Rete e panorama europeo

BT accelera su rete e taglio dei costi col laboratorio di robotica

Allo studio le tecniche di scavo ispirate ai mammiferi e agli insetti

di Simona Rossitto

Un'immagine del laboratorio di robotica di BT

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Nuove tecniche di locomozione robotica e di scavo ispirate ai mammiferi e agli insetti che passano buona parte della loro esistenza proprio a scavare. Sono tra gli studi che si stanno rivelando promettenti per la realizzazione delle infrastrutture di rete denominate "trenchless" e fanno parte del lavoro del laboratorio di test di robotica per le telecomunicazioni nel Regno Unito lanciato recentemente da BT Group che ha come obiettivo l'accelerazione della diffusione dell'infrastruttura di rete.

Il laboratorio collabora con le università e altri servizi di pubblica utilità allo scopo proprio di sperimentare la nuova gamma di robotica sviluppata nel Regno Unito applicabile alle telecomunicazioni e alle sfide dell'ingegneria civile del settore dei servizi pubblici in tutto il mondo.

Loading...

L'obiettivo è di ridurre i costi medi di 'roll out' della rete

Anche le tecniche robotiche magnetiche, di arrampicata e di attraversamento dei cavi stanno maturando, consentendo prove di proof-of-concept su pali di torri wireless e cavi aerei. L'obiettivo, e l'auspicio, di BT è quello di riuscire quanto prima a impiegare le nuove tecnologie di robotica sviluppate nel laboratorio del Suffolk per ridurre i costi medi di "roll-out" della rete, che attualmente si attestano tra le 250 e le 350 sterline per stabile. L'iniziativa si inserisce nell'ambito dei piani di R&S di BT.

Secondo quanto spiega a DigitEconomy.24 (report del Sole 24 Ore Radiocor e della Luiss Business School) Howard Watson, Chief technology officer di BT, il gruppo «è uno dei principali investitori in R&S nel mondo delle telecomunicazioni, con una lunga storia di innovazione nelle telecomunicazioni che risale al 1837. I nostri investimenti in ricerca, nel campo della fibra ottica, del 5G, dell'intelligenza artificiale, della sicurezza informatica e in molti altri ancora, ci stanno aiutando a differenziarci sul mercato e a realizzare quello che è lo scopo della nostra azienda: we connect for good».

Nel 2020-21 investiti 720 milioni di sterline in ricerca e sviluppo

Nel corso dell'intero esercizio 2020/2021 BT ha investito in ricerca e sviluppo 720 milioni di sterline, depositando 109 domande di brevetto che si aggiungono all'attuale portafoglio di oltre 5.100 brevetti e domande di brevetto.Ma non è solo posa di fibra e di rete in fibra. L'incumbent britannico sta integrando il piano per connettere il Regno Unito con l'uso della tecnologia satellitare. Grazie alla realizzazione di un accordo con l'operatore Leo nel giro di un anno potrà integrare le divisioni consumer e business con questo tipo di tecnologia. I target di BT di copertura con la rete sono molti alti e si inseriscono in un contesto oggi molto competitivo.

BT ha deciso di accelerare la copertura della rete: 25 milioni di edifici entro il 2026

La concorrenza tra operatori nella realizzazione delle migliori infrastrutture di rete fissa e mobile è, infatti, sempre più agguerrita nel Regno Unito. Oltre alla presenza di un incumbent come BT e un operatore come Vodafone, la fusione annunciata lo scorso anno tra O2 e Virgin Media, ha dato vita a un gruppo da 31 miliardi di sterline, ovvero 36 miliardi di euro e ha suscitato l'interesse di altre società come CityFibre, che ha un piano per collegare 8 milioni di edifici entro il 2025, e HyperOptic che punta a 5 milioni entro il 2024.

Nell'ultimo anno fiscale (2020/21) Openreach, società della rete controllata da BT, ha superato il record di 2 milioni di edifici raggiunti con Fttp (Fiber to the Fiber-to-the-Premises, ovvero fibra fino allo stabile) e ora conta di poter raggiungere circa 4 milioni di edifici nell'anno in corso. In considerazione del contesto politico, normativo ed economico, BT ha deciso di aumentare e accelerare la copertura totale della nuova rete Fttp passando da 20 a 25 milioni di edifici entro dicembre 2026. Di questi giorni i rumor, poi smentiti dell'interesse del colosso indiano Reliance per BT e per la controllata della rete, Openreach.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti