ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùdopo la bocciatura del secondo referendum

Brexit, l’Europa spera ancora nell’accordo con Londra al fotofinish

di Beda Romano


Brexit, tutti i danni del no-deal sulle economie europee (e l’Italia)

2' di lettura

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
BRUXELLES – Dopo i tre voti di questa settimana nel parlamento britannico, è giunto il momento di fare ordine su Brexit e sul suo futuro. In pillole, Westminster ha deciso di bocciare nuovamente l’intesa di recesso, di escludere una uscita senza accordo, e infine di chiedere un rinvio dell’uscita dal 29 marzo al 30 giugno. A tutta prima il risultato dei tre voti è contraddittorio. E in parte lo è: riflette l’incredibile confusione in cui versa la classe politica inglese.

I Ventisette dovranno decidere all’unanimità il 21 e il 22 marzo se concedere il rinvio, e se sì, quanto debba essere lungo. Ancora nelle scorse ore, il ministro tedesco degli affari europei Michael Roth si è chiesto pubblicamente: “Rinvio: Per fare cosa?”. I Ventisette non vogliono inquinare l’organizzazione delle elezioni europee del 23-26 maggio con la perdurante presenza britannica nell’Unione, e iniziano a essere minati dalla continua incertezza provocata dal tira-e-molla inglese.

La speranza è l’ultima a morire, dice il proverbio. La premier Theresa May vuole organizzare a Westminster un terzo voto sull’accordo di recesso negoziato tra Londra e Bruxelles negli ultimi due anni. Si terrà con ogni probabilità mercoledì 20 marzo, alla vigilia del prossimo summit europeo. Il tentativo è di strappare all’ultimo secondo utile il benestare parlamentare per una uscita ordinata del Regno Unito dall’Unione europea. Inutile tentativo o scommessa eccellente?
Impossibile rispondervi con certezza, ma lo stesso establishment comunitario si aggrappa a questa possibilità. Nei fatti si spera che i brexiteers più riottosi, nelle file dei conservatori e dei laburisti, si convincano che l’approvazione dell’accordo di recesso sia in fondo la migliore assicurazione di ottenere una Brexit, a fronte dei rischi crescenti di un nuovo referendum o di nuove elezioni, che rimetterebbero in bilico la stessa uscita della Gran Bretagna dall’Unione.

È in questa ottica che va capita l’inattesa iniziativa del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk che ieri mattina con un tweet ha avvertito Londra di essere pronto a concedere una proroga lunga dell’uscita del paese dall’Unione, in cambio di una nuova strategia del Regno Unito. Dietro alla dichiarazione c’è un avvertimento ai brexiteers: se l’accordo di recesso dovesse essere nuovamente bocciato il 20 marzo, aumenterebbero i rischi di un rinvio sine die di Brexit.
Indebolita da due voti negativi, la posizione della signora May non è semplice. Per ottenere il benestare dei parlamentari, deve fare loro capire che in fondo in ballo c’è la loro sopravvivenza politica, la quale potrebbe essere messa in dubbio da nuove elezioni o da un nuovo referendum. Se l’intesa di recesso dovesse essere approvata miracolosamente la settimana prossima, un rinvio di Brexit di qualche settimana sarebbe comunque necessario per completare la preparazione legislativa del divorzio.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...