ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

L’Europa manca il rimbalzo, Wall Street chiude negativa. Giù il gas dopo l'accordo Ue sul price cap

Sui listini resta il timore recessione economica mentre le banche centrali non mollano la presa sui tassi. In Cina nuovo aumento casi Covid. Petrolio accelera, prezzi del gas in calo del 4%. Lo spread sale ancora e si porta a 218 punti

di Stefania Arcudi

Aggiornato alle 22:11

La Borsa, gli indici del 19 dicembre 2022

6' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Il tentativo di rimbalzo delle Borse europee, reduci da una settimana da dimenticare con ribassi anche al 4% per l’Euro Stoxx 50, non è riuscito e gli indici continentali hanno chiuso poco distanti dalla parità, come il FTSE MIB di Milano, o in modesto rialzo, come Francoforte (DAX 40), Parigi (CAC 40), Londra (FT-SE 100), Madrid (IBEX 35) e Amsterdam (AEX). Da segnalare che la Borsa di Buenos Aires è in rialzo, ma senza eccessivi entusiasmi (+1,1%) dopo che l’Argentina ha vinto i Mondiali di calcio in Qatar contro la Francia. Wall Street chiude negativa: il Dow Jones perde lo 0,49%, il Nasdaq cede l’1,49%, mentre lo S&P 500 arretra dello 0,90%.

Note di colore a parte, il clima è tutt’altro che sereno. Gli investitori, che cominciano comunque a tirare i remi in barca in vista della fine dell’anno, fanno già i conti con i prossimi aumenti dei tassi, anticipati dalla Fed e dalla Bce, e con il rischio recessione, quindi optano per un atteggiamento più cauto, con scarso interesse per gli asset più rischiosi. Non aiutano l’aumento dei contagi in Cina (a Shanghai le scuole sono rimaste chiuse) e il conseguente timore di un ulteriore rallentamento dell’economia del Paese, nonostante le promesse di Pechino di lavorare per sostenere la congiuntura. Qualche sostegno arriva dal fronte energetico, dopo che fonti europee hanno indicato che è stato trovato un accordo per fissare un “price cap” per il gas a quota 180 euro/Mwh (-4% nel finale a 110 euro al megawattora il future scadenza gennaio).

Loading...

"Il sentiment globale verso gli asset più rischiosi rimanefragile", segnalano gli analisti di ActivTrades. "Poiché ci si aspetta che le banche centrali spingano ulteriormente verso ulteriori rialzi del costo del denaro, gli investitori continueranno a temere un maggiore impatto economico di questi rialzi e danni ai profitti societari. Ciò dovrebbe mantenere una pressione significativa sull’azionario fino alla prossima stagione degli utili, il che rende difficile valutare le prospettive a breve e medio termine per le azioni. Detto questo, un recupero del mercato cinese potrebbe fornire una spinta verso i mercati azionari questa settimana dopo che Pechino ha abbandonato la sua politica Covid Zero e ha promesso una maggiore crescita nel 2023".

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Wall Street debole dopo due settimane in calo

Andamento in calo a Wall Street. Gli indici sono reduci da due settimane negative di fila, con i mercati azionari di tutto il mondo spaventati dal peggioramento dell'outlook economico globale e dalla volontà delle Banche centrali di proseguire con i rialzi dei tassi d'interesse per frenare l'inflazione. Dall'inizio di dicembre, lo S&P 500 ha ceduto il 5,59%. Negli Stati Uniti, i banchieri della Fed ora prevedono un picco dei tassi al 5,1% (valore mediano) nel 2023, in rialzo dal 4,6% delle previsioni di tre mesi fa. Mercoledì, sono stati portati al 4,25%-4,50%, il livello massimo dal 2007. La Fed, come azione di contrasto all'inflazione, non prevede poi di abbassare i tassi prima del 2024.

A Milano spiccano Nexi e Tim

A Piazza Affari spicca Nexi: il governo italiano ha deciso di rinunciare a modificare la normativa sui pagamenti digitali eliminando l'iniziale proposta di un limite sotto cui gli esercenti potevano rifiutarsi di accettare i pagamenti con carta. Svetta Telecom Italia mentre si avvicina la scadenza del 31 dicembre entro cui il governo intende dare indicazioni sui progetti relativi alla infrastruttura di rete. Salgono i titoli petroliferi (Eni, Tenaris), con l'accelerata del greggio. In calo Leonardo, dopo che la Procura ha rinviato a giudizio gli ex manager di Banca Mps, tra i quali Massimo Tononi, ora presidente di Banco Bpm, e Alessandro Profumo, ad di Leonardo. Giù Ovs a causa di un giudizio in peggioramento da parte degli analisti di Equita. Trai titoli a minore capitalizzazione sale Salcef (costruzioni ferroviarie) grazie all'acquisizione di Francesco Ventura Costruzioni Ferroviarie, bene anche Sesa (Ict) che si è rafforzata nel segmento servizi finanziari con Euro Finance Systems. Rimane al palo, invece, Moncler, sul timore che i contagi di Covid in Cina frenino le vendite nel Paese.

