la giornata dei mercati

Borse, pesa lo scontro Italia-Ue. Milano chiude in rosso, spread a 313

di Cheo Condina


default onloading pic
(AFP)

4' di lettura

Le Borse europee chiudono in territorio negativo una seduta nervosa in parallelo all'inversione di rotta (in rosso) di Wall Street. Pesa, a Piazza Affari e non solo, anche il perdurare dello scontro tra Italia e Commissione Ue sulla manovra con Austria e Olanda che hanno chiesto l'avvio della procedura di infrazione contro l'Italia. Lo spread Btp-Bund ha così archiviato la giornata in rialzo a 310 punti. A Milano, dove l'Ftse Mib chiude in ribasso dello 0,78%, spiccano i ribassi di Mediaset (-6,9% dopo la trimestrale), con l'andamento della raccolta pubblicitaria che preoccupa gli operatori, e Telecom Italia(-3,1%) causa le incertezze sul ricambio ai vertici dopo la sfiducia all'ad Amos Genish. Negative anche le banche e i petroliferi anche se il greggio tenta il rimbalzo (+2,4% il Wti oltre 57 dollari al barile) In cima al listino spiccano invece Buzzi Unicem(+2,7%), Moncler (+2%) dopo l'ottimismo del numero uno Remo Ruffini sui conti 2018, e Pirelli (+2,2%) in attesa dei conti. Bene alcune utility dopo i conti in crescita della tedesca E.On (+3,6%) a Francoforte con A2a (+0,5%) che continua a correre dopo la trimestrale e il rialzo della guidance 2018 comunicati ieri. Sul resto del listino mini rimbalzo per Bca Carige (+5,2%) dopo il tracollo di ieri; tonfo di Geox (-15,5%) dopo i conti e la prudenza sul 2018.

Sul fronte valutario, l'euro si rafforza a 1,131 dollari (da 1,1290 ieri). Vale inoltre 128,8 yen (da 128,7 yen), mentre il dollaro-yen si attesta a 113,88 (da 114).

Andamento dello spread Btp / Bund

Balzo dello spread, il Governo sceglie la linea dura con l'Ue
Netto rialzo per lo spread tra BTp e Bund che accusa il nuovo round di confronto tra il Governo e la Ue sulla manovra rispetto alla chiusura di ieri di 304 punti. Il Governo, sottolineano gli analisti di Mps Capital Services, ha optato per la linea dura, mantenendo i saldi e la crescita invariati nella lettera spedita a Bruxelles, sebbene abbia aumentato la cifra delle dismissioni. Sono state inserite clausole di salvaguardia per evitare che il deficit salga oltre il 2,4% qualora le previsioni di crescita non si realizzassero. La Commissione europea pubblicherà le opinioni sulle leggi di bilancio dei Paesi membri, inclusi l’Italia, il 21 novembre prossimo.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib

A Milano giù Mediaset dopo la trimestrale, bene Pirelli
Seduta negativa, dunque, per i listini europei, che chiudono tutti in rosso dopo avere invertito più volte rotta. Milano è la peggiore del Vecchio Continente con un passivo dello 0,78% per il Ftse Mib, che torna a ridosso di quota 19mila, Parigi e Francoforte cedono rispettivamente lo 0,65% e lo 0,52% mentre Londra limita il passivo a -0,28%. A Piazza Affari, la peggiore è Mediasetcon -6,8% (ma era arrivata a perdere anche oltre l'8%) con il titolo ai minimi da 12 mesi sulle incertezze relative alla raccolta pubblicitaria (-1% a ottobre), anche se per il ribasso odierno, secondo gli analisti di Mediobanca, è stato eccessivo. Negative anche Banca Generalie Poste Italiane (entrambe -3,2%), Telecom Italia(-3,1%), Banca Pop Er (-3%) e Ubi Banca (-2,6%) mentre Davide Camparie Recordati lasciano sul terreno il 2,4%. Tengono i titoli del comparto assicurativo con Unipol e Generaliche cedono rispettivamente lo 0,6% e lo 0,3% mentre Enele A2aavanzano entrambi dello 0,54% anche grazie al buon andamento delle utility in Europa dopo che la tedesca E.On ha confermato i target 2018. Tra gli altri titoli positivi Brembo(+0,5%), Atlantia(+2%) e Pirelli & C(+2,2%) che dopo la chiusura dei mercati ha diffuso una trimestrale sopra le attese rivendendo tuttavia al ribasso i target per i ricavi 2018.

In Europa bene le utility e giù le materie prime
In Europa a livello settoriale e' stata una seduta brillante per il comparto delle auto (+0,78% lo stoxx di settore), delle utility (+0,73%) e per i media (+0,7%). Decisamente negativi invece i comparti delle materie prime e della chimica, in
ribasso rispettivamente dell'1,6% e dell'1,3%. A Parigi la peggiore e' Pernod Ricard (-4%) dopo il taglio del giudizio da parte degli analisti di Oddo Bhf; in cima al listino, invece, Michelin (+1,8%) dopo i conti e Valeo (+1,6%) oltre a
Peugeot (+1,1%). Subisce alcuni tagli delle raccomandazioni anche Bayer, che a Francoforte perde il 3,2%, mentre Allianze Commerzbankcedono l'1,7%; bene invece Merck(+4,8%) e Fresenius(+3,4%). La giornata difficile dei titoli delle
materie prime e', infine, evidente a Londra dove Rio Tinto cede il 3,5% e Bhp Billiton il 2,3%.

Riparte il greggio dopo il crollo di ieri
Riparte invece l petrolio, dopo il tweet di Trump e l’outlook emerso nel report dell’Opec, che vede la domanda calare più rapidamente del previsto. Nel breve l’attenzione si focalizzerà sui dati delle scorte private Usa, sul report mensile dell’Aie (entrambi oggi) e sulle scorte Usa ufficiali pubblicate dal Dipartimento dell’Energia (domani). Il Wti, sottolineano gli analisti di Mps Capital Services, scende da 12 sessioni consecutive, evento record. Il Brent ieri ha perforato anche il supporto di breve in area 67 dollari al barile, mettendo a segno un ribasso di quasi il 7% e toccando i minimi da marzo, spaventato dalla revisione al ribasso della domanda da parte dell’Opec. Su base tecnica, è particolarmente importante il supporto dinamico collocato intorno ai 64 dollari, che è costituito da una trendline rialzista iniziata nel 2016.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...