ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGenova

Bucci «sindaco del fare» verso il bis a Genova al primo turno. Priorità le infrastrutture

Per Bucci (centrodestra), già commissario straordinario per la ricostruzione del ponte Morandi, la priorità numero uno è la Gronda considerata fondamentale per il porto, l’economia, la crescita. Altro obiettivo è triplicare il tracciato della metropolitana entro i prossimi 5 anni

di Andrea Gagliardi

Election day, seggi vuoti anche a Genova

3' di lettura

Appoggiato da tutto il centrodestra oltre che da Italia Viva ed esponenti di Azione, Marco Bucci, classe 1959, “sindaco del fare” (nel 2017 strappò la città alla sinistra per la prima volta), in base agli exit poll va verso la riconferma al primo turno. A Bucci è assegnata una percentuale tra il 51 e il 55% contro il 36-40% del principale antagonista, l’avvocato Ariel Dello Strologo, candidato dell’area progressista.

Stando così i numeri per Bucci si tratterebbe di un successo netto e soprattutto un gradimento che la campagna elettorale degli oppositori non ha saputo scalfire perché i primi sondaggi lo davano in vantaggio di 10-15 punti su Dello Strologo e tale distanza pare sia confermata

Loading...

Infrastrutture strategiche

Alle spalle una lunga carriera di manager dell’industria farmaceutica (lavorando anche in Svizzera e negli Stati Uniti) il manager prestato alla cosa pubblica, forte della gestione degli ultimi 5 anni in cui Genova è passata dal suo “Gound zero” (con il crollo del ponte Morandi) alla ricostruzione in tempi record del viadotto San Giorgio, ha puntato tutto sulle infrastrutture. «Abbiamo rimesso in moto la città dopo 25 anni - ha afferma - ora dobbiamo portare avanti altre opere, dall’alta velocità alla Gronda, allo sviluppo della rete metropolitana». Tra gli obiettivi, anche quello di una mobilità green: «Tutti i bus saranno elettrici» assicura.

Subito al lavoro per la nuova giunta

Commissario straordinario per la ricostruzione del ponte Morandi, Bucci ha messo a profitto sul piano dei consensi il lavoro fatto oltre alla notorietà che gli è derivata dalla gestione della ricostruzione. «La prima cosa per tornare subito a lavorare - spiega, rispondendo su quale sia, in caso di rielezione, il primissimo atto da portare a termine per la città - sarà comporre la Giunta, ma poi mettere a terra i tanti progetti già finanziati. Dovremo poi gestire il rapporto con gli uffici interni e i contatti con i ministeri, ma partiremo subito con il raddoppio delle risorse a disposizione per la manutenzione e quelle per il sociale, che passeranno da 65 a 80 milioni».

Grandi opere, la priorità è la Gronda

Poi c’è il capitolo grandi opere. «Sarò anche pesantemente “sopra” alla Gronda - ricorda - è la priorità numero uno. La città aspetta da troppo tempo un’infrastruttura fondamentale per il porto, l’economia, la crescita. Parallelamente, la metropolitana: vogliamo triplicarne il tracciato entro i prossimi 5 anni da Prato fino a Rivarolo e fino a Sampierdarena».

La sfida delle risorse del Pnrr

La sfida dei prossimi anni sarà dettata anche dai tempi stretti per le risorse del Pnrr. «I 10 miliardi di euro di investimenti pubblici che avremo da spendere a Genova - ricorda il primo cittadino - nei prossimi anni genereranno a loro volta 15-20 miliardi di euro di investimenti privati, che si assoceranno al sistema creando un volano positivo. Una cosa mai successa prima in città. Abbiamo intenzione di mettere sul piatto 200 milioni l’anno per i prossimi 5 anni: sarà il miliardo meglio speso per la città».

Lavoro e nuove povertà

Ma il prossimo sindaco dovrà affrontare anche un’altra emergenza che riguarda Genova come il resto d’Italia: lavoro e nuove povertà. «Quello delle “nuove povertà” - dice Bucci - è un problema di fronte al quale l’amministrazione non può sottrarsi, investendo prima di tutto sul lavoro abbiamo già lanciato la proposta di un assessorato al Lavoro per il Comune di Genova, non solo per creare nuovi posti, ma anche per occupare quelli esistenti, attraverso la formazione e azioni specifiche». Il sindaco ha poi ricordato l’istituzione, dal 2017, dell’Agenzia della famiglia. «Lavora - dice - a supporto delle autorità istituzionali per valutare gli impatti sulle famiglie prodotti da progetti e iniziative legislative. Abbiamo attivato sostegni economici per le giovani coppie ed i nuovi nati residenti attraverso politiche di defiscalizzazione, accessi agevolati a servizi e buoni spesa per l’acquisto di prodotti e prestazioni: aiuti concreti tracciabili dalla pubblica amministrazione nel segno della massima trasparenza».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti