ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùbilancio semestrale

BTp come i Treasury nel 2019. Ma Spagna e Portogallo fanno il doppio - Il Rischio Italia

Con le politiche espansive di Fed e Bce i titoli di Stato Italiani e Usa valgono ora il 4,9% in più. Quelli di Spagna e Portogallo oltre l’8%

di Maximilian Cellino

default onloading pic

Con le politiche espansive di Fed e Bce i titoli di Stato Italiani e Usa valgono ora il 4,9% in più. Quelli di Spagna e Portogallo oltre l’8%


3' di lettura

I BTp come i Treasury. Difficile trovare occasioni per paragonare i titoli di Stato made in Usa, simbolo di solidità e di assenza di rischio o quasi, con le “traballanti” e spesso nel mirino dei mercati obbligazioni del Tesoro italiano. Eppure qualche punto di contatto esiste, non soltanto quando si considerano i rendimenti del decennale (tutti e due attorno al 2%). Se infatti un investitore avesse acquistato a inizio anno un titolo di durata media avrebbe in entrambi i casi messo a segno un guadagno medio del 4,9%, grazie all’aumento del prezzo e alle cedole nel frattempo maturate e riscosse.

La «mano» delle Banche centrali
Il fatto che nel primo semestre le performance registrate da BTp e Treasury siano esattamente le stesse è un caso, ma le ragioni che stanno dietro ai movimenti sono in fondo le stesse. Su entrambe le sponde dell’Atlantico gli investitori hanno reagito considerando la svolta “accomodante” delle Banche centrali: la Federal Reserve americana che, secondo le attese dei mercati, si appresta a tagliare di nuovo i tassi di interesse (al momento compresi fra il 2,25% e il 2,50%) e la Bce che preannuncia un atteggiamento accomodante più a lungo.

Loading...

Certo, i bond Usa hanno raggiunto il risultato in modo graduale da inizio anno, mentre i nostri titoli lo hanno fatto fra alti e bassi e attraversando numerose fasi di tensione legate al debito e al braccio di ferro in corso con la Ue. Resta però il fatto che i BTp riescono comunque ad attirare gli investitori anche in un contesto complicato come quello attuale, e questa è una notizia incoraggiante.

Molto meno positivo è il paragone con il resto dell’Eurozona, dove i titoli hanno reso in media il 5,9% nel semestre: in questo caso il bicchiere sembra mezzo vuoto, perché se si eccettua la Germania dei Bund (+4,1%, pur sempre un risultato positivo) il confronto appare davvero perdente quando si considerano Spagna e Portogallo. Già, perché i titoli dei due Paesi che un tempo condividevano le sorti dell’Italia hanno messo a segno guadagni rispettivamente dell’8,7% e dell’8,5%: cifre che danno un’idea del cammino che avrebbe potuto compiere anche l’Italia in assenza di pressioni.

Strade di nuovo separate?
Il futuro prossimo potrebbe riservare però di nuovo destini differenti a BTp e Treasury. «Le obbligazioni “core” sono destinate a beneficiare ulteriormente del maggior stimolo messo in cantiere sia dalla Fed e dalla Bce», sostiene Chiara Cremonesi, strategist sul reddito fisso di UniCredit Research che, pur non aspettandosi una replica delle performance degli ultimi mesi, pensa che il rendimento del Bund possa scendere a -0,45% e quello del Treasury attestarsi all’1,75% entro il terzo trimestre dell’anno.

Le imminenti revisioni di giudizio delle agenzie di rating e la Legge di Bilancio 2020 sono una delle principali fonti di rischio e metteranno probabilmente pressione sui BTp nella seconda parte dell’anno

Per i titoli italiani la vicenda è ovviamente più complessa: «Hanno beneficiato della retorica accomodante della Bce e un ulteriore restringimento dello spread potrebbe materializzarsi nel breve termine, ma i fondamentali del paese e le prospettive politiche rimangono deboli», avverte ancora Cremonesi. Che poi aggiunge: «Le imminenti revisioni di giudizio delle agenzie di rating e la Legge di Bilancio 2020 sono una delle principali fonti di rischio e metteranno probabilmente pressione sui BTp nella seconda parte dell’anno, quando ci aspettiamo che si verifichino episodi temporanei di ampliamento degli spread». La tregua con i mercati è sempre appesa a un filo.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Maximilian CellinoRedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: italiano, inglese, tedesco

    Argomenti: Mercati finanziari, politiche monetarie, risparmio gestito, investimenti, fonti alternative di finanziamento, regolamento del sistema finanziario

    Premi: Premio State Street 2017 per il giornalista dell'anno - Categoria Innovazione

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti