l’ultima rilevazione di YouGov

Brexit, il partito sovranista di Farage in testa nei sondaggi per le europee. Crollano i conservatori

di Nicol Degli Innocenti


Gb, Farage lancia il suo nuovo partito per salvare la Brexit

2' di lettura

LONDRA - Il Brexit Party si appresta a vincere le elezioni europee di fine maggio. Secondo l’ultimo sondaggio di YouGov reso noto oggi, il partito lanciato da Nigel Farage la settimana scorsa è nettamente in testa con il 27% delle intenzioni di voto, lasciando i laburisti al 22% e i conservatori retrocessi al 15 per cento.

Secondo il sondaggio, i partiti minori filo-europei insieme raccoglierebbero più voti di Farage: i Verdi sono al 10%, i liberaldemocratici al 9%, il nuovo partito Change Uk (fondato da ex deputati laburisti e conservatori favorevoli a un secondo referendum) al 6% e i partiti scozzese e gallese al 4 per cento.

Sir Vince Cable, leader dei LibDem, ha lanciato un appello ai partiti minori a fare campagna elettorale insieme per lanciare un chiaro messaggio anti-Farage e anti-Brexit agli elettori. Molti deputati laburisti intanto stanno facendo pressioni sul leader Jeremy Corbyn per farlo schierare nettamente a favore di un secondo referendum, convinti che questo porterebbe più voti al Labour.

Si prevede che le elezioni europee diventino inevitabilmente una sorta di referendum-bis: un’opportunità per gli elettori britannici pro-Brexit di esprimere la loro frustrazione per il fatto che, quasi tre anni dopo il referendum del 2016, la Gran Bretagna ancora non ha lasciato l’Unione Europea. E anche un’opportunità per gli elettori filo-europei di chiedere un ripensamento sulla decisione di uscire dalla Ue.

Farage è in una posizione di forza perché è un personaggio carismatico con un messaggio molto semplice – la Gran Bretagna ha un futuro migliore fuori dall’ Ue - che non è cambiato negli anni e che è stato rafforzato dagli ultimi mesi di difficili negoziati e concessioni forzate che secondo il leader sono stati una «umiliazione» per il Paese.

Il successo europeo non è una novità per Farage, che già alle ultime elezioni nel 2014 aveva battuto sia i conservatori che i laburisti con Ukip, il partito che aveva fondato. Il sostegno al Brexit Party deriva in gran parte da ex sostenitori di Ukip che ora intendono votare per Farage, come dimostrato dal dimezzarsi dei consensi per Ukip dal 14% solo una settimana fa, prima del debutto del nuovo partito, al 7% adesso.

Il resto dei voti arriva da conservatori pro-Brexit, fortemente delusi da come la premier Theresa May ha condotto i negoziati e favorevoli a uscire dalla Ue a qualsiasi costo, anche senza un accordo.
Il Governo britannico ha dovuto accettare controvoglia di organizzare le elezioni europee in cambio della concessione di un rinvio di Brexit al 31 ottobre. La May però spera ancora che l’accordo da lei concordato con l’Ue e respinto per tre volte dal Parlamento possa essere approvato al quarto tentativo e intende ripresentarlo a Westminster nelle prossime settimane.

Se l’accordo verrà approvato in tempo utile, la Gran Bretagna potrà evitare di partecipare alle elezioni europee. I preparativi per il voto comunque continuano, perché le possibilità di trovare una maggioranza in Parlamento per l’accordo sono esigue. Altrettanto flebile la speranza di un’intesa tra laburisti e conservatori che possa sbloccare l’impasse.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...