Exor debutta ad Amsterdam, prima seduta poco mossa

Da segnalare il debutto poco mosso per Exor (+0,12%) alla Borsa di Amsterdam: le azioni della holding della famiglia Agnelli sono ora sul paniere olandese che raccoglie le società a maggiore capitalizzazione, al posto di Just Eat Takeaway. Exor, che ha partecipazioni in Stellantis, Ferrari e Juventus, ha dato l'addio a Piazza Affari la scorsa estate per trasferirsi sulla Borsa olandese. All'epoca le azioni si attestavano poco sopra i 66 euro. Da oggi le Exor sono entrate anche nell’indice Aex Esg al posto di Abn Amro.

Negative le Borse asiatiche, Shanghai perde quasi il 2%

Pesante la Borsa di Shanghai, ma anche Hong Kong (-0,7%) e Seul (-0,3%) hanno perso terreno. La Borsa di Tokyo (NIKKEI 225) ha archiviato la terza seduta in calo, con gli investitori che continuano, come a Wall Street, a valutare la probabilità di un’ulteriore stretta monetaria in Europa e negli Stati Uniti per controllare i timori di recessione globale. Anche lo yen forte ha influito sui corsi azionari. La valuta giapponese si è rafforzata contro il dollaro dopo che l’agenzia di stampa giapponese Kyodo ha riferito durante il fine settimana che il governo giapponese sta valutando la possibilità di rivedere il suo obiettivo di inflazione congiunto con la Banca del Giappone (BoJ). Questa modifica, che entrerebbe in vigore dopo la fine del mandato dell’attuale governatore della BoJ Haruhiko Kuroda, il prossimo aprile, aprirebbe la strada a una revisione della politica di allentamento monetario che l’istituzione persegue da quasi 10 anni..

BTp, spread chiude in rialzo a 218 punti

Chiusura in rialzo per lo spread tra BTp e Bund in un contesto di debolezza per il reddito fisso europeo dopo i possibili nuovi rialzi dei tassi annunciati da Fed e Bce per fronteggiare l'inflazione. A fine seduta il differenziale di rendimento tra il BTp benchmark decennale italiano (Isin IT0005494239) e il pari scadenza tedesco e' indicato a 218 punti base dai 213 punti del closing di venerdì. Sale anche il rendimento del BTp decennale benchmark, che ha terminato al 4,37% dal 4,30% dell'ultimo riferimento della vigilia.

Euro resta sopra 1,06 dollari, petrolio accelera

Sul fronte dei cambi, l'euro tiene quota 1,06 dollari. Passa inoltre di mano a 144,6 yen (145), mentre il rapporto dollaro/yen è a 136,3 (136,66). Sale il prezzo del petrolio, con i future del Wti gennaio a +1,75% a 75,59 dollari al barile e quelli del Brent febbraio su dell'1,4% a 80,19 dollari, cosa che ha messo il turbo ai titoli del settore.

Prezzi gas in calo dopo accordo su price cap in Ue

Infine perde ancora quota il valore del gas dopo le decisioni Ue sul tetto al prezzo: il contratto di gennaio perde il 7,7%, attestandosi a 106 euro per megawattora, dopo che fonti europee hanno indicato che i ministri dell'Energia Ue hanno fissato un price cap a quota 180 euro. La data di entrata in vigore del tetto al prezzo del gas sarebbe spostata dal primo febbraio 2023 al 15 febbraio. Il meccanismo di correzione del prezzo del gas entrerebbe in vigore quando i contratti a un mese sul Ttf olandese superano la soglia decisa per tre giorni lavorativi. La seconda condizione è che lo scarto fra la media dei prezzi di riferimento del gas naturale liquefatto sia superiore a 35 euro. Già nella seduta precedente le quotazioni erano crollate, sottolineano da Mps Capital Services, per l'attesa di un aumento delle temperature europee nei prossimi giorni, per la produzione di elettricità da fonte eolica e con le scorte che restano ben sopra la media di periodo.

Germania, migliora fiducia imprese a dicembre

Migliorano a dicembre, più delle attese, le condizioni economiche in Germania con il sentiment tra le imprese tedesche salito al livello più alto da agosto, fornendo un certo ottimismo sul fatto che l'attuale recessione economica potrebbe essere meno grave di quanto temuto. L'indice sul clima aziendale misurato dall'istituto tedesco Ifo sale a 88,6 da 86,4 di novembre, più delle attese che stimavano un valore a 87,4. Il sottoindice sulle condizioni attuali sale a 94,4 da 93,2 di novembre e quello che valuta le aspettative a 83,2 da 80,2. Nonostante i recenti miglioramenti, la fiducia delle imprese tedesche rimane a un livello molto contenuto rispetto agli standard storici. "Il sentiment nell'economia tedesca è notevolmente migliorato" ha dichiarato il presidente dell'Ifo, Clemens Fuest. "Gli affari nel Paese stanno entrando nel periodo natalizio con un senso di speranza" ha detto. L'indice Ifo si basa su un sondaggio di circa 9.000 aziende del settore manifatturiero, dei servizi, del commercio e delle costruzioni.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave del giorno? Appuntamento quotidiano con la redazione Finanza e Risparmio che cura il podcast quotidiano “Market mover”. Ascolta il podcast
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti