Nessun indagato

Brogli elettorali, inchiesta della Procura di Roma sul voto in Canada e Germania

di Ivam Cimmarusti

default onloading pic


1' di lettura

Presunti brogli elettorali nel voto estero in Canada e Germania. Lo ipotizza la Procura della Repubblica di Roma che ha aperto un’inchiesta, allo stato senza ipotesi di reato, per verificare che non ci siano state irregolarità nello svolgimento del voto degli italiani nei due paesi. Il fascicolo relativo ai fatti canadesi è stato aperto sulla base di una segnalazione giunta dalla sede diplomatica. Allo stato i magistrati sono cauti, anche se l’apertura di un procedimento rappresenta un atto dovuto alla luce di una segnalazione dettagliata inviata alla magistrata della Procura capitolina.

L’inchiesta sui brogli elettorali
Il fascicolo è stato aperto già da alcuni giorni all’ufficio requirente di Roma e potrebbe far emergere delle anomalie. Il procedimento, coordinato dal procuratore aggiunto Paolo Ielo, è al momento senza ipotesi di reato. Nel fascicolo potrebbero finire una serie di segnalazioni giunte alla Procura di Roma da diverse sedi diplomatiche su presunte irregolarità.

Il filone d’indagine coordinato dalla Digos della polizia di Stato
Un altro fronte dell’inchiesta, invece, riguarda la presunta compravendita di 3mila voti avvenuta a Colonia, in Germania. Questo aspetto è stato denunciato durante la trasmissione televisiva de Le Iene, in un servizio che ha ricostruito questi presunti illeciti. La Digos della polizia di Stato ha acquisito il video e sta avviando accertamenti per verificare i fatti. Al termine delle indagini invierà una informativa alla Procura di Roma.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti