Notizie

Brexit fa chiudere i Jamie’s Italian a Londra ma ne arrivano altri 22 in Europa

di Nicol Degli Innocenti


default onloading pic
(Bloomberg)

2' di lettura

LONDRA- Jamie Oliver esporta la sua catena di ristoranti italiani in sempre più Paesi europei. Jamie's Italian, locali ispirati dalle trattorie italiane nell'interpretazione personale del celebrity chef, aprirà a breve 22 nuovi ristoranti in città all'estero, tra le quali Dusseldorf e Reykyavik.

I nuovi ristoranti si aggiungeranno ai 28 Jamie's Italian già aperti in città come Rotterdam, Stoccolma, Budapest. Dublino, Mosca e San Pietroburgo. La formula inventata da Oliver sembra avere tanto successo in Europa quanto ne ha avuto in Inghilterra, anche se Brexit ora sta creando problemi allo chef.

Jamie's Italian, fondato a Oxford nel 2008, punta a essere un ristorante di famiglia che propone piatti di tutti i giorni a prezzi modici, ma sempre ricette autentiche italiane e preparate con ingredienti rigorosamente made in Italy.

Proprio la promessa di usare sempre e solo prodotti italiani doc, dal parmigiano all'olio d'oliva, sta costando cara allo chef. In seguito al referendum sulla Ue del giugno scorso, e alla decisione di lasciare l'Unione, la sterlina si è indebolita contro l'euro, arrivando a perdere il 20% del suo valore. Questo ha reso molto più costoso importare ingredienti dall'eurozona in generale e dall'Italia in particolare.

Lo scorso fine settimana Oliver ha annunciato la prossima chiusura di 6 dei 42 ristoranti Jamie's Italian in Inghilterra, due dei quali a Londra, a causa soprattutto dell'aumento dei costi di importazione dei prodotti italiani.

“Il mercato è duro, come qualunque propretario di ristorante sa bene, e post-Brexit i problemi si sono intensificati, - ha dichiarato Simon Blagden, amministratore delegato della catena. – Dato che ci rifiutiamo di scendere a compromessi sulla qualità e provenienza dei nostri ingredienti, i nostri ristoranti devono servire almeno tremila pasti alla settimana per essere sostenibili.”

Le 120 persone che lavorano nei sei ristoranti inglesi verranno impiegate in altri ristoranti della catena, ha detto Blagden, sottolineando che “il business in generale sta andando molto bene.” Ora Jamie's Italian punta quindi più sull'estero che sulla Gran Bretagna, e per questo prevede l'apertura di 22 nuovi locali. Oliver prevede anche un'espansione in Australia, dove nel novembre scorso ha riacquistato i diritti al marchio Jamie's Italian che aveva ceduto.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...