ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùObbligazioni

Btp Italia: nel primo giorno di collocamento raccolti 3,4 miliardi

Il risultato è inferiore a quello della 16ma emissione di maggio 2020 quando il BTp Italia raccolse oltre 4 miliardi con la sottoscrizione di 109mila contratti

La Borsa, gli indici del 20 giugno 2022

2' di lettura

Esordio positivo per il BTp Italia che, nella prima giornata della 17ma emissione, ha raccolto ordini complessivi per 3,416 miliardi di euro. I contratti conclusi sono stati oltre 88mila. Il risultato del primo giorno di collocamento risulta comunque leggermente inferiore a quello segnato in occasione dell’esordio della 16ma emissione del maggio 2020 quando il BTp Italia raccolse oltre 4 miliardi di euro attraverso la sottoscrizione di 109mila contratti.

Oggi si è aperta la prima fase del periodo di collocamento, dedicata a risparmiatori individuali, che si protrarrà fino a mercoledì 22 giugno, salvo chiusura anticipata. La seconda fase, dedicata agli investitori istituzionali, avrà luogo nella giornata di giovedì 23 giugno. Il BTp Italia ha una durata di 8 anni e ha una scadenza al 28/06/2030 ed è un titolo indicizzato al tasso di inflazione italiana, con cedole corrisposte ogni 6 mesi insieme alla rivalutazione del capitale per effetto dell'inflazione dello stesso semestre.

Loading...

La domanda è stata positivo lungo tutto l’arco della giornata per il nuovo Btp Italia Giugno 2030, che a metà del primo giorno di collocamento sfiorava i 2,5 miliardi di euro, secondo quanto riportato dal sito di Borsa italiana nel monitoraggio delle 14,30: a quell’ora si registravano 2,470 miliardi di domanda a fronte di 62.567 contratti.

Proprio per la maggiore vulnerabilità, i titoli di Stato italiani offrono rendimenti più elevati rispetto alle altre emissioni europee. Il nuovo BTp Italia ha un tasso annuo minimo garantito dell’1,6%, al quale va aggiunta l’inflazione. Nel nostro Paese, i prezzi salgono al ritmo del 6,8%, come non succedeva da più di trent’anni e, infatti, i bond legati al carovita da gennaio hanno salvaguardato l’investitore, a differenza di quelli a tasso fisso.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti