BANCHE

Bper: via libera del cda ad aumento da 802 milioni

Sconto sul Terp del 30,97%. Rivisto anche l’utile 2021 a 350 milioni con acquisto sportelli

default onloading pic
(Imagoeconomica)

Sconto sul Terp del 30,97%. Rivisto anche l’utile 2021 a 350 milioni con acquisto sportelli


2' di lettura

Il consiglio di amministrazione di Bper ha dato il via all’aumento di capitale da 802 milioni finalizzato all’acquisizione dei 532 sportelli che Intesa Sanpaolo cederà all’istituto modenese. L’aumento avrà luogo mediante emissione di un massimo di 891.398.064 azioni ordinarie Bper da offrire in opzione agli azionisti e ai titolari delle obbligazioni convertibili rivenienti dal prestito obbligazionario convertibile “Additional Tier 1” emesso in data 25 luglio 2019 nel rapporto di 8 nuove azioni ogni 5 diritti di opzione posseduti al prezzo di sottoscrizione di 0,90 euro per ciascuna nuova azione.

Il prezzo di emissione

Il prezzo di emissione delle nuove azioni incorpora uno sconto del 30,97% rispetto al prezzo teorico ex diritto (Theoretical Ex Right Price o TERP) delle azioni ordinarie Bper, calcolato secondo le metodologie correnti, sulla base del prezzo di riferimento delle azioni Bper al 29 settembre 2020.
Il calendario dell’offerta prevede che i diritti di opzione validi per la sottoscrizione delle nuove azioni siano esercitabili, a pena di decadenza, dal 5 ottobre 2020 al 23 ottobre 2020, estremi inclusi e siano inoltre negoziabili sul mercato telematico azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana dal 5 ottobre 2020 al 19 ottobre 2020, estremi inclusi.

Closing nel II trimestre 2021

Bper Banca e Intesa, nell’ambito del confronto tecnico volto a definire modalità di attuazione del trasferimento del Ramo costituito da 532 filiali, tali da consentire la migrazione tecnica ed amministrativa, hanno individuato come periodo previsto per il closing la seconda metà di febbraio 2021 per quanto concerne le filiali di Ubi Banca e il secondo trimestre 2021 per quanto concerne il trasferimento delle filiali di Intesa Sanpaolo Il Cda di Bper, tenuto conto della nuova tempistica prevista per il closing nel corso del 2021, ha rivisto le stime dei target economico-finanziari del Ramo al 2021 adeguandole per competenza. In conseguenza di questo, l'utile netto consolidato stimato della Combined Entity (Gruppo BPER inclusivo del Ramo) al 2021 è atteso a circa 350 milioni, escludendo gli elementi one-off positivi e negativi dell'operazione e tenuto conto del contributo pro-rata del Ramo alla luce della nuova tempistica del closing. Le stime di NPE ratio lordo e cost/income ratio della nuova entità a fine 2021 sono attese rispettivamente in area 9% e 60%, con un CET1 ratio Fully Loaded atteso superiore al 13,0 per cento. Il titolo Bpder Banca ha aperto la seduta a Piazza Affari a -4%.


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti