ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Le Borse europee escono indenni dall'aumento dell'inflazione Usa. Debole Wall Street

A Milano male il risparmio gestito, exploit del lusso. Bene UniCredit sostenuta dalla semplificazione al vertice varata dall'a.d. Orcel. Scatta il dollaro, in rialzo il petrolio. Spread a 115 punti

di Paolo Paronetto

(EPA)

3' di lettura

Le Borse europee superano indenni l'aumento superiore alle attese dell'inflazione americana nel mese di aprile, che alimenta i dubbi sui tempi con cui la Federal Reserve avvierà l'uscita dall'attuale politica monetaria ultra accomodante. I listini sono stati sostenuti dalla revisione al rialzo delle previsioni sul pil dell'Eurozona da parte della Commissione europea e hanno terminato la giornata in generale rialzo. A Piazza Affari il FTSE MIB ha guadagnato lo 0,23%, sostenuto in primo luogo dagli acquisti sul titoli dell'energia. I timori sull'inflazione piegano invece Wall Street, dove le vendite sui tecnologici colpiscono in primo luogo il Nasdaq.

Per quanto riguarda i titoli milanesi, bene Tenaris ed Eni sulla scia dell'aumento del prezzo del petrolio. Le banche, che nella prima parte della mattinata erano state colpite dai realizzi dopo i recenti rialzi, hanno chiuso in ordine sparso beneficiando della prospettiva della fina dell'epoca dei tassi a zero, che mettono sotto pressione i loro ricavi. Unicredit ha così guadagnato terreno beneficiando anche della riorganizzazione varata dal nuovo a.d. Andrea Orcel, che ha semplificato la struttura di vertice in una mossa che appare ben accolta dagli investitori. In evidenza i titoli del lusso dopo la trimestrale superiore alle attese diffusa ieri da Salvatore Ferragamo,che ha trascinato al rialzo anche Moncler e Tod's.

Loading...

Stmicroelectronics è stata invece penalizzata insieme a tutto il settore tecnologico mondiale dal timore che un restringimento della politica monetaria da parte delle banche centrali e la conseguente riduzione della liquidità disponibile sul mercato possano colpire in particolare i titoli di un comparto le cui valutazioni negli ultimi mesi hanno raggiunto livelli molto elevati.

L'aumento dell'inflazione è un fenomeno di breve periodo?

Per Luigi Nardella di Ceresio Investors l'aumento dei prezzi era prevedibile «nel breve periodo. I prezzi delle materie prime sono ai massimi e c’è scarsità di numerosi componenti, microprocessori in primis, dovuta al ri-adeguamento dell’offerta ad un aumento rapido della domanda», dice. Inoltre, il confronto statistico con i prezzi depressi della primavera dello scorso anno amplifica la variazione annuale. «L’inflazione rimarrà però molto probabilmente, come dicono i banchieri centrali, un fenomeno transitorio in quanto i livelli di disoccupazione rimangono elevati», aggiunge. I mercati azionari hanno però scontato gran parte delle buone notizie, «una correzione è possibile nei prossimi mesi; da evitare i settori e i titoli con valutazioni troppo ottimiste», conclude Nardella.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Tassi in calo in asta BoT, assegnati 7,5 mld annuali

Il Tesoro ha assegnato BoT annuali per 7,5 miliardi nell'asta di mercoledì 12 maggio con tassi in lieve calo. I buoni scadenza 13 maggio 2022 sono stati collocati con un rendimento medio pari a -0,443%, in flessione di 1 punto base rispetto all'asta del mese scorso. La domanda è stata di poco superiore ai 10,66 miliardi per un rapporto di copertura di 1,42.

Scatto del dollaro, sale il petrolio. Spread a 115 punti

Sul mercato dei cambi, l'aumento dell'inflazione Usa ha messo le ali al dollaro, scambiato a 1,2074 per un euro (da 1,2170 ieri in chiusura) e 109,47 yen (108,62), mentre l'euro/yen è a 132,21 (132,12). Prezzi del petrolio ancora in rialzo in attesa di capire se negli Stati Uniti Colonial Pipeline riterrà sicuro riaprire i flussi di carburante. Il future giugno sul Wti sale dell'1,85% a 66,49 dollari al barile, mentre l'analoga consegna sul Brent prende l'1,81% a 69,79 dollari.

Sull'obbligazionario, chiusura in netto rialzo i rendimenti dei titoli di Stato dell'Eurozona con lo spread tra BTp e Bund salito solo lievemente a causa della traslazione verso l'alto della curva dei rendimenti euro. A fine seduta, sull'onda dell'aumento dell'inflazione Usa, il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il pari scadenza tedesco è indicato a 115 punti base, dai 114 punti della chiusura di martedì. Decisamente più sensibile il rialzo del rendimento del BTp decennale benchmark che torna oltre la soglia dell'1%, sui livelli del settembre 2020, e chiude all'1,03% dallo 0,94% del riferimento precedente.

A Taiwan peggior seduta da marzo 2020

L'ondata di vendite sui tech e i timori per l'andamento della pandemia ha penalizzato Taiwan, che ha registrato la peggiore performance dal marzo 2020 (-4,6% in chiusura). I timori di un ulteriore stretta alle misure di contenimento per la pandemia hanno portato l'indice Taiex a perdere oltre l'8 per cento durante la seduta, il peggior calo intraday dal 1969. L'indice Taiex fino alla fine di aprile era risultato quello con le performance migliori in Asia e dai massimi del mese scorso ha perso oltre il 9 per cento, entrando ufficialmente in fase di correzione tecnica.

(Il Sole 24 ore Radiocor)

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti