pubblicato il mandato negoziale

Brexit, ultimatum di Londra alla Ue: quattro mesi per un accordo sul commercio

Il mandato negoziale per le trattative commerciali con la Ue chiede un accordo di libero scambio sul modello canadese. Altrimenti Londra è pronta a rompere già a giugno

di Nicol Degli Innocenti

default onloading pic
(AFP)

Il mandato negoziale per le trattative commerciali con la Ue chiede un accordo di libero scambio sul modello canadese. Altrimenti Londra è pronta a rompere già a giugno


2' di lettura

LONDRA - La linea è ancora più dura del previsto. Il mandato negoziale per le trattative commerciali con l’Unione Europea, pubblicato oggi dal Governo britannico, chiede un accordo di libero scambio sul modello canadese. Se non sarà possibile, Londra è disposta ad abbandonare i negoziati già in giugno e chiudere in anticipo il periodo di transizione post-Brexit.

Nessun allineamento alle regole Ue
Downing Street ha ribadito oggi che la Gran Bretagna intende essere del tutto indipendente e libera da qualsiasi allineamento alle regole Ue e non ha intenzione di essere soggetta alla giurisdizione della Corte di Giustizia Europea in caso di dispute.
Londra spera di avere «un accordo di massima» in giugno e di concludere i dettagli entro settembre. Se però nei prossimi mesi non si faranno passi sufficienti, il Governo britannico in giugno «dovrà decidere se l’attenzione del Regno Unito dovrebbe spostarsi dai negoziati e concentrarsi solo sulla continuazione dei preparativi domestici per uscire dal periodo di transizione in modo ordinato».

Il Governo di Boris Johnson respinge quindi le richieste europee di allineamento regolamentare, di parità di condizioni e di un ruolo per quanto limitato per la Corte europea e anzi accusa Bruxelles di voler impore «regole più rigide e onerose» per limitare la sovranità britannica, chiedendo di più di quanto abbia fatto nei negoziati con il Canada o il Giappone.
I rapporti tra Gran Bretagna e Ue devono essere basati «sulla cooperazione amichevole tra parti sovrane e uguali», secondo Londra, il che vuol dire che entrambe le parti devono rispettare la reciproca «autonomia legislativa». Johnson straccia quindi la dichiarazione politica che era stata concordata e che stabiliva parità di condizioni per una transizione senza scosse.

Le richieste di Londra
Il mandato pubblicato oggi elenca le richieste britanniche, prima fra tutte un accordo di libero scambio senza tariffe, dazi o limiti quantitativi sulle merci e i prodotti agricoli. Londra punta anche a raggiungere entro giugno un’intesa sul settore finanziario basata sull’equivalenza.
Sulla questione-chiave della pesca Londra chiede un accordo a parte, soggetto a negoziati annuali che stabiliscano quote e regole di accesso ai mari. La Gran Bretagna vuole una serie di accordi separati anche sull’aviazione, sull’energia e sull’immigrazione, mentre la Ue ha messo in chiaro di volere un accordo-quadro che comprenda tutto, pesca compresa.
La distanza tra Gran Bretagna e la Ue è quindi vasta, con differenze sulle procedure, sul metodo, sui contenuti e sugli obiettivi. I negoziati che partono lunedì si prospettano tutti in salita.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti