La giornata dei mercati

Europa chiude in rialzo senza faro Wall Street, Milano in testa con Mediobanca

Il mercato Usa è chiuso per l’Independence Day. In rialzo i bancari e gli industriali sulla scommessa della ripresa. Petrolio in stand by per lo stallo nel cartello Opec+

di Eleonora Micheli e Flavia Carletti

Aggiornato il 05 luglio 2021, ore 13:30

La Borsa, gli indici del 5 luglio 2021

4' di lettura

Chiusura positiva, anche se senza slancio, per le Borse europee, nonostante sia mancato il faro di Wall Street, chiusa per la festività dell’Indipendenza. Se Francoforte è stata la peggiore, registrando un frazionale +0,08%, Milano guidato i rialzi, mettendo a segno un +0,63%. Lo spread si è attestato in area 100 punti. Gli investitori, del resto, iniziano a guardare con interesse all’economia italiana, scommettendo su una florida ripresa. Anche il chairman e ceo di Jp Morgan, Jamie Dimon, dalle pagine del Sole 24 Ore, ha detto che è il momento giusto per avere fiducia e investire sull’Italia.

Attività terziaria sopra le attese in Italia

Le principali Borse del Vecchio Continente hanno avviato le contrattazioni in calo e poi sono riuscite a passare in territorio positivo, sostenute in parte dalla pubblicazione degli indici Pmi relativi al mondo dei servizi a giugno. Un "termometro" importante per capire la fiducia nella ripresa post-Covid, che stavolta ha segnato andamenti incoraggianti: in Italia il dato è andato oltre le attese, con l'indice salito a 56,7 punti dai 53,1 del precedente mese di maggio. Sono andate bene anche la Spagna (al top dal 200) e la Francia (il massimo dal 2018), mentre ha deluso il trend in Germania, anche se l'indice è balzato a 57,5 punti, dai 52,8 punti di maggio.

Loading...

A Piazza Affari bene le banche, in evidenza Mediobanca

Piazza Affari ha beneficiato dell’andamento delle banche, tutte ben impostate.Unicredit (+1,74%) e Banco Bpm (+1,62%) hanno tentato il recupero dei punti persi la scorsa settimana in cui sono stati tra i peggiori titoli del segmento principale: nel corso della passata ottava Unicredit ha infatti perso il 3,9% e Banco Bpm il 4,3%. L'andamento al rialzo dei bancari ha interessato anche Intesa Sanpaolo (+1,41%) e Banca Pop Er (+0,79%). Mediobanca è stata la migliore salendo di oltre il 2%, ancora in scia alla notizia del rafforzamento di Leonardo Del Vecchio nel capitale, che a questo punto detiene una quota attorno al 19%.

Pirelli sale dopo la mossa di Niu, in rialzo Stellantis

Giornata positiva per Pirelli & C (+1,48%), con il focus del mercato sul riassetto di Camfin, che ha aperto il suo capitale all'ingresso della famiglia cinese Niu (partner industriale di Pirelli dal 2005) rafforzando così la presenza in Pirelli al 14,1% (dal 10% circa). Nel commentare le mosse della holding gli analisti di Equita Sim ribadiscono che il riassetto sembra essere preliminare a una possibile operazione industriale per Pirelli («probabile fusione», scrivono gli analisti). Nel settore auto, sono andate bene anche le Stellantis (+1,4%), in rialzo nonostante l'indice Stoxx 600 Auto europeo sia rimasto al palo. I titoli hanno beneficiato sia delle indiscrezioni che siano in via di approvazione in Italia ulteriori incentivi alla rottamazione, sia dell'attesa per la presentazione della strategia sull'elettrico in programma l'8 luglio. Seduta in evidenza anche per Poste Italiane (+1,43%), Buzzi Unicem (+1,2%) e Stmicroelectronics (+1%). Ha chiuso in fondo al segmento principale, invece, Hera (-2,64%) pagando lo stacco cedola. Con il petrolio poco mosso, giornata abbastanza incolore per i titoli del comparto petrolifero e in particolare per Eni (+0,56%), Tenaris (+0,7%) e Saipem (+0,05%). Ed ancora, sono andate bene le Stmicroelectronics (+1%).

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Rdm scatta dopo l'opa, vola la Roma. sotto la lente Sicit

Reno De Medici (+3,86% a 1,45 euro) si è allineata al prezzo dell'opa che lancerà Apollo Global Management dopo aver rilevato la maggioranza assoluta del capitale, circa il 67%, dai suoi due maggiori azionisti, ossia Cascades e Caisse de depot et placement du Quebec, a un prezzo di 1,45 euro per azione (pari a un premio del 24% rispetto al valore medio ponderato per i volumi scambiati negli ultimi 90 giorni), per un esborso complessivo di oltre 365 milioni. Il perfezionamento dell’operazione, che è soggetto al verificarsi di alcune condizioni sospensive, è previsto entro il terzo trimestre del 2021. Da lì, i fondi Apollo promuoveranno un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria sulle azioni residue finalizzata al delisting della società. A proposito di opa, i riflettori rimangono puntati su Sicit Group (-0,9% a 16,25 euro), in vista del termine dell’opa (7 luglio) lanciata da CircularBidCo, un veicolo che fa capo al fondo di private equity NB Renaissance e da Intesa Holding, un consorzio di 33 aziende del distretto della concia di Treviso. I titoli da tempo navigano stabili al di sopra del prezzo offerto di 15,45 euro, a dimostrazione che va avanti il braccio di ferro tra il mercato e CircularBidCo, che avrà tempo fino alla mezzanotte del 6 luglio per rivedere i termini dell’operazione. Gestori ed analisti ritengono che il valore offerto per delistare Sicit non rifletta il potenziale dell’azienda, nonostante invece sia stato ritenuto congruo dal cda e dagli advisor Nomura e Lazard. Tanto è vero che il colosso Syngenta Crop Protection era disposto ad offrire 17,30 euro per ogni azione, se Intesa Holding avesse dato l'assenso. Infine il miglior titolo di Piazza Affari è stato quello dell'As Roma, balzato del 10,63%, dopo l'arrivo in città del nuovo allenatore José Mourinho.

Giornata fiacca per il petrolio, euro stabile

Giornata fiacca per il petrolio, in attesa di sviluppi dalle trattative in seno all'Opec+, all'interno del quale non è ancora stato trovato un accordo sulle soglie produttive. Il contratto consegna settembre sul Brent del Mare del Nord si attesta a 76,18 dollari al barile (+0,01%) e quello consegna Agosto sul Wti a 75,22 dollari al barile (+0,08%). Sul mercato dei cambi la moneta unica è abbastanza stabile: passa di mano a 1,1865 dollari (1,1860 in avvio e 1,1840 venerdì in chiusura), e a 131,606 yen (131,66 e 131,88) con il dollaro che vale 110,915 yen (110,89 e 111,45).


(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti