OGGI IL PRIMO PASSO

Brexit, ecco tempi, modi e possibili sorprese del divorzio all’inglese

di Michele Pignatelli


default onloading pic
Il Premier britannico, Teresa May, firma la lettera di avvio della procedura Brexit (Epa)

3' di lettura

Con l'attivazione dell'Articolo 50 del Trattato di Lisbona, inizia oggi il percorso che porterà per la prima volta uno Stato membro, la Gran Bretagna, fuori dall'Unione europea. Gli interrogativi, procedurali e di sostanza, sono numerosi. Ne abbiamo individuati alcuni tra i più importanti.

Perché Brexit inizia oggi?
Sebbene la volontà dei britannici di uscire dall'Unione europea sia stata chiarita con un referendum il 23 giugno 2016, solo oggi Londra attiva, con una comunicazione al presidente del Consiglio Ue Donald Tusk, l'Articolo 50 del Trattato di Lisbona, che avvia e regola il meccanismo formale di uscita di uno Stato membro.

Quando partiranno i negoziati veri e propri con la Ue?
Tusk ha promesso una risposta, con le linee guida per le trattative, nel giro di 48 ore, ma bisognerà aspettare che queste siano avallate da un Consiglio europeo straordinario, convocato per il 29 aprile. E - visto che i termini del negoziato sono un tema caldo, che richiederà discussioni - non ci si attende un faccia a faccia tra le due parti prima di fine maggio-inizio giugno.

Quali sono i nodi principali?
Il capo negoziatore della Commissione Ue, Michel Barnier, vuole che prima di tutto venga fissato il “conto” che Londra deve pagare per il divorzio (stimato attorno ai 60 miliardi di euro tra impegni di budget già presi dalla Gran Bretagna e altre pendenze) e si risolvano le questioni inerenti i diritti dei cittadini e i confini e soltanto dopo si discuta di commercio. Londra ritiene che non esista alcun obbligo legale di pagamento e insiste perché si discutano subito anche le future relazioni commerciali. L'Articolo 50, senza fare piena chiarezza, recita che il negoziato deve «stabilire le modalità per l'uscita, tenendo conto del quadro delle future relazioni con la Ue».

Quanto dureranno i negoziati?
L'Articolo 50 concede due anni dall'attivazione, con possibilità di proroga se le parti sono d'accordo. Considerando i passaggi parlamentari necessari per le ratifiche finali, il termine realistico da rispettare per un'intesa è la fine del 2018.

Premier Gb May ha firmato lettera Brexit

Che cosa succederà nel biennio di negoziati, per esempio ai cittadini Ue residenti nel Regno Unito?
Nulla. A scanso di equivoci, il Governo britannico ha chiarito che continuerà ad assicurare il pieno rispetto di diritti e obblighi europei fino al giorno in cui il Regno Unito uscirà dalla Ue.

Che cosa accadrà alla scadenza del biennio di negoziati?
L'incertezza maggiore riguarda il commercio. Senza un'intesa, i rapporti dovrebbero essere teoricamente regolati dalle tariffe della Wto, dopo anni di libero scambio. Con un'intesa in divenire, ma ancora non definita, Londra e Bruxelles potrebbero accordarsi per un periodo di transizione e dunque di prolungata validità delle regole attuali.

Brexit è irreversibile?
La questione è controversa. Se per John Kerr, ex diplomatico britannico che scrisse la bozza dell'Articolo 50, un dietrofront dopo l'attivazione è possibile, non la pensa così il ministro per la Giustizia britannico, Liz Truss. Tra i Paesi Ue i pareri sono contrastanti. Va ricordato che oggi è la prima volta che uno Stato membro ricorre alla procedura.

Che ricadute avrà Brexit sulla “tenuta” del Regno Unito?
I punti deboli sono Scozia e Irlanda del Nord, che a giugno si erano pronunciate contro Brexit. Ieri il Parlamento scozzese ha dato mandato alla premier Nicola Sturgeon di negoziare con Londra un nuovo referendum sull'indipendenza, da tenere a fine 2018 o inizio 2019. Ma il Governo britannico per ora si oppone. Quanto all'Irlanda del Nord, Brexit ha ridato vigore ai repubblicani del Sinn Fein, che hanno guadagnato seggi alle elezioni del 2 marzo e premono per un referendum sulla riunificazione con l'Irlanda.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...