CORONAVIRUS

Bruxelles contro Trump: «Blocco dei voli è scelta non condivisa»

«Quella del coronavirus è una crisi globale, non limitata a un continente e richiede cooperazione e non azione unilaterale», affermano il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen

dal nostro corrispondente Beda Romano

default onloading pic
La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen (Afp)

«Quella del coronavirus è una crisi globale, non limitata a un continente e richiede cooperazione e non azione unilaterale», affermano il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen


3' di lettura

Bruxelles - La diffusione del coronavirus sta creando nuove tensioni tra gli Stati Uniti e l’Unione europea. Bruxelles ha reagito con evidente nervosismo alla scelta americana di sospendere i voli tra i due continenti per un mese. In un comunicato, il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, hanno condannato la scelta. Nel frattempo, si moltiplicano i Paesi europei che limitano l’arrivo sul proprio territorio di cittadini italiani.

«Quella del coronavirus è una crisi globale, non limitata a un continente e richiede cooperazione e non azione unilaterale. L’Unione europea disapprova il fatto che la decisione americana di ricorrere allo stop sui viaggio sia stata presa unilateralmente e senza consultazione», si legge nel comunicato pubblicato giovedì 12 marzo e firmato dai due presidenti. La presa di posizione giunge dopo che Washington ha sospeso i voli dall’Europa, escluse l’Irlanda e la Gran Bretagna.

Coronavirus, von der Leyen annuncia Fondo Ue da 25 miliardi euro

Lo stop ai voli dall’area Schengen verso gli Stati Uniti
Il divieto americano riguarda l’area Schengen, in tutto 26 Paesi di cui 22 dell’Unione europea e altri quattro dell'area di libero scambio Efta. Dalla decisione americana sono esclusi i Paesi non Schengen: oltre all’Irlanda e al Regno Unito, anche la Bulgaria, la Croazia, la Romania e Cipro. La stampa americana fa notare che il presidente Donald Trump è proprietario di alberghi nelle isole britanniche. All’establishment comunitario la decisione non è piaciuta perché è stata presa unilateralmente.

I divieti per i cittadini italiani
Difficile criticare le scelte del presidente Trump quando in Europa si moltiplicano decisioni non dissimili e per di più smentendo la retorica del coordinamento tra i Ventisette. L’Austria sta controllando gli arrivi dall’Italia, chiedendo un certificato medico non più vecchio di quattro giorni da cui risulta che il viaggiatore non è affetto da coronavirus. La circolazione dei lavoratori transfrontalieri e dei trasporti-merci rimane autorizzata, mentre sono stati sospesi i percorsi ferroviari.
In un comunicato, il governo sloveno ha precisato che gli stessi controlli avvengono in sei punti di passaggio con l’Italia. Il certificato medico non può essere vecchio di più di tre giorni. «Se la persona non riesce a presentare il certificato (...) gli sarà comunque permesso di entrare nella Repubblica di Slovenia se la sua temperatura corporea è inferiore a 37,5° C e non mostra chiari segni di infezione del tratto respiratorio superiore (tosse, starnuti, respiro corto)».

L’Ungheria reintroduce i controlli alla frontiera
Dal canto suo, l’Ungheria ha deciso lo stato di emergenza, bloccando gli arrivi dai Paesi che più subiscono l’epidemia influenzale, ossia la Cina, la Corea del Sud, l’Iran e l’Italia. Nel contempo, il governo ungherese ha reintrodotto i controlli alla frontiera con la Slovenia e l’Austria. La misura ungherese è «senza precedente a 30 anni dalla caduta del comunismo», ha ammesso il ministro responsabile dell’ufficio del primo ministro, Gergely Gulyas.
Il codice Schengen prevede la notifica di controlli alla frontiera, nulla di più, nel caso siano reintrodotti per via di «una minaccia grave per l’ordine pubblico o la sicurezza interna». Non vi è necessità di notifica se la scelta avviene per motivi sanitari (la salute è competenza nazionale). Il governo italiano è consapevole di poter fare poco per impedire queste decisioni, ma intende ricordare nei consessi europei l’impegno dei Paesi membri alla libera circolazione delle persone e delle merci.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti