politica di coesione

Fondi Ue, Bruxelles chiede all’Italia più investimenti pubblici al Sud

Non rispettati gli impegni assunti con l'Europa per il Mezzogiorno. Senza un cambio di rotta, si profila un taglio delle risorse europee

di Giuseppe Chiellino


default onloading pic

2' di lettura

Gli investimenti pubblici con risorse nazionali effettuati nelle regioni del Mezzogiorno sono di circa il 20% inferiori rispetto agli impegni che l’Italia ha assunto con l’Unione europea e questo rischia di vanificare l’efficacia della politica di coesione e dei fondi strutturali Ue. Perciò Marc Lemaitre, direttore generale della Dg Politiche regionali (Dg Regio, nel gergo della bolla bruxellese) la scorsa settimana ha inviato una lettera al governo per sollevare il problema, con dati precisi, e ricordare alle autorità italiane che di questo passo, quando si faranno i conti di chiusura del periodo 2014-2020, c’è il rischio concreto di una “correzione” del programma.

Detto in altri termini, senza un cambio di rotta, per l’Italia si profila un taglio delle risorse europee che nel periodo in corso ammontano a circa 44 miliardi di euro, compresi i fondi destinati all’agricoltura e alle aree rurali. L’annuncio di Lemaitre è giunto a margine della conferenza stampa al Comitato delle Regioni per l’apertura della settimana dedicata alla politica di coesione che è alla 17esima edizione e vede quasi 10 mila partecipanti, non solo dell’Unione.

LEGGI ANCHE: Lombardia, competitività in caduta

Un appuntamento, l’evento di apertura, a cui di solito partecipa il commissario incaricato della politica regionale e che negli ultimi anni ha riservato poche emozioni. Ieri, invece, Lemaitre ha colto l’occasione di un Eurobarometro per togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Con il 51%, infatti, l’Italia è all’ultimo posto per percentuale di abitanti secondo i quali i progetti finanziati con i fondi europei hanno avuto un impatto positivo sullo sviluppo dei territori, mentre la media Ue è 81%. «Spesso ci sentiamo dire che la politica di coesione non produce nulla di positivo per lo sviluppo del Mezzogiorno. Ma voglio richiamare l’attenzione sulla consistente riduzione degli investimenti nazionali al Sud, fino al punto da neutralizzare e rendere vano lo sforzo europeo nelle politiche regionali nel Mezzogiorno».

LEGGI ANCHE: In Puglia oltre 21mila assunzioni grazie ai fondi Ue alle imprese

Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia rientrano nella categoria delle regioni meno sviluppate e come tali assorbono quasi tre quarti dei fondi strutturali europei destinati all’Italia, seconda beneficiaria dopo la Polonia. L’Eurobarometro segnala che l’Italia è uno dei Paesi in cui la percezione dei fondi europei è salita di più, ma sempre ultima resta.

INDICE DELLA COMPETITIVITÀ DELLE REGIONI UE

INDICE DELLA COMPETITIVITÀ DELLE REGIONI UE

Nella lettera, ha spiegato poi Lemaitre, «ho richiamato l’attenzione delle autorità italiane sul fatto che tra il 2014 e il 2016 l’Italia si era impegnata a realizzare investimenti nelle regioni del Sud per un importo pari allo 0,47% del Pil di quelle regioni ma non è andata oltre lo 0,4%. Si tratta di quasi il 20% in meno». Non solo. La situazione tende a peggiorare: «Se consideriamo anche il 2017, la percentuale scende ulteriormente allo 0,38%». In sostanza, la Commissione ha ricordato alle autorità italiane l’impegno assunto a inizio programma e le possibili conseguenze del mancato raggiungimento dell’obiettivo. «A fine programma la Commissione può decidere di operare una correzione finanziaria sull’intero importo». In pratica, un taglio dei fondi che tuttavia non arriverebbe prima del 2022.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...