stati uniti

Brindisi di Natale aziendale con maxibonus a sorpresa: 50mila dollari a testa

Durante la festa di Natale, una società immobiliare di Baltimora ha distribuito a sorpresa dieci milioni di dollari ai 198 dipendenti, tra urla di felicità e abbracci. Ma il resto degli Stati Uniti si rivela sempre più avaro di gratifiche monetarie, Wall Street inclusa

di Enrico Marro


Festa di Natale aziendale con bonus a sorpresa: 50mila $ a testa

2' di lettura

Urla di felicità e lacrime di gioia. Quando pochi giorni fa i 198 dipendenti della St John Properties, società immobiliare del Maryland, hanno ricevuto dall’azienda le loro buste rosse, religiosamente sigillate, pensavano ai classici auguri di Natale. E quelli c’erano, beninteso. Ma assieme al biglietto con il “Merry Christmas” ecco spuntare un assegno da colpo al cuore: 10 milioni di dollari in tutto, in media 50mila a testa. In realtà parametrati all’anzianità aziendale: si andava da un massimo di 270mila dollari a un minimo di 100 dollari, finiti in tasca un neoassunto che nemmeno aveva iniziato a lavorare. Con il salario medio che negli Stati Uniti supera di poco i 60mila dollari annui.

Il bonus multimilionario aveva una precisa motivazione. Quest’anno la St John ha raggiunto l’obiettivo fissato nel lontano 2005 di arrivare a realizzare 20 milioni di metri quadrati di spazi commerciali tra uffici, negozi e magazzini. Ma anziché ringraziare con un economico brindisi natalizio e una gratuita pacca sulle spalle, il fondatore della società di Baltimora, Edward St. John, ha deciso che voleva ricompensare i dipendenti «alla grande», per contribuire a cambiare le loro vite in modo non banale.

Nel video postato dall’azienda si vedono i dipendenti scoppiare in lacrime e abbracciarsi: nessuno sapeva del bonus prima di aprire le buste. Tutti poi si sono messi in fila e hanno dichiarato uno alla volta al presidente Lawrence Maykrantz cosa avrebbero fatto con l’assegno: in buona parte estinguere prestiti universitari, ridurre mutui immobiliari, pagare spese mediche.

Ma la St John Properties va decisamente controcorrente in un’America che, in generale, vede i bonus ai dipendenti ridursi di anno in anno nonostante la corsa dell’economia e soprattutto i record di Wall Street. Secondo un sondaggio di Challenger, Gray & Christmas appena il 10% delle aziende statunitensi quest’anno ha concesso un bonus a tutti i dipendenti, contro il 19% del 2015, mentre le imprese a stelle e strisce che hanno staccato un assegno solo per i lavoratori più meritevoli sono il 24% (quattro anni fa erano il 37,5%). In compenso, aumentano i regali non monetari, come il classico cesto di Natale, raddoppiati negli Stati Uniti dal 6,3% del 2015 all’11% di quest'anno.

Va decisamente meglio per chi lavora a Wall Street, dove i maxibonus resistono: nel 2018 in media i banker si sono messi in tasca quasi 154mila dollari a testa. Assegni d’oro massiccio imparagonabili al cesto di Natale o al bicchiere di spumante, per non parlare della pacca sulle spalle, ma comunque in caduta libera (-17%) rispetto alla media di oltre 184mila dollari dell’anno precedente.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...