la giornata dei mercati

Piazza Affari regina della settimana in Ue: +3,8%. Banche protagoniste

Listini europei tutti positivi con Milano capofila grazie all'ipotesi di aggregazione tra Bper e Banco Bpm aperta dalle dichiarazioni del ceo di Unipol

di Andrea Fontana

La Borsa, gli indici di oggi 20 novembre 2020

Listini europei tutti positivi con Milano capofila grazie all'ipotesi di aggregazione tra Bper e Banco Bpm aperta dalle dichiarazioni del ceo di Unipol


4' di lettura

Le Borse europee hanno proseguito sulla strada del rialzo, continuando a scommettere sulla ripresa nel 2021, supportata dai vaccini, oltre che da politiche fiscali e monetarie più accomodanti. Acquisti in particolare sui titoli dell'industria energetica, delle materie prime e sulle utility. Piazza Affari è stata la migliore in Europa chiudendo con un rialzo dello 0,79% che porta a +21% la performance del mese di novembre: la spinta per il Ftse Mib è arrivato dall'ipotesi di un progetto di aggregazione tra Banco Bpm e Popolare dell'Emilia Romagna sostenuto dal primo azionista di Modena, Unipol, e dall'amministratore delegato della banca milanese.

L'incremento odierno di Piazza Affari completa una settimana particolarmente brillante per il listino milanese, salito del 3,8%, guidato proprio dall'accoppiata Bper-Unipol (rispettivamente +19,8% e +10,9%) e dal comparto bancario che anche in Europa è stato il più vivace insieme a quello petrolifero e all'automotive. Nell'intera settimana , Parigi e Madrid sono salite di oltre due punti percentuali, poco mosse Francoforte e Londra.

Loading...

Wall Street debole tra contagi Covid e vaccino

A Wall Street indici deboli. L'attenzione è sullo scontro tra il Tesoro e la Federal Reserve con la richiesta di Steve Mnuchin alla banca centrale di non rinnovare oltre la scadenza di dicembre alcune misure varate per l'emergenza Covid.

Il segretario al Tesoro ha detto che incontrerà i leader repubblicani e che presto vedrà anche quelli democratici, nel tentativo di raggiungere un accordo su un piano mirato «per chi ne ha veramente bisogno». Gli investitori sono preoccupati per la decisione del dipartimento del Tesoro di non rinnovare cinque programmi di aiuti messi in funzione, con i fondi del Cares Act, dalla Federal Reserve all'inizio della pandemia di coronavirus, generando il disappunto della Banca centrale, secondo la quale l'economia resta «vulnerabile e debole».

La pandemia - e non solo le sue conseguenze economiche - rimane in primo piano, con i contagi su livelli da record negli Usa (187.833 nuovi casi e il numero di ricoverati a causa del Covid-19 salito a 80.698). In Europa la crescita delle infezioni ha rallentato il passo grazie ai lockdown, preannunciando possibili allentamenti alle restrizioni imposte nella maggior parte dei Paesi.

Pfizer e Biontech chiedono via libera a vaccino

Sul fronte vaccini, Pfizer e Biontech (entrambe brillanti sui rispettivi listini) hanno comunicato che depositeranno in giornata alla Food and Drug Aministration (Fda, l'autorità americana di supervisione del mercato alimentare e farmaceutico) la richiesta per l'autorizzazione all'uso di emergenza per il vaccino sperimentale, che potrebbe quindi essere disponibile per le persone a più alto rischio già dalla meta' di dicembre.

A Bruxelles, intanto, preoccupa la crisi scoppiata tra i Ventisette, dopo il veto posto da Polonia e Ungheria sul meccanismo di esborso dei fondi. Nella riunione dei Capi di Stato, non è stata raggiunta una soluzione, anche se il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha spinto per «trovare un compromesso».

A Piazza Affari +4% Bper e +3,6% Banco Bpm

Piazza Affari è stata sostenuta dalle banche con Bper salita del 4% dopo le parole di Carlo Cimbri, numero uno di Unipol, compagnia azionista del gruppo bancario: «L’idea di creazione del terzo gruppo bancario italiano attraverso l’aggregazione tra Banco Bpm e Bper è affascinante sia sotto il profilo industriale sia perché si tratterebbe di un grande progetto italiano», ha dichiarato il manager in un’intervista su Il Sole 24 Ore.

L'apertura di Cimbri è stata raccolta dall'amministratore delegato di Banco Bpm, Giuseppe Castagna: «La banca è interessata a esplorare operazioni di aggregazione con una forte valenza industriale volte a creare valore per gli azionisti» e «in tale ottica accogliamo con piacere le dichiarazioni di Cimbri, ceo di Unipol, primo azionista di Bper, in relazione a una possibile operazione di consolidamento», ha commentato il manager. Le quotazioni del Banco Bpm hanno guadagnato il 3,6%, quelle di Unipol il 3,8%.

Tra i migliori titoli di giornata ancora Nexi, che sfrutta le nuove indiscrezioni sul possibile interesse per le attività italiane di Bnp Paribas nel settore dei pagamenti. In luce anche Terna (+2,5%) all'indomani della presentazione del nuovo piano industriale al 2025 che prevede investimenti per quasi 9 miliardi in Italia. Giù Tim, Saipem e Campari.

Spread stabile a 117 punti, tasso a 0,60%

Chiude la settimana sostanzialmente invariato lo spread tra BTp e Bund sul mercato secondario Mts dei titoli di Stato. Il differenziale di rendimento tra il decennale italiano benchmark (Isin IT0005413171) e il pari durata tedesco, dopo un'apertura in rialzo a 120 punti, ha chiuso a 117 punti, stesso livello del finale del 19 novembre. Il rendimento dei decennali italiani torna a scendere e si riporta sulla soglia dello 0,60% dallo 0,61% del closing di giovedì 19, sempre vicino al minimo storico dello 0,58% toccato in settimana.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Sul fronte dei cambi, l’euro si è rafforzato sul dollaro a 1,1860 (era a 1,1841 dollari a fine seduta il 19 novembre). La moneta unica vale inoltre 123,2 yen (123), mentre il dollaro-yen è stabile scambiato a 103,8 (103,87). Quanto al petrolio, il prezzo del Wti, contratto con consegna a gennaio, è vicino ai 42 dollari al barile.

Focus su indici Pmi prima del Thanksgiving Day americano

La prossima settimana avrà al centro dell'attenzione gli indici sull'attività manifatturiera negli Stati Uniti e in Europa realizzati tramite le indicazioni dei responsabili acquisti delle aziende: i dati sono quelli relativi al mese di novembre e serviranno per cogliere gli effetti sull'economia reale e sulle attività delle aziende delle misure di restrizione introdotte per frenare il contagio. Giovedì i mercati statunitensi resteranno chiusi invece per la festività del Thanskgiving Day.

(Il Sole 24 Ore - Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti