e il pari durata tedesco è indicato a 102 punti base dai 103 della chiusura di venerdì. Resta sui livelli della chiusura della scorsa settimana, invece, il rendimento del BTp decennale banchmark che si attesta ancora allo 0,71 per cento.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti