LE PREVISIONI

BTp, per gli operatori possibile un lunedì di rally dopo lo scampato pericolo «junk»

di G.Me.

Moody’s declassa l’Italia, cosa può succedere sui mercati

3' di lettura

Può sembrare un paradosso dopo il declassamento di Moody’s e l’assegnazione di un rating a Baa3, il più basso di sempre e un solo gradino al di sopra del baratro del «junk». Eppure secondo una convinzione diffusa tra gli analisti di mercato in questo weekend di alta tensione su manovra e decreto fiscale, lunedì mattina potremmo assistere a un rally dei BTp.

Com’è possibile? Semplice, i due scenari peggiori, cioè un doppio declassamento a «spazzatura» o in alternativa un cambiamento dell’outlook da stabile a negativo, non si sono materializzati. E tanto basta agli investitori per «festeggiare». Con i chiari di luna di questo periodo, insomma, anche una bocciatura può essere interpretata come una buona notizia.

Loading...

Bocciatura sì ma evitato il baratro (per ora)
Quella di Moody’s è stata «la mossa più morbida tra quelle possibili - spiega all’agenzia Bloomberg Ciaran O’Hagan, capo delle strategie sui tassi nell’area euro di Société Générale - L’incertezza è stata rimossa. E questo merita di essere premiato con un buon rally».

Altri operatori di mercato sono sulla stessa lunghezza d’onda. Secondo lo spagnolo Banco Bilbao Vizcaya Argentaria il declassamento di un solo gradino potrebbe portare lo spread - che venerdì ha chiuso a 315 - verso quota 250 punti base. Più prudente, ma sempre ottimista, Citigroup, secondo cui l’outlook stabile può far scendere il differenziale con i Bund tedeschi al di sotto dei 300 punti base.

Lo spread ha già corso tanto
La (relativa) fiducia nasce dal fatto che la massiccia ondata di vendite sui titoli di Stato italiani ha già portato il rischio Italia a livelli non lontani da quelli di Paesi con un rating «junk». Venerdì mattina, il rendimento sui BTp decennali è schizzato fino al 3,81%, un picco mai visto dal 2014, quando l’Eurozona era ancora in piena convalescenza dalla crisi del debito sovrano. E lo spread è più che raddoppiato da quando a metà maggio M5S e Lega hanno firmato il contratto di governo, passando da 130 punti a oltre 300. Quanto a Piazza Affari, nell’era giallo-verde ha lasciato sul terreno il 21,5%, mentre il settore bancario è sotto del 34,6 per cento. Un bilancio talmente negativo che può lasciare lo spazio per un rimbalzo nel breve termine.

Ma l’incertezza non svanisce in un week end
Il punto è un altro: se anche accadesse, quanto potrebbe durare? Difficile fare previsioni, ma certo nel medio termine le prospettive appaiono ben più problematiche. Di sicuro gli elementi di incertezza non sono affatto svaniti. Venerdì prossimo, tocca a Standard & Poor’s esprimersi sull’Italia: un anno fa, l’agenzia aveva addirittura alzato il nostro rating a BBB, la prima promozione dal 1988. Due gli scenari più probabili: un declassamento, con il ritorno a BBB- (un gradino al di sopra del junk, come per Moody’s), o un cambiamento dell’outlook da stabile a negativo.

Nervi tesi Roma-Bruxelles
Ancora più imminente è il tema caldo del confronto-scontro tra governo e Commissione europea, che entro lunedì a mezzogiorno attende la risposta alla lettera in cui Bruxelles denuncia una deviazione «senza precedenti» dal percorso di riduzione del deficit strutturale. Il vice premier Di Maio ha detto che l’esecutivo non intende muoversi dal 2,4% di deficit indicato per il 2019 e anche il premier Conte sembra sulla stessa linea. Se così sarà, diventa assai probabile che Bruxelles spedisca una nuova lettera all’Italia, bocciando per la prima volta nella sua storia una manovra prima della sua approvazione in Parlamento e aprendo un periodo di conflittualità con l’avvio di una procedura di deficit eccessivo, che può portare fino a sanzioni economiche. Il tutto mentre la legge di bilancio compie il suo percorso in Parlamento non senza tensioni tra le forze di maggioranza, come dimostrato nei giorni scorsi dalla lite sul condono fiscale. I motivi di incertezza, insomma, non sono certo scomparsi in un week end.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti