bilanci

Brunello Cucinelli prevede un raddoppio delle vendite nei prossimi dieci anni

Nel primo semestre ricavi in aumento dell’8,1% a 291,4 milioni e investimenti per 20 milioni. Tra i nuovi progetti in arrivo anche il kidswear, nei negozi nel 2020

di Giulia Crivelli

default onloading pic
Brunello Cucinelli

Nel primo semestre ricavi in aumento dell’8,1% a 291,4 milioni e investimenti per 20 milioni. Tra i nuovi progetti in arrivo anche il kidswear, nei negozi nel 2020


2' di lettura

Forse è un caso che alcuni dei firmatari della nuova carta etica della Corporate America fossero stati ospiti alla fine di maggio di Brunello Cucinelli nel borgo medioevale di Solomeo, dove ha sede l'azienda del lusso fondata dall'imprenditore umbro. E forse è un caso che Cucinelli sia da anni invitato ai meeting di Salesforce, a San Francisco, e che anche il ceo di questa società della Silicon Valley abbia firmato la carta etica della Business Roundtable, che sancisce come priorità delle aziende quotate la tutela dell'ambiente e il benessere dei dipendenti, non più solo i profitti e quindi gli utili per gli azionisti.

No, non è un caso: Cucinelli segue da oltre 40 anni un'idea di capitalismo umano che ha continuato a difendere anche dopo la quotazione, che risale al 2012. E che si è sempre dimostrata vincente, pure per gli investitori. Ieri l'ulteriore prova, con la pubblicazione dei dati del primo semestre: i ricavi sono saliti dell'8,1% a 291,4 milioni, con un ebitda di 49,9 milioni e una marginalità del 17,1%. La crescita ha riguardato tutti i mercati, Italia compresa: le vendite in Europa sono aumentate del 9,7%, in Nord America del 9% e in Cina del 15,9%. Forse proprio perché il vento della sostenibilità ambientale e della responsabilità sociale dell'impresa soffia ormai in ogni direzione e su ogni mercato e solo le aziende che lo apprezzano – o addirittura, come Cucinelli, hanno contribuito a generarlo – continuano a incontrare il favore dei consumatori. Persino in una situazione economica (e sociale) di grande incertezza globale, che, stando ai manuali, dovrebbe gelare i consumi, alta gamma compresa.

Loading...

Cucinelli si è detto ottimista per l'intero esercizio, ipotizzando «una crescita dei ricavi dell'8%, un raddoppio delle vendite nei prossimi dieci anni, uno sviluppo più che proporzionale della marginalità ebitda e utili sani (sic) e in crescita».
La redditività, per il fondatore del marchio del lusso famoso in particolare per l'abbigliamento in filati pregiati, è uno strumento: serve a soddisfare gli azionisti, certo, ma soprattutto a rafforza le basi per lo sviluppo di lungo periodo. Nel primo semestre sono stati investiti quasi 20 milioni e tra i progetti più recenti per rendere Cucinelli un marchio sempre più sinonimo di stile di vita c'è il kidswear, che arriverà nei negozi nel 2020.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti