La giornata dei mercati

L’ottimismo contagia le Borse, Piazza Affari chiude a +2,4%. Spread sotto i 190, ai minimi da fine marzo

Chiusura positiva per le Borse del Vecchio Continente, con Piazza Affari che torna sui livelli di fine aprile. Wall Street chiude in calo sulle tensioni Usa-Cina. Ottimismo per la ripresa dell'economia e l'indebolimento della pandemia

di Flavia Carletti e Cheo Condina

default onloading pic
(REUTERS)

Chiusura positiva per le Borse del Vecchio Continente, con Piazza Affari che torna sui livelli di fine aprile. Wall Street chiude in calo sulle tensioni Usa-Cina. Ottimismo per la ripresa dell'economia e l'indebolimento della pandemia


4' di lettura

Chiusura positiva per le Borse europee che restano ottimiste per la ripresa dell'economia, il contenimento della pandemia e la ripartenza, mentre procede il progressivo alleggerimento delle misure di lockdown. A Piazza Affari il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni in progresso del 2,46%, a Parigi il Cac40 ha guadagnato l'1,76%, a Londra il Ftse100 l'1,21% e a Francoforte il Dax30 l'1,06 per cento. Wall Street ha avuto un andamento meno brillante, fino a chiudere in territorio negativo sul finale dopo l'annuncio di una conferenza stampa sulla Cina da parte di Donald Trump. Il Dow Jones ha concluso la seduta perdendo lo 0,58% a 25.400,64 punti, il Nasdaq lo 0,46% a 9.368,99 punti, l'indice S&P500 lo 0,21% a 3.029,73 punti. In giornata hanno pesato anche le tensioni intorno ai social network, in particolare Twitter e Facebook dopo che il presidente degli Stati Uniti si è scagliato contro le piattaforme social. «Questo sarà un grande giorno per i social media e la giustizia!», ha scritto Trump che dovrebbe firmare un ordine esecutivo per regolare la discrezionalità con cui aziende come Twitter e Facebook "limitano" la libertà di parola degli utenti. Sul piano internazionale, si registrano appunto rinnovate tensioni tra Washington e Cina su commercio e Hong Kong, il fatto che negli Stati Uniti è stata toccata la soglia delle 100.000 vittime da coronavirus e, in Europa, il destino delle misure a sostegno della ripresa. E' infatti già entrato nel vivo il dibattito sul Recovery Fund da 750 miliardi di euro proposto dalla Commissione europea, in attesa di capire quale sarà la posizione di Paesi come Olanda, contraria allo stanziamento di aiuti a fondo perduto.

Piazza Affari chiude sopra 18mila punti, Ferragamo + 16,3%
A Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha chiuso sopra la soglia dei 18mila punti, seduta da incorniciare per Salvatore Ferragamo (+16,28%) che festeggia il cambio di governance con il ritorno dell’ex ad Michele Norsa come vicepresidente esecutivo, e trascina al rialzo tutto il comparto della moda di Piazza Affari. Moncler ha infatti guadagnato il 5,83 per cento. Norsa acquisirà i poteri esecutivi in precedenza esercitati dal presidente Ferruccio Ferragamo e lavorerà in coordinamento con la Ceo Micaela Le Divelec. Prosegue il rally dei titoli industriali: spicca il +8,2% di Pirelli mentre Campari (+6,5%) festeggia il buon andamento del settore in Europa e le indiscrezioni su imminenti operazioni di M&A. Seduta positiva anche per i farmaceutici (miglior settore in Europa) con Diasorin, +5,1%, che recupera dallo scivolone di ieri. Tra i pochi titoli negativi Atlantia (-1,2%) che si ferma dopo il rally delle ultime sedute: domani sarebbe previsto un nuovo vertice di Governo sul nodo convenzione.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Spread con Bund chiude sotto 190 punti base
Chiusura in calo per lo spread BTp/Bund. Sfruttando l'ottimismo per l'approvazione del Recovery Fund europeo, il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (IT0005403396) e il pari scadenza tedesco si è ridotto nel corso della seduta fino ad attestarsi a 188 punti base, ai minimi dalla fine di marzo, dai 194 p.b. di ieri. In calo anche il rendimento del BTp decennale benchmark, che ha archiviato la seduta all'1,47% (1,52% nel finale di ieri).

In lieve calo i prezzi del petrolio dopo stock Usa, l'euro sopra 1,10
In leggera flessione il prezzo del greggio con il Wti a -0,5%, a 32,6 dollari al barile. Il petrolio ha limitato i danni nonostante l'aumento a sorpresa degli stock Usa. Stando al dipartimento dell'Energia, gli stock sono saliti di 7,928 milioni di barili a 534,422 milioni di unità, contro attese degli analisti per un ribasso di 1,6 milioni di barili. Il dato conferma quanto evidenziato ieri dal dato pubblicato dall’American Petroleum Institute che ha visto un rialzo delle scorte di 8,7 milioni di barili contro attese per un calo di 1,9 milioni. Sul mercato valutario, l'euro si rafforza sul dollaro e riacciuffa quota 1,1 dollari a 1,1063 (1,099 ieri in chiusura) e a 119, 134 yen (da 118,58), mentre il rapporto dollaro/yen è a 107,676.

Negli Usa altri 2 mln disoccupati, rivisto a -5% Pil I trimestre
Si continuano a fare sentire gli effetti del coronavirus sulle richieste dei sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti. Stando a quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, 2,123 milioni di nuovi lavoratori hanno fatto richiesta per i sussidi la scorsa settimana, in calo di 323.000 unità rispetto alla settimana precedente; le attese erano per 2,050 milioni nuove richieste. Nelle ultime 10 settimane, da quando è iniziata l’emergenza legata al coronavirus negli Usa, oltre 41 milioni di lavoratori hanno fatto richiesta per i sussidi. E' stato anche rivisto il Pil del primo trimestre, -5% e non -4,8% come stimato in precedenza. Infine, ad aprile crollo del 17,2% per gli ordini di beni durevoli

La tensione Usa-Cina non si allenta, approvata legge sulla sicurezza
Un fattore da tenere in considerazione con cautela è la crescente tensione tra Usa e Cina. Il Segretario di Stato, Pompeo, ha annunciato che gli Usa non possono più certificare l’autonomia politica di Hong Kong. La Cina, inoltre, ha approvato la discussa legge sulla sicurezza per Hong Kong, una dichiarazione che potrebbe portare alla rimozione dello status speciale commerciale dell’ex colonia, spiegano gli analisti di Mps Capital Services. Contemporaneamente, la Camera Usa ha approvato un decreto-legge che autorizza sanzioni contro gli ufficiali cinesi responsabili per abusi dei diritti umani nei confronti di minoranze musulmane.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

La Borsa di Milano

La Borsa di Parigi

La Borsa di Francoforte

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti