ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLavoro

Bper completa le passate integrazioni e prepara il terreno per i bancari di Carige

Raggiunto l’accordo con i sindacati per i lavoratori delle filiali di Intesa, Ubi, Ubis e Unipol Banca. Attenzione ai giovani e alla conciliazione vita e lavoro

di Cristina Casadei

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Bper completa il percorso di integrazione normativa dei bancari di Intesa, Ubi, Ubis e di Unipol Banca. Con gli accordi siglati con i sindacati, oltre all’armonizzazione, il gruppo guarda ai giovani e ai temi della conciliazione vita lavoro e della flessibilità.

La conciliazione vita-lavoro

Nel merito, secondo quanto spiega una nota della Fabi, gli accordi ritoccano i buoni pasto, con importi aumentati per i part-time,garantiscono gli inquadramenti per il centro imprese e il contact center. Gli istituti presenti nei diversi contratti integrativi aziendali di provenienza vengono mantenuti. Una nota della banca spiega che con le intese si è prestata molta attenzione alla conciliazione vita-lavoro dei dipendenti, definendo le possibilità di flessibilità dell’orario lavorativo, oltre a un pacchetto di permessi per affrontare esigenze specifiche della vita privata, riconoscendoli per la prima volta anche alle coppie omogenitoriali. Ci sono inoltre misure per favorire lo studio dei figli e, in casi specifici, riconoscendo contributi al dipendente.

Loading...

Il pacchetto giovani

Dalla banca valorizzano il pacchetto di norme rivolto ai giovani che entreranno nei prossimi anni, a supporto del processo di importante ricambio generazionale iniziato con il precedente piano industriale e previsto anche dal nuovo che riguarda il periodo 2022-2025. Giuseppe Corni, chief human resource officer si dice «soddisfatto per questo accordo, siglato al termine di un confronto articolato e costruttivo con i sindacati, a conferma della lunga tradizione di relazioni positive che caratterizza il nostro gruppo bancario. L’intesa raggiunta valorizza la competenza delle risorse che entreranno in BPER e permetterà di raggiungere importanti obiettivi previsti dal Piano Industriale 2022-2025, puntando sulle risorse umane come chiave essenziale per il successo di ogni iniziativa».

La preparazione del terreno per l’integrazione di Carige

Mentre il gruppo si prepara a completare l’operazione Carige per la quale, come ha recentemente spiegato l’amministratore delegato Piero Luigi Montani, l’orizzonte è il 2022, le intese sindacali di integrazione normativa dei bancari provenienti dai diversi gruppi crea «i presupposti per affrontare serenamente il percorso del piano industriale 2022-25, a partire dall’accoglimento dei nuovi colleghi provenienti dal gruppo Carige», spiega Antonella Sboro, coordinatrice Fabi di Bper. A questo si aggiunga che gli accordi hanno anche confermato i criteri del premio di risultato che, sottolinea Sboro, «per tutti i lavoratori si conferma ai più alti livelli di sistema».

Gli 8.500 ingressi e il potenziamento dell’It

Nel corso dell’ultimo consiglio nazionale della Fabi, Montani aveva spiegato che adesso per il gruppo è il momento di pensare alla fusione di Carige che dovrà essere realizzata entro l’anno e poi all'integrazione nel gruppo. «Stiamo facendo entrare 8.500 persone e stiamo potenziando l'It dove arriveremo a più di 600 persone: nel comparto lo scenario della digitalizzazione dei servizi piaccia o no è il futuro», ha ricordato il manager. Poi però come gli hanno ricordato il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, e Antonella Sboro, c’è il nuovo piano 2022-2025 con 600 chiusure di sportelli e 3.300 uscite, compensate da 1.450 assunzioni che, secondo Sboro, «chiede tempi tecnici». Montani ha comunque assicurato che tutto sarà gestito con i sindacati perché «nella sua tradizione la banca non si è mai resa indisponibile al confronto. Ci sono 3 anni per realizzarlo». Una tradizione confermata anche dagli ultimi accordi sull’integrazione normativa dei bancari Intesa, Ubi, Ubis e Unipol Banca.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti