ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Effetto Cina su petrolio e lusso, Borse salgono ancora: +5% Milano in una settimana

Euro e petrolio in rialzo, prezzi del gas giù su proposta Ue in arrivo. Focus sulle critpovalute dopo bancarotta Ftx

di Andrea Fontana

La Borsa, gli indici dell’11 novembre 2022

5' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Il rallentamento dell’inflazione americana, unito a quello delle severe misure “Covid zero” in Cina, ha sostenuto ancora le Borse europee che, nell'ultima sessione, hanno chiuso per lo più in rialzo. Nell'ultima settimana l'indice Eurostoxx50 è salito del 4,9%. A Wall Street allunga l'indice Nasdaq è ancora positivo, in discesa il Dow Jones.

L’indice dei prezzi statunitensi sotto le previsioni (7,7% con 6,3% core ) sta moltiplicando la speranza degli operatori che la Fed a stretto giro possa rallentare il ritmo dei rialzi dei tassi d’interesse: il mercato assegna oltre l'84% delle possibilità che la Fed a dicembre alzi i tassi di 50 punti base. Ma è arrivata anche la notizia di un primo alleggerimento delle rigide regole sulla quarantena anti-Covid da parte di Pechino, innescando la corsa dei listini asiatici (Hong Kong ha chiuso a +7,7%, Tokyo +3%, Shanghai +1,7%).

Loading...

Il FTSE MIB di Milano è arrivato a guadagnare anche un punto, salvo poi rallentare, mentre Parigi (CAC 40) e Francoforte (DAX 30) sono state le migliori in Europa, In calo Madrid e Londra. A spingere gli indici continentali sono stati soprattutto gli acquisti sulle materie prime, grazie al rialzo del greggio, sul lusso trainato, oltre che dalle aperture di Pechino su viaggi e quarantene, dai conti sopra le attese del colosso svizzero Richemont.

Nell'intera settimana, Piazza Affari ha guadagnato il 5% complessivo e la migliore è stata Francoforte (+5,7%). Nella prossima ottava sul fronte macroeconomico i principali spunti potranno arrivare dalle vendite al dettaglio di ottobre negli Stati Uniti e dall'inflazione inglese, mentre il G-20 di Bali e il previsto incontro tra il presidente americano Biden e quello cinese Xi saranno gli eventi al centro dell'attenzione degli investitori. Per l'Italia venerdì 18 novembre arriverà il giudizio di Fitch sul rating sovrano.

Stime Ue: in arrivo recessione per Eurozona e Italia

Due trimestri di crescita negativa nell'ultimo trimestre di quest'anno e nel primo dell'anno prossimo in molti paesi tra cui l'Italia, la Germania e la Francia. Lo indicano le nuove stime della Commissione europea. «Tra l'elevata incertezza, le elevate pressioni sui prezzi dell'energia, l'erosione del potere d'acquisto delle famiglie, un contesto esterno più debole e condizioni di finanziamento più restrittive dovrebbero portare la Ue, l'area dell'euro e la maggior parte degli Stati membri in recessione nell'ultimo trimestre dell'anno», dice Bruxelles. Nell'ultimo trimestre di quest'anno la crescita nell'area euro sarà negativa, -0,5%. Resterà negativa anche nel primo trimestre 2023 (-0,1%) per risalire nel secondo trimestre (+0,2%). In Italia la crescita scenderà a -0,3%, in Germania a -0,9% (il dato peggiore dell'area), in Francia a -0,2%, in Spagna a -0,3%. Nel primo trimestre del 2023 resteranno a crescita negativa l'Italia (-0,3%, risalita nel secondo trimestre a +0,1%), la Germania (-0,3%), la Francia (-0,1%) mentre la Spagna sarà a quota 0. Guardando ai numeri, la Commissione ha migliorato la stima di crescita del pil italiano quest’anno a 3,8% e ha ridotto quella per l’anno prossimo a quota 0,3%. Nel 2024 il pil dovrebbe attestarsi a 1,1%. In estate prevedeva quest’anno 2,9% e l’anno prossimo 0,9%. Per l'Eurozona alzate le stime di crescita del pil per quest’anno rispetto alle stime dell’estate al 3,2%, nel 2023 si attesterà però a 0,3% per portarsi nel 2024 all’1,5%.

A Milano Saipem la migliore, realizzi su Terna e Snam

Petroliferi e lusso protagonisti anche a Milano, insieme alle società che hanno pubblicato i conti trimestrali. Tra i migliori Saipem nell'industria oil e Moncler nella moda ma alcune trimestrali hanno contribuito a determinare rialzi di rilievo come quello di Azimut,dopo l'utile per 302,3 milioni nei 9 mesi e la conferma dei target 2022, e quello di A2a (dopo aver migliorato la guidance per l'esercizio in corso). Realizzi su Terna (dopo i massimi da agosto) e Snam (che in un mese aveva guadagnato il 20%, e su Prysmian, che aveva toccato il top da un anno dopo la trimestrale. Vendite su Telecom Italia mentre, secondo le indiscrezioni di stampa, non ci sarebbe la volonta' da parte della Cassa depositi e prestiti di procedere a un'opa come primo passo per il riassetto del gruppo di telecomunicazioni.

Wall Street, il Nasdaq fa il bis

L'entusiasmo per il rallentamento dell'inflazione negli Stati Uniti sostiene ancora i mercati finanziari, con Wall Street che chiude ancora in positivo (corre il NASDAQ COMP, sale l’S&P500, in leggera crescita anche il Dow Jones), dopo che l'ultima seduta è stata la migliore del 2020 (S&P +5,5%, Nasdaq +7,35%). I dati sui prezzi al consumo fanno sperare che l'inflazione abbia toccato il picco. Negli Stati Uniti, si festeggia il Veterans Day: le scuole e gli uffici pubblici resteranno chiusi, ma il New York Stock Exchange e il Nasdaq sono aperti; il mercato obbligazionario, invece, è chiuso.

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

BTp, spread risale sopra 200 punti

Chiusura in rialzo per lo spread tra BTp e Bund. Al termine della seduta, infatti, si registra un differenziale di rendimento tra i due titoli di Stato decennali di 205 punti dai 200 punti dell'ultimo riferimento di ieri. Il rendimento del BTp decennale benchmark sale al 4,21% dal 4% della vigilia.

BTp: prima asta BTp Green 2035, assegnati titoli 3 e 7 anni

Esordio in asta per il BTp Green scadenza 30 aprile 2035 che il Tesoro ha assegnato per 2 miliardi con un rendimento lordo del 4,26 per cento. L'importo richiesto è stato pari a 3,127 miliardi per un rapporto di copertura di 1,56. Nell'asta di oggi sono stati collocati anche BTp triennali per 2,75 miliardi e settennali per 4 miliardi, per un ammontare complessivo dell'asta a 8,75 miliardi. Nel dettaglio, è stata assegnata la terza tranche del BTp a 3 anni, scadenza 15-01-2026, per 2,75 miliardi (4,893 mld la richiesta), con rendimento lordo in calo di 35 punti base dal record del mese scorso, al 3,22%. Assegnata anche la prima tranche del nuovo BTp a 7 anni, scadenza 15-12-2029, per 4 miliardi (5,695 mld la richiesta), con rendimento lordo anche in questo caso n discesa di 41 punti base dai record di ottobre, al 3,84 per cento.

Il cambio euro / dollaro
Loading...

Avanti recupero euro a 1,03 $, top metà agosto

Prosegue il recupero dell’euro sul biglietto verde, penalizzato dall’inflazione Usa sotto le attese, che potrebbe portare a un rallentamento della velocità con cui la Fed sta ritoccando i tassi d’interesse. La moneta unica, dopo aver riguadagnato la parità alla vigilia, è tornata a 1,03 dollari, un livello che non si vedeva da metà agosto scorso. «Il calo dell’inflazione è kryptonite per il dollaro» scrivono gli analisti di Mps Capital Services, usando come esempio il celebre punto debole del supereroe della DC Comics.

Criptovalute in discesa, Ftx in bancarotta

Ftx, la seconda maggiore piattaforma per criptovalute al mondo al centro della bufera per un allarme liquidità finisce in bancarotta e le quotazioni delle principali valute vituali tornano al centro delle vendite. Ftx ha dichiarato fallimento e fa ricorso negli Stati Uniti al Chapter 11, ovvero alla bancarotta assistita. Contestualmente, si è dimesso il suo amministratore delegato, Sam Bankman-Fried, secondo quanto riportato da Cnbc. Nei giorni scorsi, la concorrente Binance si era offerta di intervenire in suo aiuto, ma si era poi ritirata.
Resta forte la volatilità, con gli investitori che temono un contagio più ampio e ulteriori turbolenze sul mercato. Bitcoin scende sotto i 17mila dollari, Ethereum, seconda maggiore criptovaluta, torna a 1270 dollari.

Petrolio in rally, prezzi del gas in discesa

Perde quota il gas ad Amsterdam sotto 100 euro al MWh sulla piattaforma Ttf, portandosi al livello di metà giugno: "La Commissione si impegna a fornire un meccanismo efficace per limitare i prezzi eccessivi del gas, in linea con la nostra proposta del 18 ottobre e le conclusioni del Consiglio Europeo, la prossima settimana presenteremo lo schema per un meccanismo di correzione del mercato del gas e una proposta legislativa subito dopo" ha scritto in un tweet la Commissaria Ue all'energia Kadri Simson. E' rally per il petrolio: il Wti con contratto di consegna a dicembre vale 89 dollari, quello del Brent di gennaio 96 dollari. L'andamento segue il movimento delle materie prime legato all'allentamento delle misure restrittive in Cina, a partire da quelle sui viaggi internazionali.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave del giorno? Appuntamento quotidiano con la redazione Finanza e Risparmio che cura il podcast quotidiano “Market mover”. Ascolta il podcast
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti