ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

La crisi politica affossa Piazza Affari (-3,4%). Spread a 223 punti

L'euro scende sotto la parità sul dollaro prima di un leggero recupero. Deludono le trimestrali di JpMorgan e Morgan Stanley

di Flavia Carletti

Aggiornato alle 18.20

La Borsa, gli indici del 14 luglio 2022

4' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Chiusura in calo per le Borse europee ma sopra i minimi di seduta, con Milano maglia nera zavorrata dalla crisi politica interna. A Piazza Affari il Ftse Mib ha perso il 3,44%, ai minimi da metà novembre 2021 con la quarta seduta negativa, quando a Parigi il Cac40 è sceso dell'1,41% e a Francoforte il Dax40 dell'1,86 per cento. Per quanto riguarda le altre Borse europee, l’Aex di Amsterdam è sceso dello 0,93%, il Ftse100 di Londra dell’1,63% e l’Ibex35 di Madrid dell'1,87%, quando a Milano il Ftse All Share ha ceduto il 3,29 per cento.

Pesa ancora l'inflazione Usa, timori per economia

I mercati azionari hanno ancora risentito del dato sull'inflazione Usa di ieri, salito ai massimi dal 1981, e iniziano a scontare la possibilità che - dato per assodato un rialzo di 75 punti basi nella prossima riunione della Federal Reserve - la banca centrale Usa possa essere ancora più aggressiva e procedere a un rialzo di 100 punti base. E proprio oggi, Christopher Waller, componente del Board della Federal Reserve, ha detto che è pronto a considerare un aumento dei tassi di interesse "maggiore" rispetto a quello da 75 punti base deciso a giugno, per contrastare l'inflazione. Intanto è partita la stagione delle trimestrali negli Usa e i conti dei primi due big bancari - Jp Morgan e Morgan Stanley - hanno deluso le attese. Questa mattina poi, la Commissione Ue ha rivisto al ribasso le stime sul Pil della zona euro e alzato quelle sull'inflazione. Per l'Italia nel 2022 la crescita è prevista in crescita del 2,9% (dato rivisto in positivo) mentre nel 2023 la stima scende al +0,9%, fanalino di coda dell'area euro.

Loading...

Draghi incassa la fiducia al Senato e va al Colle

Sul fronte politico, il Dl Aiuti è passato al Senato con la fiducia ma i 5 Stelle, come preannunciato, non hanno votato e il presidente del consiglio, Mario Draghi, ha avuto un colloquio di circa un'ora con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. In questo quadro, lo spread tra BTp e bund decennale ha toccato anche i 228 punti base prima di chiudere a 223, quando l'euro è sceso sotto la parità con il dollaro prima di recuperare terreno. Giù anche Wall Street, quando è partita la stagione delle trimestrali delle «big» bancarie americane. Sul fronte macro, le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 9.000 unità a 244.000, secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro; le attese erano per un dato a 235.000. Si tratta del numero maggiore registrato dal novembre 2021. I prezzi alla produzione di giugno sono aumentati dell'1,1%, sopra le stime.

Saipem tenta il rimbalzo, male le banche

A Piazza Affari, tra i titoli, Saipem ha cercato il rimbalzo (+5,69%). Ha resistito Amplifon (+2,06%) con St (+0,32%), dopo che Taiwan Semiconductor Manufacturing (Tsmc), tra i maggiori colossi mondiali dei chip e grande fornitore di Apple e Qualcomm, ha riportato risultati per il secondo trimestre superiori alle attese e ha alzato le guidance sui ricavi. Segno opposto per bancari, finanziari e comparto energia, in una seduta di vendite generalizzate. Tim con un calo del 6,4% ha registrato la peggiore performance tra i titoli a maggiore capitalizzazione. Il settore bancario è stato tra i più penalizzati con Bper (-6,17%) e Unicredit (-6,11%) in coda al segmento principale, quando Intesa Sanpaolo ha perso il 5,54% e Banco Bpm il 5,54 per cento.

Seduta negativa per energia e finanziari

Forti vendite anche su Enel (-5,7%), in una seduta di debolezza per molti titoli finanziari: Finecobank -5,07%, Mediobanca -4,7%, Unipol -4,39% e Nexi -4,22 per cento. In rosso anche gli altri titoli del risparmio gestito: Banca Generali -4,12%, Azimut -4,07% e Banca Mediolanum -3,54%, all’indomani della prima assegnazione del rating da parte di S&P (BBB con outlook positivo). Poste Italiane, associabile al settore del risparmio gestito, ha perso il 5,08%. Male anche le utility con Snam (-4,39%) e Terna (-4,26%), quando Eni ha lasciato sul terreno il 4,25% e Tenaris il 4,04%, complice la debolezza del greggio.

Spread chiude in rialzo a 223, rendimento decennale al 3,41%

Chiusura in rialzo per lo spread tra BTp e Bund che, sull'onda della crisi di Governo, ha terminato in netto rialzo seppur in lieve ritracciamento rispetto ai massimi di giornata. A fine seduta il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005436693) e il pari scadenza tedesco e' indicato a 223 punti base, in aumento di ben 14 centesimi rispetto al closing di ieri. Sale anche il rendimento del BTp decennale benchmark che ha segnato un'ultima posizione al 3,41%, dal 3,24% della vigilia.

Euro scende sotto la parità con il dollaro poi recupera

Brusca caduta per l'euro che è sceso in pochi minuti da 1,001 sul dollaro a 0,9552 per poi recuperare e chiudere a 1,0011 dollari sempre sui minimi dal 2002. In chiusura dei mercati europei, l'euro passa di mano anche a 139,238 yen (138,7), quando il biglietto verde vale 139,08 yen. «La domanda per il biglietto verde continua a crescere, soprattutto dopo i dati di ieri sull'inflazione Usa, che ha raggiunto il livello più alto degli ultimi quattro decenni al 9,1%», sottolineano da ActivTrades, con le attese di politiche sempre più aggressive da parte della Fed e l'ipotesi di un aumento del costo del denaro di 100 punti base già a luglio. L'euro, d'altra parte, soffre gli effetti della guerra in Ucraina e della crisi energetica, che penalizza le prospettive di crescita dell'Eurozona, con «la pressione inflazionistica che aumenta e mette la Bce in una situazione sempre più difficile. La Banca centrale europea sa che qualsiasi azione per frenare l'inflazione andrebbe a danneggiare l’economia, ma la mancanza di azione renderebbe l'euro ancora più debole», concludono gli analisti.

Petrolio in calo, gas sotto 180 euro/Mwh

In calo il prezzo del petrolio sui timori per la domanda globale: il contratto consegna settembre sul Brent perde il 2,14% a 97,44 dollari al barile e quello consegna agosto sul Wti il 2,73 a 93,67 dollari al barile, quando il gas ad Amsterdam è prima salito a 180 euro e poi è tornato a scendere (-3,1% a 174,8 euro al megawattora). A pesare sul greggio, oltre ai timori per l'inflazione, sono anche le notizie dalla Cina, primo importatore di petrolio, visto l'aumento dei casi di Covid-19 nel Paese e le chiusure dei casinò e di quasi tutte le attività commerciali e industriali a Macao, decise per frenare la diffusione del virus. L'Opec, intanto, ha affermato che la crescita della domanda di petrolio continuerà nel 2023, ma a un ritmo leggermente più lento rispetto al 2022, in un andamento simile alla crescita economica globale.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave del giorno? Appuntamento quotidiano con la redazione Finanza e Risparmio che cura il podcast quotidiano “Market mover”. Ascolta il podcast
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti