ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Le Borse chiudono vivaci, Omicron fa meno paura. Milano +2,16%, spread in calo dopo Fitch

Wall Street al rialzo rassicurata da Fauci. Il Dow Jones riconquista la soglia di 35.000 punti

di Flavia Carletti e Paolo Paronetto

La Borsa, gli indici del 6 dicembre 2021

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - La convinzione che i sintomi provocati dalla variante Omicron del Covid possano non essere particolarmente gravi, unita alla prospettiva di una Federal Reserve meno propensa ad accelerare il tapering dopo i dati sul mercato del lavoro Usa diffusi venerdì 3 dicembre, ha spinto al rialzo i listini azionari europei, che hanno chiuso in volata sui massimi di seduta. A Piazza Affari il Ftse Mib ha chiuso in progresso del 2,16 per cento. A Parigi il Cac40 è salito dell'1,48%, a Francoforte il Dax40 dell'1,39%, a Madrid l'Ibex35 del 2,40% e a Londra il Ftse100 ha guadagnato l'1,54 per cento. Intanto procede al rialzo Wall Street, con il Dow Jones tornato sopra la soglia dei 35mila punti.

Spread BTp/Bund chiude in calo a 126 punti

Dopo che Fitch ha alzato il rating dell'Italia a BBB da BBB-, i BTp decennali hanno registrato una giornata tonica, con un flusso di acquisti che ha permesso una netta riduzione dei rendimenti rispetto agli altri titoli sovrani dell'eurozona con la conseguenza che si è registrata un restringimento dello spread con i Bund. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (IT0005436693) e il titolo di pari durata tedesco ha chiuso quindi a 126 punti base, dopo un avvio in mattinata a 130 punti base. Il closing di venerdì era a 130 punti base. In netto calo il rendimento dei decennali italiani allo 0,89% dallo 0,93% di venerdì scorso.

Loading...

Ancora cali per Bitcoin, che si riporta sui minimi di inizio ottobre, azzerando il rally degli ultimi due mesi. La criptovaluta, che venerdì 3 novembre aveva perso il 10% e sabato aveva ceduto il 21% a 48.200 dollari, lascia sul campo un ulteriore 4% circa a 47.545 dollari (il primo ottobre si attestava a 47.336 dollari). Secondo gli analisti, il Bitcoin ha una crescente connessione con le evoluzioni del quadro macroeconomico e risente quindi dei timori del mercato, mentre le criptovalute minori si riprendono più velocemente quando ci sono eventi che creano incertezza da un punto di vista macro.

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...


A Milano in evidenza Stellantis, in calo Tim

Tra i titoli milanesi a maggiore capitalizzazione, a guidare i rialzi sono stati i big industriali con Stellantis a +3,48%, Pirelli a +3,61% e Cnh Industrial a +3,49 per cento. Deboli invece Diasorin (-2,49%) e Tim (-1,38%), quest'ultima sul timore che il fondo Kkr decida di fare un passo indietro rinunciando a lanciare l'opa sulla società. Gli acquisti hanno premiato Hera (+3,6%), Bper (+3,15%), Intesa Sanpaolo (+3,1%), Buzzi Unicem (+3,03%), Enel (+3,02%), Banco Bpm (+3,02%) e Terna (+2,92%). Tra le banche, UniCredit è salita del 2,7% in vista della presentazione del nuovo piano industriale in calendario giovedì. Ha chiuso in rialzo dell'1,3% Leonardo, protagonista di uno scatto finale dopo essere stata penalizzata per gran parte della giornata dal giudizio degli analisti di BofA Merrill Lynch, che hanno tagliato la raccomandazione sul titolo a "neutral" dal precedente "buy".


Generali sotto i riflettori, bene Maire Tecnimont

In una giornata positiva per i titoli finanziari, bene Generali (+2,31%): il patto Del Vecchio-Caltagirone-Fondazione Crt ha raggiunto il 15,2% del capitale e, secondo quanto ricostruito da Il Sole 24 Ore, è pronto a illustrare la propria strategia di sviluppo della compagnia triestina dopo il piano industriale del management che sarà presentato la prossima settimana. I piani del patto su Banca Generali hanno spinto anche il titolo della società di risparmio gestito (+1,57%). Fuori dal Ftse Mib,Maire Tecnimont (+2,13%) è salita dopo che ha ottenuto tre contratti, per complessivi 3,5 miliardi di dollari, per l'espansione dell'impianto di poliolefine di Ruwais ad Abu Dhabi. Seduta brillante per Clabo (+31,82%), Conafi (+21,97%) e Wm Capital (+13,71%), mentre hanno perso terreno Datrix (-5,91%), Ucapital (-6%) e Gel (-6,36%).

Petrolio in netto rialzo, euro sotto 1,13 dollari

Sul mercato dei cambi, l'euro vale 1,1278 dollari (da 1,1297 venerdì 3 dicembre in chiusura). La moneta unica vale anche 127,95 yen (da 127,63), mentre il rapporto dollaro/yen è pari a 113,44 (112,77 venerdì). In rialzo il prezzo del petrolio, spinto dalla fiducia mostrata dall'Arabia Saudita sull'outlook della domanda di energia sostengono i mercati azionari. Il future gennaio sul Wti guadagna il 3,05% a 68,28 dollari al barile, mentre la consegna febbraio sul Brent sale del 2,9% a 71,91 dollari.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti