ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Borse, Big Tech delude ma Europa infila un altro rialzo. A Milano corre Unicredit

Rally sul finale insieme al Dow Jones. Dollaro sui minimi da cinque settimane, euro sopra la parità. Corre la sterlina. In rialzo i prezzi del gas e del petrolio. Attesa per le decisioni della Bce

di Chiara Di Cristofaro

Aggiornato alle 17.50

La Borsa, gli indici del 26 ottobre 2022

4' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Le Borse europee archiviano un'altra seduta in rialzo con una volata finale, dopo due sessioni di vivace risalita: i buoni risultati trimestrali di alcune grandi banche, come Unicredit, Barclays, Santander e Deutsche Bank,e la buona intonazione del Dow Jones hanno compensato la delusione per i conti dei big della tecnologia americana. Il DAX 40 di Francoforte è il migliore della seduta ma chiudono in rialzo anche l'IBEX 35 di Madrid, il CAC 40 di Parigi così come il FT-SE 100 di Londra. Segno più anche per il FTSE MIB di Piazza Affari. L'AEX di Amsterdam è penalizzato dalla presenza di molti titoli tecnologici nel paniere.

Seduta a due facce per Wall Street, con il Nasdaq debole con Microsoft Corp e Alphabet in calo dopo i risultati trimestrali, mentre il Dow Jones è in deciso rialzo. Intanto l'euro ha ritrovato la parità con il dollaro e lo spread è in leggero rialzo a 224 punti.

Loading...

Banche in focus, Unicredit in testa al Ftse Mib

Banche sotto i riflettori in Europa e a Piazza Affari, a partire da Unicredit che chiude sopra quota 12 euro sui massimi da 8 mesi. I conti del terzo trimestre sono stati ben superiori al consensus: utile netto di 1,3 miliardi di euro (+31,1%) che sale a 1,7 miliardi includendo le attività russe a fronte del miliardo circa del consensus degli analisti. Inoltre, il gruppo ha deciso di migliorare la guidance per il 2022 con prospettive di distribuire agli azionisti almeno quanto fatto nel 2021. Restano indietro gli altri titoli del comparto bancario con rialzi inferiori al mezzo punto percentuale e con Banco Bpmin rosso. Ben intonati i titoli energetici, con il rialzo del prezzo del petrolio, acquisti anche su Leonardo - Finmeccanica e Terna, in ordine sparso le altre utility. Le vendite hanno invece colpito Amplifon che è arrivata a perde anche il 6% dopo i conti trimestrali che sono stati sostanzialmente in linea con le previsioni degli analisti: a favorire le vendite invece, secondo gli operatori, è stata la guidance sul 2022.

Tonfo Tod's dopo il fallimento dell'Opa

Seduta da dimenticare per le azioni Tod's, dopo che l'opa lanciate dall'azionista di controllo Della Valle si è conclusa con un nulla di fatto. L'offerente aveva indicato il raggiungimento del 90% del capitale come condizione di efficacia dell'offerta, ma le adesioni raccolte non hanno permesso di raggiungere questo obiettivo per cui «l'offerta non si perfezionerà».

Euro ritrova la parità con dollaro, risale la sterlina

L'euro ritrova stabilmente la parità nei confronti del dollaro per la prima volta da oltre un mese. Il movimento, che arriva alla vigilia delle decisioni della Bce sull'aumento dei tassi di interesse (previsto un rialzo di 75 punti base), segue la frenata del biglietto verde americano già in atto nelle ultime sedute. L'indice del dollaro sulle principali valute è ai minimi da oltre un mese.

«Una serie di dati economici negativi pubblicati dall'inizio della settimana, inclusi Pmi, prezzi delle case e fiducia dei consumatori, hanno mostrato che l'irrigidimento della politica monetaria della Fed sta iniziando ad aprire alcune crepe nell'economia americana», osservano gli analisti di Activ Trades. I mercati stanno già «prezzando un outlook in peggioramento per l'economia statunitense, facendo scendere di conseguenza il biglietto verde». Tuttavia, secondo gli esperti, «è improbabile che questa dinamica duri a lungo come è improbabile che la banca centrale statunitense si discosti dalla sua attuale posizione da falco». Il punto di svolta, quindi, sarà solamente l'effettiva discesa dell'inflazione.

Sterlina sopra la soglia degli 1,16 dollari, massimo da metà settembre raggiunto nella seduta di martedì 25 ottobre, dopo la scelta del nuovo primo ministro.

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

Spread in lieve rialzo, cala il rendimento del decennale

Sale leggermente lo spread tra BTp e Bund il giorno dopo le dichiarazioni programmatiche della neo presidente del Consiglio, Giorgia Meloni. In chiusura di scambi il differenziale di
rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005494239) e il pari scadenza tedesco è indicato a 221 punti base, due in più rispetto ai 219 del closing della vigilia. In lieve calo il rendimento del BTp decennale benchmark, al 4,32% dal 4,35% di ieri (e dal 4,77% nel finale di venerdì).

BTp: assegnati short term per 2,5 mld, giù rendimenti

Il Tesoro ha assegnato in asta 4 miliardi complessivi di titoli di Stato a medio-lungo termine con rendimenti in calo dopo i record dell'asta precedente. In particolare, è stata collocata la nona tranche del BTp short term scadenza 30 maggio 2024 con un rendimento lordo del 2,88%, in calo di 39 punti base rispetto all'asta del mese scorso. L'importo richiesto è stato pari a 3,991 miliardi, per un rapporto di copertura di 1,78. Sono stati collocati oggi anche due BTp indicizzati all'inflazione dell'area euro. Il BTp-i a 5 anni scadenza 15 maggio 2026 è stato assegnato per 750 milioni con un rendimento lordo all'1,09% a fronte di una richiesta per 1,163 miliardi (1,55 il rapporto di copertura). Il BTp-i decennale scadenza 15 maggio 2033 è stato assegnato per 750 milioni con un rendimento lordo in calo di 23 punti base al 2,22%, a fronte di una richiesta per 1,174 miliardi (1,57 il rapporto di copertura).

In lieve aumento il prezzo del gas, balzo del petrolio

Tornano sopra quota 100 euro al MWh i prezzi del gas ad Amsterdam mentre corre il prezzo del petrolio, spinto al rialzo dalla debolezza del dollaro e dopo che le esportazioni americane hanno toccato i massimi da sempre.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave del giorno? Appuntamento quotidiano con la redazione Finanza e Risparmio che cura il podcast quotidiano “Market mover”. Ascolta il podcast
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti