ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Le utility tengono a galla l’Europa, Milano (+0,3%) si aggrappa a Enel

Listini chiudono in ordine sparso, cercando di scacciare i timori per l’inflazione, la crisi energetica e un inasprimento delle politiche monetarie. Debole il dollaro, petrolio ancora in salita

di Enrico Miele

Aggiornato alle 22:15

La Borsa, gli indici del 19 ottobre 2021

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Con il pensiero rivolto alla stagione delle trimestrali, il cui avvio è ormai imminente anche in Italia, il FTSE MIB si è aggrappato agli acquisti sulle utility, Enel in testa, e i petroliferi per terminare la seduta del 19 ottobre sopra la parità. Il resto dei listini europei ha invece chiuso in ordine sparso, cercando di scacciare i timori per l’inflazione, la crisi energetica e un inasprimento delle politiche monetarie da parte delle Banche centrali, visti anche i recenti risultati in chiaroscuro sulla ripresa cinese. Nel frattempo, a Wall Street (che chiude positiva: Dow Jones +0,57%, Nasdaq +0,71% e S&P 500 +0,74%), dopo i conti degli istituti di credito sopra le attese, è toccato al colosso Johnson & Johnson superare le stime, mentre a mercati chiusi sarà il turno di Netflix, con gli analisti che si attendono un “effetto Squid Game” (dal nome della serie sudcoreana di successo).

Attesa per i numeri delle big tech Usa

Dopo le grandi banche, infatti, ora è la volta dei numeri delle big tech Usa, molto attese dal mercato: «I risultati delle banche d’affari americane sono stati ben oltre le più rosee aspettative, grazie alle commissioni record su operazioni di M&A. Ci aspettiamo trimestrali positive anche dalle principali società tecnologiche, ma più in linea con le attese e con tassi di crescita in discesa rispetto ai livelli elevatissimi dei trimestri precedenti», dice Luigi Nardella di Ceresio Investors. Microsoft, Alphabet e Amazon «continuano a beneficiare di una forte domanda per i loro servizi di cloud computing», aggiunge. Anche Apple e Facebook «dovrebbero annunciare buoni risultati, nonostante qualche recente problema per l’approvvigionamento dei nuovi iPhone e gli effetti su Facebook delle nuove impostazioni sulla privacy contenute negli ultimi aggiornamenti di iOS nei dispositivi Apple».

Loading...

A Piazza Affari brilla Enel, scivola Mediolanum

Per quanto riguarda i titoli, a Piazza Affari la migliore è stata Enel, tra le altre cose incoraggiata dal calo dei rendimenti dei titoli di stato, mentre è salita la controllata spagnola Endesa. Bene anche Saipem, che ha firmato con il gruppo americano Honeywell un accordo per lo sviluppo di soluzioni digitali nelle tecnologie per la produzione di urea. Il comparto energetico, pur con alcune eccezioni, (Tenaris, Eni, Prysmian) è stato sostenuto dal nuovo rialzo del greggio, che guadagna circa il 10% da inizio mese (il Wti è ai massimi dall'autunno 2014). Le banche, dopo la recente corsa, hanno invece perso terreno chiudendo in ordine sparso (Banco Bpm, Unicredit, Intesa Sanpaolo e Banca Mediolanum, la peggiore del FTSE MIB).

Nel resto d'Europa, i tecnologici dopo un avvio debole hanno invertito la rotta, terminando in rialzo, nonostante le vendite abbiano colpito Ericsson, penalizzata dalla carenza dei componenti. In calo anche la francese Danone, che ha chiuso il trimestre con un rallentamento delle vendite e costi in aumento.


Prezzo petrolio - Brent
Loading...

Dollaro debole su inasprimento politiche monetarie

Il dollaro scivola sui minimi dalla fine di settembre. con l'euro che recupera terreno. A fare pressione sul biglietto verde, secondo gli analisti di ActivTrades, un inasprimento globale delle politiche monetarie. «Mentre un tapering prima del previsto da parte della Fed è già scontato dai mercati - scrivono gli analisti - ci sono segnali sempre più forti che altre banche centrali possano anticipare i tempi per il proprio inasprimento a causa delle persistenti pressioni inflazionistiche».

Questo sta offrendo supporto ad altre valute contro il dollaro: i mercati si stanno dunque posizionando per una «normalizzazione monetaria nel Regno Unito, in Nuova Zelanda e altrove, creando pressioni sulla valuta americana dopo che questa ha raggiunto un massimo annuale la scorsa settimana».

Spread chiude stabile a 104 punti, tasso a 0,94%

Chiude sui livelli della vigilia lo spread tra Btp e Bund in una nuova giornata di vendite diffuse sui bond dell'eurozona sul secondario Mts dei titoli di Stato. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il pari durata tedesco è indicato, infatti, in chiusura a 104 punti base, stesso livello dell'ultimo riferimento registrato il 18 ottobre in chiusura. In rialzo, invece, il rendimento del BTp decennale benchmark a 0,94% dall'ultima posizione di 0,90% del closing precedente.


Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti