ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Borse Ue tornano ai minimi da due anni con scure dell'Fmi. Milano chiude a -0,9%, giù il petrolio

Il Fondo monetario taglia le stime di crescita globale per il 2023 e lascia invariate quelle per il 2022.La crisi energetica non sarà transitoria. Attesa per i verbali della Fed e prezzi negli Stati Uniti. A Piazza Affari deboli banche ed energetici

di Chiara Di Cristofaro ed Enrico Miele

Aggiornato alle 22:13

La Borsa, gli indici del 10 ottobre 2022

4' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - L’Fmi vede nero per la crescita mondiale e gli indici europei, di conseguenza, continuano a perdere quota e chiudono sui minimi ormai da due anni. A mandare in ansia i mercati c’è l’attesa per i verbali della Fed (mercoledì 12 ottobre) e l’inflazione Usa (giovedì 13 ottobre) dai quali si attendono indicazioni sui futuri rialzi dei tassi d’interesse. Ma il timore degli investitori, in questa vigilia complicata, è che gli effetti dell’inflazione e i venti di recessione possano già far sentire i loro effetti sulle trimestrali dei big Usa, la cui pubblicazione inizierà a stretto giro.

Le stime del Fondo monetario internazionale, in fondo, parlano chiaro: la crisi energetica? Nel 2023 sarà peggio, l’inflazione rimarrà elevata più del previsto (+9,5% a fine anno), con Italia e Germania le prime a finire in recessione, mentre vengono ridotte le attese sul Pil mondiale (+2,7% l’anno prossimo). Senza contare la crisi sul fronte russo-ucraino, con i missili di Mosca caduti a pochi passi dai palazzi del Governo di Kiev e il nuovo attacco a Zaporizhzhia nella notte e il nuovo balzo dei contagi da Covid in Cina.La peggiore a fine seduta nel Vecchio Continente è la Borsa di Milano, che termina con il FTSE MIB in coda. Male anche Parigi il CAC 40, Francoforte il DAX 30 e Amsterdam l'AEX A pagare il conto più salato sono i titoli del comparto energetico delle materie prime, che scontano il perdurare della crisi energetica, i timori sulla domanda globale e la brusca frenata del petrolio.

Loading...

Wall Street in chiaroscuro

Dopo un avvio in rosso gli indici a Wall Street hanno girato in positivo, reduci da quattro sedute negative consecutive. Tuttavia, a fine seduta la chiusura è stata contrastata: se il Dow Jones sale dello 0,12%, il Nasdaq perde l’1,10%, mentre lo S&P 500 cede lo 0,66%.

L'attesa degli investitori è per i prossimi dati sull'inflazione: i prezzi alla produzione e i prezzi al consumo, previsti rispettivamente mercoledì e giovedì, mostreranno se i considerevoli aumenti dei tassi di interesse stanno funzionando o se dati inferiori alle previsioni spingeranno invece per un ulteriore aumento di 75 punti base al prossimo incontro della Banca centrale, in novembre. Le aspettative sull'inflazione a un anno, a settembre, sono intanto calate dal 5,74% al 5,4%, secondo l'ultimo sondaggio condotto dalla Fed di New York. Si tratta del dato più basso in un anno, dopo aver toccato il 6,8% a giugno.

Sull'azionario, soffrono i titoli dell'industria tecnologica e dei semiconduttori, alla luce di una nuova serie di restrizioni sulla tecnologia cinese. In calo anche i titoli delle banche, il settore che venerdì darà inizio alla stagione delle trimestrali. Tra i migliori c'è American Airlines, dopo che la compagnia aerea ha annunciato che i conti del terzo trimestre saranno migliori delle attese, grazie ai dati positivi sulle vendite per il Labor Day (4 settembre), uno tra i weekend festivi più popolari negli Stati Uniti.

A Milano in calo le banche, resiste Recordati

La peggiore a fine seduta nel Vecchio Continente è così la Borsa di Milano, che termina con un passivo dello 0,87%. A pagare il conto più salato sono utility (Hera), tech (Stmicroelectronics) e tlc, con Telecom Italia alle prese con la richiesta di rinvio da parte di Cdp sul termine ultimo per un’offerta sulla rete unica. Giù i titoli bancari e anche quelli petroliferi (Eni) per i dubbi sulla domanda globale di energia, che fiaccano il greggio. In controtendenza Davide Campari e Ferrari. Rimbalza Banca Mps sull’ottimismo per l’avvio dell’aumento di capitale.

Il comparto farmaceutico, invece, ha retto il colpo anche a livello europeo dopo le indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui il gruppo americano Bio-Rad Laboratories sarebbe in trattative con Qiagen per valutare una combinazione delle rispettive attività. Secondo gli osservatori, il susseguirsi di operazioni di M&A conferma il forte appeal speculativo per i titoli del comparto. Così anche a Milano Diasorin e Recordati sono andate bene, quest'ultima per altro spinta anche dal dall'upgrade di Mediobanca Securities, che ha alzato la valutazione sul titolo da neutral a outperform.

Euro in recupero, petrolio in netto calo dopo il rally

Sul valutario, l'euro recupera leggermente terreno sul dollaro dopo che l'avversione al rischio ha portato lunedì a un'ondata di acquisti sul biglietto verde. Intanto è tornato a deprezzarsi lo yuan in scia alle rinnovate sanzioni Usa e all’indiscrezione del People’s Day secondo cui la Cina continuerà con la politica Zero-Covid, poiché viene ritenuta sostenibile per l’economia.

Sul fronte dell'energia, poco mosso il prezzo del gas ad Amsterdam sotto i 160 euro al MWh, mentre il petrolio è in forte calo, dopo il rally della scorsa setttimana. Il barile, che già alla vigilia aveva lasciato sul campo circa due punti, ha ampliato le perdite sul rafforzamento del dollaro e sul nuovo aumento di casi di Covid-19 in Cina, tornati al massimo da fine agosto, cosa che agita lo spettro di nuovi lockdown nel Paese, secondo maggiore consumatore mondiale di petrolio. Sono tutti fattori che alimentano i timori su un possibile rallentamento della domanda globale.

Spread chiude in rialzo a 239 punti

Chiusura in rialzo per lo spread tra BTp e Bund. A fine seduta il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005494239) e il pari scadenza tedesco è indicato a 239 punti base dai 232 punti della chiusura di venerdì. Stabile, invece, il rendimento del BTp decennale benchmark che ha segnato un'ultima posizione al 4,69%, invariato rispetto al riferimento della vigilia.


Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave del giorno? Appuntamento quotidiano con la redazione Finanza e Risparmio che cura il podcast quotidiano “Market mover”. Ascolta il podcast
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti