ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCovid

Bufera sul sottosegretario alla Salute Gemmato (Fdi) scettico sui vaccini. Letta e Calenda: si deve dimettere

«Io non cado nella trappola di schierarmi a favore o contro i vaccini» ha dichiarato». Dopo la richiesta di dimisssioni il dietrofront: «Vaccini armi preziose, mie parole decontestualizzate»

Covid, il sottosegretario Gemmato: “Non c’è prova che senza vaccini sarebbe stato peggio”

2' di lettura

Esplode il caso Gemmato. Il sottosegretario al ministero della Salute (Fdi), ospite di Restart su Rai2 ha messo in dubbio l’efficacia dei vaccini. «Registro che per larga parte della pandemia» di Covid-19 «l’Italia è stata prima per mortalità e terza per letalità, quindi questi grandi risultati non li vedo raggiunti» ha affermato il sottosegretario. E al vicedirettore del Corriere della Sera Aldo Cazzullo, che ha osservato «senza vaccini sarebbe stato magari peggio», l’esponente di Fratelli d’Italia, laureato in farmacia, ha replicato: «Questo lo dice lei, non abbiamo l’onere della prova inversa. Ma io non cado nella trappola di schierarmi a favore o contro i vaccini».

Covid, Letta: Gemmato non può rimanere in carica

Immediata la reazione del segretario Pd, che ha chiesto le dimissioni di Gemmato: «Un sottosegretario alla Salute che nega i vaccini non può rimanere in carica» ha scritto in un tweet Enrico Letta.

Loading...

Orfini: governo deve chiedere dimissioni Gemmato

«E abbiamo anche un sottosegretario alla salute che dice che non abbiamo prove che i vaccini funzionino. Un governo normale lo farebbe dimettere in 5 secondi per manifesta ignoranza» rincara la dose su Twitter Matteo Orfini, deputato del Partito democratico, nel commentare le dichiarazioni del sottosegretario alla salute Marcello Gemmato sui vaccini.

Calenda: Gemmato si deve dimettere

Stessa richiesta da parte del leader del Terzo Polo Carlo Calenda su Twitter: «Gemmato si deve dimettere. Un sottosegretario alla Salute che non prende le distanze dai no vax è decisamente nel posto sbagliato». «Le dichiarazioni del sottosegretario alla salute Marcello Gemmato sono gravi, visto il ruolo che ricopre. La campagna vaccinale e la straordinaria adesione degli italiani non sono tema su cui chi ricopre un ruolo così importante può affermare che ’non si schiera a favore o contro i vaccini’. Anche perché i vaccini sono ancora necessari per le quarte dosi per anziani e fragili: il revisionismo del governo su questo tema è irrispettoso, inaccettabile e perfino pericoloso». Così in una nota Mariastella Gelmini, vicesegretario nazionale e portavoce di Azione.

Gemmato: vaccini armi preziose, mie parole decontestualizzate

A seguire il dietrofront di Gemmato: «I vaccini sono armi preziose contro il Covid, le mie parole decontestualizzate e oggetto di facili strumentalizzazioni» ha detto il sottosegretario in seguito alle polemiche sulle sue dichiarazioni in merito all’efficacia dei vaccini. «Sono stupefatto dalle strumentalizzazioni che l’opposizione sta montando in queste ultime ore in merito ad alcune mie dichiarazioni rilasciate ieri alla trasmissione Re Start di Rai 2. Ho sempre sostenuto la validità dei vaccini e la capacità che hanno di proteggere soprattutto i più fragili», ha precisato in una nota.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti