La giornata dei mercati

La BoE non ferma il rally dei listini europei, ma Piazza Affari chiude sui minimi (+0,3%)

Le fosche previsioni della Bank of England sull’economia del Regno Unito, seguite al rialzo dei tassi più alto da 27 anni, non interrompono la corsa dei listini. Petrolio sotto i 90 dollari per la prima volta in sei mesi, spread chiude stabile a 214 punti

di Enrico Miele

Nancy Pelosi: Gli Stati Uniti staranno sempre con Taiwan

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Le fosche previsioni della BoE sull’economia del Regno Unito, seguite al rialzo dei tassi più alto da 27 anni, unite al calo del greggio per i dubbi sulla tenuta della domanda globale di energia, non interrompono il rally delle Borse europee che chiudono in territorio positivo, pur lontano dai massimi di giornata. A spingere i listini, come nelle ultime sedute, sono le trimestrali sopra le attese di molte big europei, dalla compagnia Lufthansa alla banca francese Credit Agricole, che riescono a frenare i timori per la recessione. A mettere in guardia gli investitori c'è però la Bce, che spiega come l’attività economica dell’area euro stia rallentando e l’aggressione dell’Ucraina rappresenti un persistente freno alla crescita. In questo clima, a Piazza Affari il FTSE MIB chiude in territorio positivo, dopo esser arrivato oltre l'1%. Guadagnano terreno anche il CAC 40 di Parigi, il DAX 40 di Francoforte, l'IBEX 35 di Madrid e il FT-SE 100 di Londra, più indietro la sola AEX di Amsterdam.

Wall Street debole dopo i rialzi della vigilia

Debole Wall Street (Dow -0,26%, S&P 5oo -0,08%, Nasdaq +0,415), dopo la seduta positiva della vigilia. Ormai alle spalle la visita a Taiwan della speaker della Camera statunitense, Nancy Pelosi, che ha creato tensioni con la Cina e sui mercati, gli investitori si concentrano sui dati macroeconomici e sulle trimestrali. Il deficit della bilancia commerciale è calato a giugno del 6,2%, più di quanto previsto dagli esperti. L'Ism servizi, l'indice che misura la performance del terziario negli Stati Uniti, è cresciuto a luglio da 55,3 a 56,7, contro attese per un calo a 54. L'indice servizi Pmi, redatto da Markit, è invece sceso dai 52,7 di giugno a 47,3 punti (le attese erano per un dato a 47 punti). Il presidente della Fed di St.Louis, James Bullard, ha detto di non credere che gli Stati Uniti siano in recessione, citando il forte mercato del lavoro e la bassa disoccupazione.

Loading...

A Milano è focus trimestrali, svetta DiaSorin. Giù Tim

In cima al listino principale la farmaceutica con Diasorin, Prysmian e Banca Mediolanum con la revisione al rialzo delle stime da parte degli analisti dopo i conti. Sulle montagne russe Tenaris, tra le migliori della mattinata, quando è arrivata a guadagnare oltre il 4%, per poi chiudere con un “rosso” finale in scia alla debolezza del greggio. Giù Saipem e Telecom Italia i cui conti non hanno scaldato il mercato. Male all’indomani della semestrale Banco Bpm. Fuori dal Ftse Mib, Banca Mps dopo l’accordo con i sindacati su 3.500 uscite entro novembre, mentre Tod's si mantiene sopra il prezzo dell’opa dei Della Valle.

Negli Usa sussidi disoccupazione in linea con le stime

Negli Stati Uniti, il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno richiesto i sussidi di disoccupazione, nella settimana terminata il 30 luglio, è aumentato di 6mila unità a 260mila, secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro (le attese erano proprio per un dato a 260mila). Nel pieno della pandemia, gli Stati Uniti avevano registrato un massimo di 6,9 milioni di nuove richieste settimanali. La media delle ultime 4 settimane è di 254.750, in aumento di 6mila unità dalla media dell'ottava precedente.

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

Spread chiude stabile a 214 punti rendimento al 2,94%

Seduta positiva per tutto il comparto dei titoli sovrani dell'eurozona scambiati sul secondario telematico Mts. L'apprezzamento dei corsi ha portato ad un generalizzato calo dei rendimenti. Il BTp si è mosso di conserva con il Bund e lo spread è rimasto praticamente invariato. In chiusura quindi il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il pari scadenza tedesco si conferma a 214 punti base, stesso livello dell'avvio e in lieve calo rispetto al closing della vigilia (216 punti). L'apprezzamento dei corsi ha fatto scendere il rendimento del titolo benchmark italiano: dal 3% di stamani al 2,94% della chiusura (3,03% il riferimento del 3 agosto).

In calo la sterlina, petrolio sotto i 90 dollari dopo sei mesi

Sul fronte dei cambi, la sterlina dopo la BoE perde quota contro l’euro, scambiato a 0,843 (da 0,836 ieri in chiusura). La moneta unica vale anche 1,022 dollari (da 1,013) e 136,28 yen (da 136,14). Dollaro/yen a 133,27 (134,34). Stabile il prezzo del gas ad Amsterdam a 199,5 euro a MWh (+0,2%). In netta discesa, infine, il petrolio con il Wti di settembre a 89,1 dollari (-1,6%), per la prima volta sotto i 90 dollari in sei mesi, con il Brent di ottobre a 94,6 dollari (-2,3 per cento).

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave del giorno? Appuntamento quotidiano con la redazione Finanza e Risparmio che cura il podcast quotidiano “Market mover”. Ascolta il podcast
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti